Maggio 19, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Giro d’Italia 2022 – Tappa 1 LIVE: Mathieu van der Poel punta alla vittoria anticipata e maglia rosa al debutto

Ciclismo

Giro d’Italia | livello 1

dalle 12:00 alle 18:00

12:58 – Intermarché si è unito alla festa

143 chilometri da percorrere: Il team belga ha mandato in testa anche un pilota insieme ad Alpecin-Fenix ​​e DSM. Stanno lavorando per il loro uomo Biniam Girmay, che non vede l’ora del suo primo scalpo del Grand Tour al suo debutto al Giro. Il 22enne eritreo dovrà affrontare l’opposizione di Matthew van der Poel e forse anche di Caleb Ewan, mentre non dovremmo scartare i corridori della muffa Alejandro Valverde, Belo Bilbao, Diego Ulissi e forse anche Richard Karabaz.

Giro d’Italia

‘Che vista!’ – I cavalieri Wild Moment con le spade sui cavalli rubano l’attenzione al Giro

3 minuti fa

Il divario tra i piloti di Drone Hopper si è ridotto a otto minuti dopo aver raggiunto il picco di circa 11 minuti. Ecco i latitanti, Mattia Paes e Filippo Tagliani…

Filippo Tagliani d’Italia, Mattia Paes d’Italia e Team Drone Hopper – Androni Giocattoli – Sidermec combattono per il breakout durante il 105° Giro d’Italia 2022, Fase 1

Credito immagine: Getty Images

12:37 – Sarà una lunga giornata per tutti

156 chilometri da percorrere: Così ha detto Sean Kelly. Almeno, Alpecin-Fenix ​​​​e il Team DSM stanno facendo il loro lavoro per assicurarsi che non sia il più lungo possibile… Il Team Mathieu van der Poel ha inviato uno dei suoi corridori in testa per aiutare a controllare il divario, mentre DSM , che ha Alberto Dainese negli sprint e Romain Bardet è nel Team GC, ha alcuni corridori proprio dietro al treno Ineos Grenadiers. Il distacco era di 11 minuti ma ora è sceso a 9’40” dopo un leggero aumento del tempo.

Gli Ineos Grenadiers, tra l’altro, hanno vinto tre degli ultimi quattro Jerry’s tramite Chris Froome, Tao Geojegan Hart ed Egan Bernal. Ora stanno anche assumendo il quarto concorrente per vincere la Maglia Rosa in quel lasso di tempo: Richard Carapaz. L’ecuadoriano, che avrebbe dovuto tornare in Movistar alla scadenza del suo attuale contratto, guida la squadra Ineos in questo Giro insieme al francese Pavel Sivakov. Il campione olimpico non corre da sei settimane ma è ancora uno dei favoriti per la vittoria assoluta.

12:25 – Girmay può fare più storia per l’Africa?

L’eritreo Benyam Girmay ha battuto i record all’inizio di questa stagione quando è diventato il primo pilota africano a vincere una classica partita di ghiaia a Ghent Wevilgem. Ha corso solo un giorno da allora, ma il velocista 22enne di Intermarche-Wanty-Gobert ha esordito oggi nel Grand Tour, impazzendo per portare a casa la sua prima maglia rosa.

Girmay potrebbe avere la forza di tenere il passo con il ritmo dell’ultima salita, come fa Caleb Ewan, ma si ha l’impressione che non sarebbe un giorno per i corridori. Ha parlato con Eurosport prima del suo debutto oggi e si è affrettato a confermare che il Giro è stata una maratona, non uno sprint, e che avrebbe avuto molte possibilità di vincere una prima tappa più avanti nella gara.

“Sono davvero felice” – Girmay è felice di partecipare al primo Grand Tour del Giro d’Italia

12:18 – Nove minuti per i leader

171 chilometri da percorrere: Il divario continua ad allargarsi mentre il gruppo scorre a passo lento oltre la folla di tifosi ungheresi che fiancheggiano le strade. Valter, Peák e Fetter sfruttano al massimo l’atmosfera cavalcando in testa al gruppo: dopotutto, non capita tutti i giorni che un Grand Tour arrivi in ​​Ungheria. Tagliani e Pais ora hanno nove minuti di vantaggio. Ma questo è quello che hanno in serbo i corridori al termine della tappa di giornata: 5 km di dislivello con una pendenza media del 5% e una pendenza massima dell’8%.

12:10 – I tre ungheresi nel gruppo

Dopo un ritardo di due anni, la grande pandemia ha finalmente raggiunto l’Ungheria dopo le ricadute dell’epidemia. Abbiamo tre tappe sul suolo ungherese – l’arrivo in discesa oggi, un breve TT domani a Budapest, la resa dei conti di domenica allo sprint – prima che la gara si diriga in Sicilia. Dopo i nostri primi tre giorni di riposo lunedì, martedì avremo il nostro primo giro in vetta con la quarta tappa sull’Etna.

Vale la pena notare che oggi abbiamo tre corridori ungheresi che gareggiano contro il loro pubblico locale: Eric Vetter (Iolo Komita), Barnabas Beck (Intermarche e Anti-Jubert Matero) e Attila Walther (Groupama-FDJ). Walter, se vi ricordate, ha indossato la maglia rosa l’anno scorso per tre giorni. È un grande talento dell’arrampicata e avrebbe un totale in una squadra in gran parte dedicata a riportare il velocista francese Arnaud Demarie a vincere.

Eric Vetter dall’Ungheria e Team Eolo-Kometa Cycling, Barnabas Beck dall’Ungheria Team Intermarché – Wanty – Gobert Matériaux e Attila Valter dall’Ungheria e Team Groupama – FDJ durante la presentazione della squadra in vista del 105° Giro d’Italia 2022

Credito immagine: Getty Images

12:07 – I progressi di Duo continuano a crescere

180 km da percorrere: Ora abbiamo tramogge di droni da quasi sei minuti sul gruppo. Nella casella dei commenti, Shawn Kelly ha ipotizzato che il divario potrebbe aumentare fino a 20 minuti senza preoccuparsi troppo del gruppo. Sembra un po’ estremo, ma mostra come le probabilità si accumulano a favore del gruppo in questo tipo di scenario.

11:55 – circa tre minuti per il duo

186 km da percorrere: il gruppo non ha mostrato alcun interesse collettivo nel collegare i linebacker Tagliani e Bais, a cui oggi sono quasi garantiti punti middle sprint e punti fuga per il Drone Hopper. Il fatto che le altre wildcard italiane – Bardiani-CSF ed Eolo-Kometa – non si siano prese la briga di separarsi suggerisce, forse, che pensano di avere una possibilità alla fine di ottenere quella promozione finale.

Chi sa cosa significa vincere la tappa di apertura del Giro è il nostro ragazzo Bradley Wiggins, che ha fatto esattamente questo nel 2010.

‘Unbelievable feeling’ – Bradley Wiggins sulla vittoria della prima tappa del Giro d’Italia

11:45 – Al via il 105° Gran Premio d’Italia!

195 km da percorrere: Dopo un lungo tiro attraverso la Zona Neutra, la bandiera sventola e abbiamo un attacco di kick-off di un duo Drone Hopper-Androni Giacattoli. Nessuno risponde e aprono un varco ordinato. Si tratta di Filippo Tagliani e Mattia Paes, che costituiscono il 50% della rosa italiana in rosa. Questo potrebbe essere il nostro più grande atto delle prossime quattro ore…

I piloti sono pronti per partire…

Ciao, ragazzi! È quasi ora… il gruppo sta girando intorno alla periferia di Budapest mentre si dirige verso l’inizio ufficiale della fase di apertura di oggi. È uno scivolo abbastanza piatto di 195 km di lunghezza e termina con un’intrigante salita di 5 km fino alla linea di Visegrad. L’ultima salita non è particolarmente ripida ma probabilmente basterà a sbarazzarsi della maggior parte dei corridori…

COME POSSO GUARDARE GIRO IN TV E IN DIRETTA?

Ogni tappa completa sarà trasmessa su Eurosport, Scopri + e GCN+, prenotato da rotturaPresentato da Orla El Shennawy e Dan Lloyd.

Rob Hatch e Hannah Walker saranno nella casella dei commenti con contributi regolari dei critici Robbie McEwen, Sean Kelly e Adam Blythe, con Bradley Wiggins che fa il suo lavoro sul retro di una moto.

“Mi spaventa” – Cavendish a causa dei suoi timori di competere con il suo compagno di squadra Jacobsen

Mark Cavendish spera che non ci sarà competizione con il suo compagno di squadra Quick-Step Alpha Vinyl poiché i due competono per la stessa posizione di sprint nel Tour de France.

La formazione del Quick-Step’s Tour è un segreto gelosamente custodito, ma Cavendish partirà venerdì al Giro d’Italia.

Anche se ciò non impedisce a Cavendish di uscire dal Tour, soprattutto se è impressionante in Italia, potrebbe indicare che Jacobsen è la scelta preferita per la Francia.

Parlando al nuovo podcast di Eurosport The Breakdown, Cavendish ha detto ai padroni di casa Orla Chennaoui e Greg Rutherford che ha un ottimo rapporto con Jakobsen e teme che i due verranno giocati insieme in preparazione all’annuncio del tour.

“E’ l’ultima cosa che voglio” – Cavendish parla di problemi di rivalità con Jacobsen

È una storia facile, ha detto Cavendish: ‘Ci vado o no? È una storia piuttosto pigra secondo la mia onesta opinione, perché è così facile.

“Fabio ed io ci siamo supportati molto in passato [few] anni. È l’ultima cosa che voglio e l’ultima cosa che vuole.

“L’unica cosa che mi spaventa di tutto questo è creare qualsiasi tipo di rivalità tra di noi perché eravamo lì l’uno per l’altro.

“Ovviamente lo so solo per esperienza di sapere cosa succede – quando la stampa vuole creare concorrenza. Non è proprio eccezionale.

“Purtroppo, sta iniziando a creare attriti. Non lo siamo. Non vogliamo essere così. Ecco perché sono totalmente riluttante a parlarne perché non voglio litigare con un amico per qualcosa fuori il nostro controllo”.

Ma ciò di cui ho il controllo non è di cui parlare. Quindi quelle influenze esterne [which] È fuori dal mio controllo e non posso più influenzarlo”.

Guarda subito l’episodio completo:

Episodio 1: Mark Cavendish sulla salute mentale, il Tour de France e le competizioni

– – –

Trasmetti in streaming il Giro d’Italia in diretta e on demand Scopri +. Puoi anche guardare tutta l’azione in diretta su eurosport.co.uk.

Giro d’Italia

“Più pressione sui corridori” – Anteprima Cavendish vs Ewan a Giroud

35 minuti fa

Giro d’Italia

Girmay punta a fare la storia al Giro d’Italia nel suo primo evento del Grand Tour

3 ore fa

READ  calendario della comunità | Notizie, sport, lavoro