Giugno 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Germania e Italia accettano i pagamenti del gas russo dopo l’approvazione di Bruxelles – fonti

Un modello di un gasdotto naturale mostra davanti al pavimento proiettato i colori della bandiera dell’Unione Europea e della Russia in questa illustrazione presa l’8 marzo 2022. REUTERS / Dado Ruvic / Illustrazione

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

  • Alcuni paesi dell’UE si rifiutano di soddisfare le richieste di pagamento della Russia
  • Altri hanno acconsentito ai pagamenti russi dopo i colloqui con l’UE – fonti
  • I diplomatici affermano che le direttive dell’UE sono deliberatamente vaghe

MILANO/BERLINO (Reuters) – Fonti tedesche e italiane affermano che potrebbero aprire conti in rubli per continuare ad acquistare gas russo senza violare le sanzioni imposte a Mosca dopo i colloqui con l’Unione europea.

La controversia sulla richiesta della Russia che gli acquirenti stranieri paghino il gas in rubli ha messo alla prova la determinazione dei governi europei a prendere una linea dura contro Mosca per la guerra in Ucraina.

Polonia, Bulgaria e Finlandia si sono rifiutate di soddisfare le richieste di Mosca che gli importatori pagassero il gas attraverso i conti in rubli di Gazprombank e le loro forniture sono state interrotte.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Tuttavia, altri stati membri non erano disposti a indirizzare le aziende verso misure che potrebbero portare alla perdita di forniture vitali di gas russo che riscalda case e fabbriche.

Bruxelles ha fornito due serie di linee guida scritte su come acquistare gas russo senza violare le sanzioni, ma il percorso legale rimane confuso poiché i funzionari dell’UE hanno anche consigliato alle società in una riunione a porte chiuse di non aprire conti in rubli con Gazprombank.

READ  Ferrari investe fino a 500 milioni di euro per sostenere ricerca e sviluppo, posti di lavoro in Italia

Alcuni diplomatici a Bruxelles degli Stati membri dell’UE hanno affermato di ritenere che il consiglio fosse intenzionalmente vago per consentire ai paesi di aprire conti in rubli e continuare ad acquistare gas russo.

“Si ha l’impressione che lasci la porta aperta agli affari come al solito”, ha detto uno dei diplomatici, aggiungendo che, a loro avviso, rischi di minare l’unità dell’UE contro la Russia se le aziende in alcuni paesi aprono conti in rubli, ma altri hanno non.

“Avevano bisogno di creare un livello di ambiguità creativa”, ha detto un secondo diplomatico, riferendosi al consiglio della commissione. “Lo scopo dell’ambiguità creativa è creare spazio sufficiente per tutte le diverse interpretazioni”.

Il comitato ha rifiutato di commentare le discussioni.

Giovedì un portavoce della commissione ha affermato che “non è consigliabile” per le aziende aprire conti in rubli. Leggi di più

area grigia

Due fonti hanno detto a Reuters che Berlino aveva informato gli importatori di gas tedeschi da Berlino che potevano aprire conti in rubli per pagare il gas russo senza violare le sanzioni, a condizione che i pagamenti che effettuano a Gazprombank non fossero in valuta russa.

Le fonti affermano che la Germania, che è il più grande importatore di gas russo nella regione, ha costantemente lavorato su questo tema in stretto coordinamento con l’Unione Europea.

Un’importante fonte governativa ha detto a Reuters che il governo italiano ha parlato anche con la Commissione europea e ha ricevuto chiarimenti su come acquistare legalmente il gas russo.

Questo è successo prima che la società energetica italiana Eni ha dichiarato martedì di aver avviato le procedure per aprire due conti, uno in euro e uno in rubli, ha affermato la fonte.

READ  UniCredit sceglie il servizio per reperire un portafoglio di prestiti UTP da 1 miliardo di euro

“La decisione è in linea con quanto riportato dal ministero”, ha affermato la fonte, riferendosi al Dipartimento Energia della Commissione europea.

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha dichiarato la scorsa settimana che si tratta di una “zona grigia” sul fatto che il rispetto del piano di pagamento della Russia possa violare le sanzioni, senza alcuna decisione ufficiale in merito.

L’ufficio di Draghi ha rifiutato di commentare venerdì.

L’Unione Europea ha affermato nella sua guida scritta che le aziende potrebbero acquistare gas russo senza violare le sanzioni se pagassero nella valuta dei loro contratti esistenti – e ha dichiarato che così facendo hanno adempiuto ai loro obblighi contrattuali.

La maggior parte dei contratti conclusi dalle società dell’UE con Gazprom sono in euro o dollari.

Tuttavia, le direttive non affermavano esplicitamente che l’apertura di conti in rubli per convertire questi pagamenti in valuta russa sarebbe una violazione delle sanzioni dell’UE.

Non ci sono basi legali per suggerire che l’apertura di un conto in rubli violerebbe le sanzioni, ha affermato Katya Yafimava, ricercatrice senior presso l’Oxford Institute for Energy Studies.

“Non c’è nulla nella guida scritta che impedisca agli acquirenti di aprire tali conti. E mentre le dichiarazioni orali della Commissione europea hanno creato ambiguità, è la guida scritta che è importante”, ha affermato.

I governi nazionali sono responsabili dell’applicazione delle sanzioni dell’UE, che tutti i 27 Stati membri hanno concordato.

Bruxelles può intraprendere un’azione legale contro i governi che non li attuano ma gli Stati membri non accettano i pagamenti del gas.

La Polonia ha chiesto a Bruxelles una consulenza più chiara sulla possibilità per le aziende di aprire un conto in rubli.

READ  In GM, i colletti blu e bianchi lasciano il posto al controllo remoto e in loco, Auto News, ET Auto

Un portavoce del ministero dell’Economia olandese ha affermato che il suo Paese sta facendo pressioni per una chiara posizione dell’UE per “tracciare una linea per l’intera UE”.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Segnalazione di Marcus Wackett, Stephen Jewkes, Giuseppe Fonte, Nina Chestney, Kate Abnett e Toby Sterling; Montaggio di David Clark

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.