Giugno 15, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Geopolitica e ideologia: la reinvenzione della politica italiana di estrema destra

Geopolitica e ideologia: la reinvenzione della politica italiana di estrema destra

L’Europa ci ricorda che gli interessi geopolitici prevalgono sull’ideologia.

La politica europea è un ottimo esempio di come Stati e partiti politici siano disposti a sacrificare i propri fondamenti ideologici pur di mantenere il potere, anche se per breve tempo.

La negligenza politica del primo ministro italiano Giorgia Meloni e del suo partito Fratelli d’Italia è l’ultima prova che i politici europei usano l’ideologia solo come veicolo. Una volta al potere, sono governati dagli stessi principi neoliberisti che governano il resto d’Europa.

Questa affermazione vale sia per la destra che per la sinistra.

Giorgia Meloni, leader del partito Fratelli d’Italia, arriva per incontrare il presidente italiano Sergio Mattarella al Palazzo del Quirinale a Roma, in Italia, il 21 ottobre 2022. REUTERS/Yara Nardi

Credito immagine: REUTERS

Nel 2015, ad esempio, la coalizione progressista di estrema sinistra della Grecia ha scioccato l’Europa e il mondo conquistando quasi la metà dei seggi in parlamento. È una storia di successo ringiovanente per la sinistra di tutto il mondo.

Per anni Alexis Tsipras, un tempo leader del piccolo partito di estrema sinistra Syriza, si è scagliato contro le politiche neoliberiste europee per gran parte della crisi finanziaria del 2008.

Una volta al potere, l’ideologia di sinistra di Tsipras iniziò a cambiare, per scelta o sotto pressione. Alla fine del suo mandato, nel 2019, il nuovo simbolo della sinistra europea ha contribuito all’eliminazione di qualsiasi rinascita di sinistra in Europa, poiché l’economia greca è diventata ostaggio di potenti governi europei e multinazionali.

Quel “pragmatismo” che ha soppresso Syriza e l’ha trasformata in un altro grande partito politico europeo funziona oggi in Italia. Ironia della sorte, i Fratelli d’Italia di Meloni – ‘Fratelli d’Italia’ – occupano la sede del potere a Roma non dalla sinistra, ma dall’estrema destra politica.

READ  L'ITA dell'Italia va dalle ceneri di Alitalia al cielo

Meloni è diventato Primo Ministro italiano nell’ottobre 2022. Il suo partito ha il maggior numero di seggi in parlamento, ma può governare solo attraverso una coalizione con partiti di estrema destra uguali o maggiori: Forza Italia di Silvio Berlusconi e Lega di Matteo Salvini.

Ideologia di estrema destra o retorica rabbiosa?

Sebbene negli ultimi tempi le tendenze politiche di estrema destra siano in aumento in tutta Europa, il governo Meloni è stato un’espressione di questo fenomeno.

Subito dopo aver formato il suo governo, la retorica di Maloney si è intensificata, suggerendo un allontanamento radicale dal discorso politico europeo tradizionale. Ciò è stato esemplificato in un discorso infuocato di Meloni a novembre, in cui ha attaccato in modo scioccante lo sfruttamento da parte della Francia delle risorse, delle persone e delle istituzioni finanziarie africane. Le sue parole erano così violente che molti a sinistra annuirono.

La Meloni è volata in Algeria a gennaio per firmare un importante accordo sul gas, presentando un’alternativa alle pratiche economiche e commerciali sleali della Francia.

Negli ultimi mesi, tuttavia, l’Italia si è trovata in una posizione difficile che non può essere risolta da un’ideologia intransigente di estrema destra o da una retorica rabbiosa.

Ora deve scegliere tra Stati Uniti e Cina.

Sul quotidiano italiano La Stampa del 3 maggio, l’ex ambasciatore italiano alla NATO Stefano Stefanini ha dichiarato che “l’equilibrio internazionale di Roma è finito” e “non ci sono reti di sicurezza”.

Nel 2019, l’Italia ha firmato un memorandum d’intesa per aderire alla più grande economia marittima cinese, la “Belt and Road Initiative”. Né Washington né Bruxelles erano contenti.

READ  Questi record potrebbero essere battuti nel weekend del Gran Premio d'Italia

L’Italia è membro dell’Unione Europea, della NATO, del G7 ed è la terza economia più grande d’Europa. È la prima grande potenza occidentale ad aderire alla BRI.

Sebbene il MoU non sia un documento politicamente vincolante, la concessione dei porti italiani alla Cina rappresenta per Pechino una vittoria simbolica e strategica.

Tuttavia, il 28 maggio, la Meloni ha dichiarato al quotidiano Il Messaggero: “La nostra valutazione è molto delicata e tocca molti interessi”.

Ma questi ‘interessi’ sono italiani?

Anche prima di entrare a far parte della BRI, l’Italia ha tratto grandi benefici dai suoi crescenti legami commerciali con la Cina. Tra il 2001 e il 2019, il commercio totale tra i due Paesi è passato da 9,6 miliardi di dollari a 49,9 miliardi di dollari.

Questi numeri sono importanti per l’economia italiana, soprattutto perché continua a lottare contro l’inflazione, la stagnazione e il calo dei salari.

“Riduzione del rischio” senza “disaccoppiamento”

Il tasso di crescita è rallentato negli ultimi anni, ma ciò è in gran parte dovuto alla recessione globale e all’aumento dei costi energetici a seguito rispettivamente della pandemia e della guerra tra Russia e Ucraina.

Naturalmente, Maloney ha parlato di lasciare il PRI anche prima di diventare Primo Ministro. Tuttavia, ora le sue opinioni sulla questione sono motivate da qualcos’altro: la paura di ripercussioni da parte degli alleati occidentali, principalmente gli Stati Uniti. Dopo il vertice del G7 del 19-21 maggio a Hiroshima, in Giappone, i leader occidentali e il Giappone hanno concordato una strana formula di “riduzione del rischio” piuttosto che di “sganciamento” dalla Cina.

READ  Open d'Italia di tennis | sport nazionale

Secondo la Meloni, “buoni rapporti… con Pechino, questi non fanno necessariamente parte del disegno strategico complessivo”, ha detto al Messaggero.

Maloney divenne ora il “pragmatico” per eccellenza di un leader europeo.

In Europa, l’ideologia si rivela ancora una volta mera retorica usata a fini domestici, elettorali.

Il Dr. Ramsey Barood è un giornalista, scrittore ed editore. Autore di sei libri.