Aprile 20, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli abbaglianti diamanti della galassia brillano in una nuova immagine del telescopio Webb

Gli abbaglianti diamanti della galassia brillano in una nuova immagine del telescopio Webb

Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di incredibili scoperte, progressi scientifici e altro ancora.



Cnn

Il James Webb Space Telescope ha catturato una prospettiva unica dell’universo, comprese galassie mai viste prima che brillano come diamanti nel cosmo.

La nuova immagine, rilasciata mercoledì come parte di uno studio pubblicato su Il giornale astronomicocome parte del programma Observation of Major Extragalactic Regions of Reionization and Lensing Sciences, chiamato PEARLS.

È una delle prime immagini dell’universo ad ampio campo e profondità media, con “profondità media” che indica l’oggetto visibile più debole e “campo ampio” che si riferisce alla regione dell’universo catturata nell’immagine.

“La straordinaria qualità delle immagini di Webb è davvero fuori dal mondo”, ha dichiarato in una dichiarazione il coautore dello studio Anton Kwikmore, astronomo ricercatore presso lo Space Telescope Science Institute di Baltimora, che ha raccolto le immagini di PEARLS in un mosaico. “Per osservare galassie molto rare all’alba del tempo cosmico, abbiamo bisogno di immagini profonde su una vasta area, che è ciò che fornisce questo campo PEARLS.”

Il telescopio di Webb si è concentrato su una parte del cielo chiamata polo nord dell’eclittica ed è stato in grado di utilizzare otto diversi colori di luce nel vicino infrarosso per vedere oggetti celesti che sono un miliardo di volte più deboli di quelli che possono essere visti ad occhio nudo.

Migliaia di galassie brillano a distanze diverse e parte della luce nell’immagine ha viaggiato per quasi 13,5 miliardi di anni per raggiungerci.

“Sono rimasto sbalordito dalle prime immagini di PEARLS”, ha dichiarato in una dichiarazione il coautore dello studio Rolf Jansen, ricercatore presso l’Arizona State University e co-investigatore di PEARLS.

READ  La NASA rileva le prime onde sismiche all'interno del nucleo marziano

Non sapevo, ha detto, quando ho selezionato questo campo vicino al Polo Nord, che avrebbe prodotto un tesoro di galassie lontane e che avremmo ottenuto prove dirette sui processi attraverso i quali le galassie si raccolgono e crescono. ruscelli e code e conchiglie e aloni di stelle nei suoi sobborghi, e i resti dei suoi edifici”.

I ricercatori hanno combinato i dati di Webb con tre colori di luce ultravioletta e visibile catturati dal telescopio spaziale Hubble per creare l’immagine. Insieme, le lunghezze d’onda della luce di entrambi i telescopi rivelano profondità e dettagli senza precedenti per la ricchezza di galassie nell’universo. Molte di queste galassie lontane sono sfuggite a lungo a Hubble, così come ai telescopi terrestri.

L’immagine rappresenta solo una parte dell’intero campo PEARLS, che sarà circa quattro volte più grande. Il mosaico è persino migliore di quanto gli scienziati si aspettassero dopo aver eseguito simulazioni nei mesi prima che Webb iniziasse a fare osservazioni scientifiche a luglio.

“Ci sono molte cose che non avrei mai pensato che saremmo stati effettivamente in grado di vedere, inclusi singoli ammassi globulari attorno a galassie ellittiche distanti, nodi di formazione stellare all’interno di galassie a spirale e migliaia di deboli galassie sullo sfondo”, ha detto il coautore dello studio Jake Summers, Ricercatore associato presso l’Arizona State University, in una dichiarazione.

Altri sfarfallii nell’immagine rappresentano un gruppo di stelle nella nostra galassia, la Via Lattea.

Misurare la luce diffusa davanti e dietro le stelle e le galassie nell’immagine è come “codificare la storia dell’universo” perché racconta la storia dell’evoluzione cosmica, secondo la coautrice dello studio Rosalia O’Brien, assistente di ricerca laureata presso Stato dell’Arizona. Università in un comunicato.

READ  Gli astronomi hanno scoperto due insoliti oggetti rossi nella cintura degli asteroidi

In futuro, il team di PEARLS spera di vedere più oggetti in questa regione, come stelle esplosive lontane o bagliori di luce intorno ai buchi neri, perché variano in luminosità.

“Questo campo unico è stato progettato per essere osservato con Webb 365 giorni all’anno, quindi l’eredità della scala temporale, dell’area coperta e della profondità raggiunta può solo migliorare con il tempo”, ha affermato Roger Windhorst, autore principale dello studio. e il principale investigatore di PEARLS, in una dichiarazione.