Luglio 2, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

FG promette “azioni di emergenza” sulla “detenzione illegale di 300 nigeriani” in Italia

Abigail Dabri, Presidente dei Nigeriani nella Commissione della Diaspora (NiDCOM), afferma che il governo federale adotterà misure urgenti per garantire il rilascio delle persone presumibilmente detenute illegalmente in Italia.

Dabri ha detto questo mercoledì quando ha ricevuto Osas Osemwengi-Ero, l’ex commissario di Edo per le arti, la cultura, il turismo e gli affari della diaspora ad Abuja.

Il cavo era Rapporto Osamwengi-ero ha detto che terrà proteste presso l’ambasciata italiana chiedendo il rilascio dei nigeriani, che sono stati incarcerati in Italia con false accuse di “reati legati alla mafia”.

Restituito ex commissario Città del Benin, La capitale dello stato di Edo, a luglio, dopo oltre un anno di “falsa detenzione” in Italia, lo ha accusato di essere vittima di discriminazione razziale e manipolazione del sistema giudiziario italiano.

È accusato di essere stato arrestato e detenuto dal governo italiano durante una visita ufficiale nel 2019.

Parlando della sua esperienza con Osemwengie-Ero, Tabri ha affermato che lavorerà con il procuratore generale della Federazione NiDCOM e il Ministero degli affari esteri per intraprendere azioni immediate ove necessario.

“La prima cosa che faremo è scrivere una lettera formale e portarla all’ufficio del procuratore generale della Federazione. Molti dei casi trattati dall’AGF sono legati al maltrattamento delle persone nella diaspora. Questo è sbagliato. .

“Naturalmente, il nostro dipartimento legale esaminerà sicuramente questo caso con il Procuratore Generale e il Ministero degli Affari Esteri con urgenza.

“In effetti, se tanti nigeriani restano nelle carceri italiane per anni per un crimine che non hanno commesso, non possiamo vederlo accadere.

“Se commetti un crimine devi pagarlo, ma essere rinchiuso per qualcosa che non hai fatto è terribile. Quello che stiamo dicendo ai nigeriani è che quando vai in altri paesi devi vivere secondo le leggi di questi paesi. Ma questo non significa che dovresti essere punito per qualcosa che non hai fatto.

READ  Justin Hemes vuole aprire il ristorante italiano Totti a Byron Bay

“Quindi, ne siamo pienamente consapevoli. Lo esamineremo, spero che tu abbia esaurito tutti i mezzi legali prima di decidere di combattere. Tuttavia, è tuo diritto protestare. Spero che sarà fatto.

“Se hai commesso un crimine, dovresti essere punito, ma in realtà se non lo fanno, non dovrebbero passare un giorno in più in quella prigione. Continueremo a lottare per i diritti dei nigeriani e continueremo a fare appello a loro obbedire alle leggi di altri paesi.