Luglio 6, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Fossili preistorici della foresta pluviale nascosti nelle rocce arrugginite in Australia

Tableland Central Australia, centinaia di miglia a nord-ovest di Sydney, è oggi dominata da erbe alte e alberi. Ma gli scienziati hanno recentemente scoperto che alcune delle rocce arrugginite nell’area nascondono tracce della lussureggiante foresta pluviale che copriva l’area 15 milioni di anni fa durante il Miocene.

L’area, McGraths Flat, non è l’unico deposito del Miocene in Australia, ma questi nuovi fossili sono una manna per i fossili grazie alla loro notevole conservazione. Negli ultimi tre anni, i paleontologi hanno scavato fiori, insetti e persino piume lanuginose di un uccello.

scoperte di scienziati, Pubblicato venerdì sulla rivista Science Advances, ha aiutato a ricostruire in dettaglio la foresta pluviale australiana del Miocene e il sito “apre un campo di esplorazione completamente nuovo per la paleontologia australiana”, ha affermato Scott Hocknall, un paleontologo del Museum of Queensland che non è stato coinvolto nella ricerca.

Quindici milioni di anni fa, un fiume scolpito nella foresta, lasciando Rainbow Lake (noto come Billabong in Australia) sulla sua scia a McGraths Flat. Questa pozza stagnante, quasi priva di ossigeno, mantiene gli spazzini in posizione, consentendo l’accumulo di materia vegetale e carcasse di animali. Quando il deflusso ricco di ferro dalle vicine montagne di basalto filtrava a Billabong, il basso pH della piscina ha causato la precipitazione del ferro e l’incapsulamento della materia organica. Di conseguenza, i fossili di McGraths Flat sono stati conservati in un minerale denso e ricco di ferro noto come goethite.

Il dottor Hocknall ha detto che questo metodo di fossilizzazione è raro. Poiché i fossili di alta qualità si trovano raramente nei depositi di ferro, i paleontologi spesso li trascurano. Tuttavia, i fossili di McGraths Flat mostrano che la goethite, comune in Australia, può produrre fossili impressionanti.

READ  Un cane da salvataggio acquistato su Facebook ha ucciso un uomo e ha lasciato suo fratello con la necessità di amputargli le gambe

“Non c’è carenza di goethite”, ha detto il dottor Hocknall. “Siamo fondamentalmente un paese che arrugginisce”.

A causa delle sue origini tinte in ferro, molti crateri McGraths Flat brillano di una lucentezza metallica. Oltre alle piante vergini, la goethite striscia con insetti fossilizzati. I ricercatori hanno scoperto un gruppo in miniatura di cicale giganti, libellule e vespe parassite separando lastre di pietra color mattone. E molti sono straordinariamente ben conservati: alcune mosche antiche portano le impronte dettagliate dei loro occhi composti.

Il sito ha anche generato più di una dozzina di ragni antichi. Mentre gli insetti hanno forti esoscheletri, Michael Friese, virologo e paleontologo dell’Università di Canberra e coautore dello studio, paragona i ragni a “sacchi di liquido spugnoso”. Di conseguenza, la documentazione fossile di ragni in Australia era praticamente inesistente prima di McGraths Flat.

I fossili sono stati così ben conservati che i paleontologi sono stati in grado di osservare le relazioni tra le specie, cosa che spesso è difficile da analizzare dai siti fossili, secondo Matthew McCurry, curatore di paleontologia all’Australian Museum e autore principale dello studio. Ad esempio, il team ha osservato parassiti ancorati nella coda di un pesce e nematodi che si sono infiltrati nello scarabeo dalle lunghe corna.

Il dottor Freese ha utilizzato la microscopia elettronica e le tecniche di micro-imaging per esaminare gli abitanti della foresta pluviale. Durante la fotografia di una mosca sega fossilizzata, il dottor Freese ha scoperto un grumo di polline sulla testa di un insetto simile a un’ape.

“Possiamo dire quale fiore ha visitato questa sega prima che cadesse in acqua e incontrasse la sua brusca fine”, ha detto il dottor Freese. “Ciò non sarebbe possibile se la qualità di conservazione non fosse elevata”.

READ  Dopo una mastectomia, alcune donne non vogliono che il loro seno venga sostituito

Il polline ha anche rivelato che la foresta pluviale era circondata da ambienti più aridi, il che rende probabile che McGraths Flat rappresenti un pezzo di foresta rimasto da un tempo più grande. Secondo il dottor McCurry, questo ha senso date le tendenze climatiche del Miocene.

Quando questi insetti sciamavano intorno al billabong contaminato dal ferro, l’Australia si stava spostando verso nord, lontano dall’Antartide. Durante il viaggio, il suo clima si è prosciugato drasticamente, provocando il ritiro delle foreste pluviali e portando a estinzioni su larga scala.

I ricercatori ritengono che McGraths Flat offra uno sguardo su come questo drammatico cambiamento climatico stia colpendo specie specifiche all’interno dell’ecosistema della foresta pluviale. Ad esempio, alcuni insetti trovati su McGraths Flat hanno tollerato condizioni più asciutte, mentre altri si trovano ora solo nelle restanti sacche della foresta pluviale dell’Australia settentrionale.

“Studiando questi ecosistemi fossili, possiamo vedere quali specie sono state in grado di adattarsi meglio a questi cambiamenti”, ha affermato il dottor McCurry. “Possiamo anticipare quali sono più a rischio in termini di cambiamenti futuri”.

Il dottor Freese ha affermato che il McGraths Flat è stato particolarmente utile per ricostruire antichi ecosistemi a causa dell’ampiezza delle specie che li hanno preservati.

“Il nostro sito è diverso perché ha minuscoli fossili, ma alla fine, penso che ci dirà di più su ciò che è successo nell’ecosistema”, ha detto il dottor Freese. “Non c’è bisogno di trovare un uccello del terrore da una tonnellata per raccontare questa storia.”