Ottobre 25, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gaspard Auge: da maschio alfa iper-oscillante a solista disinteressato

Gaspard Auge: da maschio alfa iper-oscillante a solista disinteressato

Gaspar Ogi parla inglese piuttosto che il suo francese nativo, e si blocca nel pronunciare il pronome di prima persona. “Non so perché balbetto sempre”, dice, “deve esserci una spiegazione freudiana per questo”.

Una diagnosi basata sulla sua appartenenza al duo di musica elettronica Justice può indicare egoismo. Sono usciti da Parigi con il loro primo grande album attraversare Nel 2007, Auger e il compagno di band della Justice League Xavier de Rosnay hanno un suono distintivo basato su continue esecuzioni di rumori ed esplosioni. Linee di basso sottili e jack di miscelazione rumorosi mettono la coppia a metà tra la musica dance e l’heavy metal. I costumi di scena che includono denim e pelle suggeriscono la compatibilità con quest’ultimo. Gli ampi baffi che Augie ha sfoggiato nelle varie fasi della sua carriera sono quelli di un maschio alfa molto rock.

Celebrata con le loro esibizioni dal vivo stellari, la band Justice League vincitrice del Grammy Award è una delle esportazioni di musica dance di maggior successo in Francia. Ma sono in pausa proprio ora, tra un album e l’altro e non hanno la possibilità di andare in tour. Così Augie ha scelto di mettersi in proprio con un progetto parallelo. Si imbatte nella parola “I” mentre parla del suo primo album da solista, avventure. Un’altra diagnosi auto-suggestiva della balbuzie è la paura.

Ne parla su Zoom dal suo appartamento di Parigi. I vecchi baffi da mostro nella barba tradizionale sono scomparsi. Indossa una maglietta bianca, non le maglie della rock band al Theatre of Justice. Tracce su avventure Condividono la voce robusta e il gusto drammatico di Justice, ma attenuano l’attacco ritmico a favore della melodia.

Gaspard Auger e Xavier de Rosnay si esibiscono a Los Angeles nel 2018 © Getty Images

“Volevo concentrare la musica sulle mie vere influenze, la musica con cui sono cresciuto, più verso l’Europa che verso gli Stati Uniti”, dice. I suoni spaventosi dei cori sono influenzati dalle colonne sonore di vecchi film italiani di compositori come Ennio Morricone. Le linee di basso elastiche e ondeggianti del pioniere della discoteca Giorgio Moroder si dispiegano in ambienti sinfonici barocchi. Se Justice ottiene la sua energia dalla fusione di musica house, techno, pop anni ’80 e hard rock, allora avventure Guarda gli anni ’60 e ’70, il periodo del rock pomposo, della prima musica elettronica e della disco.

READ  I 10 migliori ristoranti italiani

“C’era ancora una sorta di ingenuità nella musica di allora, una visione speranzosa dell’era spaziale e una sorta di utopia”, afferma Augie, 42 anni. “Il punk ha sigillato la morte di quell’utopia. Ha portato ironia nella musica. Sono un fan del punk, ma amo anche le belle melodie e gli arrangiamenti. Amo la ricchezza dell’era pre-punk”.

Tra le influenze dell’album c’erano i pochi dischi di proprietà dei suoi genitori, tra cui Eric Satie e il gruppo folk rock francese Malecorn. La casa di famiglia era a Vincennes, alla periferia di Parigi. Sebbene il nonno di Augie fosse un industriale di successo, è cresciuto in una casa tecnica. Suo padre era un attore di teatro e sua madre lavorava al Centro Pompidou. “I miei genitori erano la pecora nera della famiglia. La maggior parte dei miei zii da ogni parte ha intrapreso una sorta di professione commerciale.

Ha suonato in “orribili bande del liceo” come batterista (“forse la band è stata fatta a pezzi perché non ero un buon batterista”). Lui e il suo partner in Justice de Rosnay condividono un background in graphic design; Insieme hanno imparato a suonare la musica. “Penso che fossimo solo dei cattivi in ​​un ambiente elettronico perché non sapevamo come produrre musica e non sapevamo nemmeno come scrivere canzoni. È sempre bello non sapere troppo di quello che fai in musica perché può darti una nuova prospettiva e un tipo di identità”.

Augie, a sinistra, con De Rosney a Los Angeles nel 2007. All’inizio: “Eravamo solo dei cattivi in ​​un ambiente online” © Getty Images

I Justice si sono formati nel 2003. Hanno seguito la scia della cosiddetta scena “French Touch”, uno stile di musica house che si è fuso intorno ai Daft Punk negli anni ’90 – l’equivalente cross-channel del Britpop, ma con sintetizzatori e chitarre invece di batteria e chitarre. Augé e de Rosnay firmano con la Ed Banger Records, fondata dal manager dei Daft Punk Pedro Winter. Ma Augie insiste sul fatto che la giustizia non appartiene a nessuna particolare classe o tradizione musicale. “Non conoscevamo la storia della musica elettronica, né abbiamo sperimentato in prima persona il rave o la club culture”, dice.

READ  Delizioso ristorante italiano nella zona sconosciuta di Woolloongabba?

L’importanza che attribuisce alla credulità nella musica contrasta con la natura ironica del suo teatro, il gioco heavy metal di de Rosnay e il gioco rock. Altre opere francesi della loro epoca o precedenti, come Air, mostravano un tipo simile di ironia, una sensazione di suonare con il pop anglo-americano, per metà appassionato e per metà solitario.

“Penso che ci siano alcune intuizioni sul fatto che i francesi siano in qualche modo molto arroganti, che siano davvero attaccati alla loro cultura. Ma è anche importante divertirsi e non prendere troppo sul serio ciò che sai, perché più sai meno ne sai”, dice Augie.

Campione della collezione di musica house di Oger © Pascal Teixeira

I testi delle canzoni di Justice sono sempre in inglese, come “DANCE”, che è un omaggio copioso a The Jackson 5. Disco”, dice. “Oggi in Francia, questo complesso è stato completamente ribaltato e sono altrettanto ossessivi, come hip-hop francese. Tutto è impostato automaticamente e le parole sono quasi come la digitazione automatica. Non c’è altro obiettivo che ripetere la stessa rima più e più volte”.

Non ci sono parole in avventure: Tutti i suoni sono silenziosi. L’obiettivo è quello di suscitare forti stati d’animo ed emozioni senza ricorrere a sms. “Lo trovo meno restrittivo che avere qualcuno che ti racconta una storia e devi godertela fino alla fine della canzone”, spiega. “Trovo che l’ego e la personalità dei cantanti possano occupare molto spazio tra me e la musica”.

Musicalmente parlando, “io” in viaggio verso Augie risulta essere la persona del cantante. “Oggi hanno avuto molta visibilità nella musica pop”, dice. “Deve essere davvero paralizzante essere sotto gli occhi del pubblico oggi, c’è molta pressione da parte del pubblico per essere l’attore perfetto e la persona perfetta. Non penso che sia un bene per la creatività, avere così tante persone nella tua testa quando stai facendo qualcosa di artistico.”

READ  Lou de Laâge, la collezione di Riccardo Scamarcio di Stephane Fries "Face à Toi"

“Escapades” è uscito su Ed Banger Records / Perché la musica

Seguire Tweet incorporato Su Twitter per ricevere prima le nostre ultime storie