Maggio 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli archivi nazionali degli Stati Uniti affermano che Donald Trump ha spostato materiali classificati dalla Casa Bianca alla Florida

L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha passato informazioni riservate alla sua casa in Florida dopo aver lasciato la Casa Bianca, ha detto un funzionario degli archivi nazionali.

La National Archives and Records Administration (NARA) degli Stati Uniti ha rivelato i dettagli in una lettera al Congresso su 15 scatole di documenti che ha recentemente recuperato dalla residenza di Trump a Mar-a-Lago.

La lettera afferma che gli archivi nazionali hanno informato il ministero della Giustizia, che gestirà qualsiasi indagine.

“NARA ha identificato elementi che sono stati contrassegnati come informazioni classificate sulla sicurezza nazionale all’interno delle scatole”, ha detto l’archivista statunitense David Ferrero in una lettera alla deputata democratica Caroline Maloney, presidente del comitato di sorveglianza della Camera.

La commissione di Maloney sta valutando la gestione dei documenti da parte di Trump da parte del presidente repubblicano, che ha lasciato l’incarico nel gennaio 2021.

Anche i politici statunitensi stanno cercando informazioni sul contenuto delle scatole recuperate da Mar-a-Lago, ma gli archivi nazionali hanno indicato che i documenti stanno lavorando per impedirne la divulgazione.

Un portavoce di Trump non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Veduta aerea del club Mar-a-Lago di Donald Trump in Florida
I documenti riservati sono stati trovati nella residenza del signor Trump a Mar-a-Lago, in Florida.(Reuters: Carlos Barria)

Ma il signor Trump ha recentemente smentito le notizie sulla debole relazione della sua amministrazione con gli archivi nazionali e i suoi avvocati hanno affermato che “continuano a cercare ulteriori documenti presidenziali appartenenti agli archivi nazionali”.

Le e-mail e i registri dei social media non vengono acquisiti

La lettera del signor Ferrero affermava che alcuni dipendenti della Casa Bianca conducevano affari ufficiali utilizzando account di messaggistica e-mail non ufficiali che non erano stati copiati o inoltrati agli account di posta elettronica ufficiali e che stavano ottenendo alcuni di quei record mancanti.

La lettera descrive in dettaglio come alcuni record dei social media non siano stati sequestrati e conservati dall’amministrazione Trump.

Il Presidential Records Act richiede la conservazione di promemoria, lettere, note, e-mail, fax e altre comunicazioni scritte relative ai doveri ufficiali del presidente.

Rivendicando il privilegio esecutivo, Trump ha tentato senza successo di citare in giudizio per fermare il rilascio di documenti dalla Casa Bianca, anche davanti al comitato ristretto della Camera per indagare sull’attacco del 6 gennaio 2021 al Campidoglio degli Stati Uniti.

ABC / filo

READ  Il capo dello staff ha affermato che Trump è risultato positivo al COVID-19 prima della discussione