Maggio 9, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Giovedì 22 aprile 2021 – 1 minuto

Lo scorso fine settimana, un incendio boschivo ha imperversato sulla famosa Table Mountain in Sud Africa per più di 24 ore prima di provocare il caos in un’area che include l’Università di Cape Town, distruggendo molti edifici del campus e costringendo migliaia di persone a lasciare le loro case. I vigili del fuoco hanno ora contenuto con successo l’incendio, ma forse il colpo più grande è stato culturale: è diventato chiaro questa settimana che aveva causato danni significativi a importanti archivi di storia africana tenuti all’università.

Tra gli edifici bruciati dall’incendio c’è la Biblioteca delle Collezioni Speciali, che è un tesoro nazionale. Ospitava fonti d’archivio tra cui volumi difficili da trovare nelle lingue indigene e una delle più grandi collezioni di film africani al mondo. Come ex studentessa dell’Università di Città del Capo, ricordo di aver passato ore nella grande sala di lettura della biblioteca, pettinando di tutto, dalle lettere originali scritte da uno degli artisti più famosi dell’Africa, Irma Stern, agli articoli di opinione scritti da attivisti anti-apartheid. In effetti, la maggior parte dei documenti della mia tesi di laurea si basava in gran parte su risorse nascoste negli scaffali degli archivi con soffitti alti, nonché sul team di archivisti amichevoli in guanti bianchi che mi hanno aiutato pazientemente a ottenere scatole di ritagli di giornale speciali.

“Questi erano tesori di secoli passati – una storia vitale che non potrà mai essere sostituita”, ha detto a Monocle Minnet Jill Simington, ex docente di classici all’università. “È una tragedia completa.” Lungi dall’essere depositi di libri che le glorificano, le biblioteche cittadine sono custodi vitali della memoria. E in un paese come il Sudafrica, dove le cicatrici dell’apartheid sono ancora profonde, perdere voti del passato è a dir poco devastante.

READ  Kabir Bedi ricorda quando Parvin Babi e l'attrice italiana Gina Lollobrigida litigarono verbalmente in un ristorante di Roma

Emma Searle è produttrice di Monocle 24.