Maggio 9, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Giulio Regini: squadra italiana per il verdetto del tribunale in caso di omicidio Notizie dall’Europa

Roma, Italia – Un giudice a Roma deciderà se quattro agenti dell’Agenzia per la sicurezza nazionale egiziana (Nsa) debbano affrontare un processo per il rapimento, la tortura e l’omicidio dello studente italiano Giulio Regini, morto cinque anni fa nella periferia del Cairo .

Regini, uno studente di dottorato di 28 anni che svolgeva attività di ricerca sui sindacati in Egitto, è scomparso il 25 gennaio 2016 al Cairo.

Il suo corpo è stato trovato sul ciglio dell’autostrada nove giorni dopo.

L’assassinio ha scioccato l’Italia e ha portato alla richiesta di consegnare gli autori alla giustizia, con i pubblici ministeri che accusavano le autorità egiziane di non aver collaborato.

Il processo dei pubblici ministeri si è concluso a dicembre; Hanno detto di avere prove “chiare” a sostegno delle accuse di rapimento contro il generale Tariq Sabeer, il colonnello Usham Helmi, il colonnello Athar Kamal Mohammad Ibrahim e il maggiore Magdi Ibrahim Abdel Sharif.

Lo sceriffo è anche indagato in relazione al ferimento e all’omicidio.

Giovedì un giudice a Roma deciderà se la presenza di agenti è sufficiente per proseguire il processo.

“Questo è senza precedenti”, ha detto ad Al Jazeera Hussein Boumi, un ricercatore egiziano di Amnesty International.

“Allora è venuto semplicemente alla nostra attenzione [NSA] L’agente deve essere ritenuto responsabile o perseguito per tortura, rapimento e omicidio, anche se non lo è.

“La tortura da parte degli ufficiali della Nsa non è mai un segreto, ma questo processo offre l’opportunità di portare il dibattito in un tribunale”.

L’assassinio ha scioccato l’Italia e ha ripetutamente chiesto che gli autori siano assicurati alla giustizia insieme a coloro che sono accusati di non aver collaborato con le autorità egiziane. [File: Mohamed Abd El Ghany/Reuters]

Nuovi testimoni

A dicembre, i pubblici ministeri hanno nominato cinque testimoni chiave del loro caso.

Un dipendente di 15 anni della Nsa ha testimoniato di aver visto Regini all’interno dell’ufficio numero 13 dell’ufficio di Lasagli dell’agenzia, una vecchia villa dove gli stranieri sospettati di complottare contro la sicurezza nazionale del paese venivano solitamente portati dentro secondo una trascrizione del tribunale italiano.

READ  Il pollo spagnolo è arrivato in Italia. Produttore: "Quello che offriamo non è un sostituto della carne, ma il suo successore" - Internazionale

Regene è stata trovata seminuda, torturata e priva di sensi dal 28 al 29 gennaio in manette.

Dopo che i quattro agenti sono stati nominati e incriminati, circa 10 persone si sono offerte volontarie per rivolgersi agli avvocati italiani.

Di questi, tre testimoni sono stati considerati credibili e sono stati ufficialmente inclusi nel caso a metà aprile, ha detto ad Al Jazeera una fonte giudiziaria italiana.

Testimoni hanno detto che dopo la diffusione della notizia dell’accusa, i Testimoni “hanno osato farsi avanti e dire quello che sapevano”.

Uno dei testimoni era Reginald, leader sindacale e amico di Mohammed Abdallah, che stava facendo ricerche come parte della sua dissertazione.

Il testimone ha detto agli investigatori di aver incontrato Abdullah il 2 febbraio, un giorno prima del ritrovamento del corpo di Regini.

Fonti giudiziarie hanno detto che Abdullah ha detto ai testimoni che era nell’ufficio della Nsa quando ha sentito una conversazione telefonica tra due agenti sulla morte di Regini e su come il suo corpo avrebbe potuto essere danneggiato per coprire l’omicidio come parte di una rapina.

Il ministro degli interni egiziano ha dichiarato nel marzo 2016 che cinque membri di una banda criminale erano in possesso di alcuni dei beni del ricercatore da parte delle forze di sicurezza.

Ma gli avvocati italiani si sono rifiutati di coprire il reclamo.

Funzionari egiziani hanno negato qualsiasi coinvolgimento nelle uccisioni. Alla fine di dicembre, i pubblici ministeri del Cairo hanno negato qualsiasi accusa contro i quattro ufficiali.

Ministro degli interni egiziano Nel marzo 2016, le forze di sicurezza hanno sequestrato cinque membri di una banda criminale e alcuni beni del ricercatore. [Egyptian Interior Ministry/AP]

Cosa succede dopo?

Sebbene tutti e quattro i sospetti siano stati giudicati colpevoli, gli osservatori affermano che è improbabile che l’Egitto collaborerà di nuovo.

READ  Studenti benedettini isolati in Italia, in attesa delle prossime tappe

Antonella Masaro, docente di diritto penale all’Università di Roma, ha detto ad Al Jazeera: “Tuttavia, questo permette di mettere nero su bianco quello che è successo e chi deve essere ritenuto responsabile.

La storia di Regene ha afflitto il paese per anni.

I suoi genitori hanno lanciato una campagna online per provare a fare pressione sui funzionari accusati di chiudere un occhio quando si tratta di dare priorità agli interessi economici.

Nel frattempo, i gruppi per i diritti hanno a lungo accusato il governo del presidente Abdel Fattah L-CC di punire consentendo l’uso improprio della tortura, mentre non è riuscito a consegnare i responsabili alla giustizia.

“Questo caso non ha alcuna relazione con il potere del CC o con la sua posizione in Egitto”, ha detto Yeshid Saeed, un collega anziano del Carnegie Middle East Center.

“Non influisce sui rapporti con l’Italia. Il governo italiano ha più volte dimostrato che il caso Regene non interferirà con il commercio, gli investimenti e le relazioni energetiche con l’Egitto”.

Dal 2015 Roma e Il Cairo hanno stretto i loro legami economici, soprattutto dopo la compagnia petrolifera italiana Eni. Il giacimento di gas di Johor è stato scoperto in Egitto.

L’Italia fornisce armi anche all’Egitto.

Dall’anno in cui Regini è scomparso fino al 2019, le vendite di armi da Roma al Cairo sono passate da 8,3 milioni di dollari a 980 milioni di dollari, secondo i rapporti parlamentari.

In attesa della fine di giovedì, Amnesty International ha dichiarato: “È importante che le nazioni garantiscano il rispetto dei diritti umani per evitare un altro regime”.