Luglio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Giorgia Meloni vuole cambiare la democrazia italiana

Giorgia Meloni vuole cambiare la democrazia italiana

SonoLa premier thaliana Giorgia Meloni l’ha definita “la madre di tutte le riforme”. La sua riforma delle istituzioni, principale obiettivo politico del suo mandato, era quello di alterare radicalmente l’equilibrio costituzionale italiano a favore del capo del governo. Tuttavia, secondo i suoi detrattori, ciò potrebbe portare ad una concentrazione di potere senza precedenti nella storia del Partito repubblicano e ad una deriva liberale, che potrebbe essere contraria all’immagine raffinata che il leader post-fascista ha finora presentato in Europa e altrove. Arena internazionale.

Per saperne di più Solo abbonati La strategia perfetta della Meloni in Italia è stata un modello per l’estrema destra francese

Approvato in prima lettura dal Senato il 18 giugno, il disegno di legge è unico in quanto prevede disposizioni per l’elezione del capo del Consiglio dei ministri (titolo ufficiale del primo ministro) a suffragio universale diretto per un mandato di cinque anni. , contemporaneamente alle elezioni dell’assemblea. In caso di vittoria delle elezioni, al partito o alla coalizione del primo ministro eletto verrà garantita la maggioranza assoluta dei seggi in parlamento, anche se un limite non è ancora definito e fissato nella prossima legge elettorale. In teoria, un partito con meno del 50% dei voti, ma con il nuovo sistema di assegnazione di un bonus di maggioranza, può vincere più della metà dei seggi.

L’obiettivo della Meloni era quello di scomporre due aspetti distinti della vita pubblica italiana. In primo luogo, la riforma eviterebbe cambiamenti di maggioranza nel corso della legislatura, poiché un primo ministro potrebbe chiedere lo scioglimento del parlamento se perdesse la fiducia dei legislatori. In secondo luogo, il testo indebolirebbe significativamente il ruolo del presidente, poiché il primo ministro avrebbe la legittimità del voto popolare.

READ  L'Italia inizia ad allentare il blocco del Govt-19 mentre il parlamento discute il piano di ripresa

Sondaggi futuri

In quanto potere moderatore, garante dei valori e della bussola morale della Costituzione, il Presidente ha attualmente voce in capitolo nella nomina dei ministri e, in caso di crisi, può fungere da “motore di riserva della Repubblica” in qualità di ricercatore politico Francesco. Lo ha detto Clementi. In passato ha nominato dirigenti cosiddetti “tecnici” in circostanze eccezionali. Si è verificato un caso del genere nel 2021, durante la pandemia di Covid-19, quando l’attuale presidente Sergio Mattarella ha invitato l’ex governatore della Banca centrale europea Mario Draghi a venire in soccorso. Un altro è stato quando il presidente Giorgio Napolitano ha coinvolto l’ex commissario europeo Mario Monti durante la crisi finanziaria del 2011.

Per Meloney, che all’epoca era un giovane ministro e fu costretto a lasciare l’incarico, l’episodio lasciò ricordi dolorosi. Per lui la flessibilità della democrazia italiana non è altro che “giochi di palazzo” contro la volontà del popolo. L’organizzazione da lei progettata viene denominata “.Primario,”, ritiene che ai governi dovrebbe essere concesso “tempo parlamentare” per agire, attuare un piano e consolidare la credibilità internazionale dell’Italia.

Dovresti leggere 73,67% in questo articolo. Il resto è riservato agli abbonati.