Luglio 3, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

FALKAR – Travel & Service: Women’s Bicycle Talent Factory

Nonostante non abbia una statura WorldTour, Valcar Travel and Service è una delle squadre femminili di maggior successo della stagione con sette vittorie UCI finora. La vittoria di Chiara Consonni sui Dwars Door Vlaanderen è stata il più grande successo fino ad oggi. Sono classificati ottavi nella classifica UCI. La squadra italiana è una fabbrica di talenti con Elisa Balsamo, Vittoria Guazzini e Marta Cavalli come nomi di spicco, e ora hanno avuto successo a livello di World Tour. Ma Valcar Travel and Service sta lottando per rimanere a galla nell’attuale struttura ciclistica per le squadre del Women’s World Tour e per le squadre continentali, una delle 50.

La squadra è stata creata nel 2008 con ragazze tra i 12 ei 14 anni. Hanno aggiunto una squadra 15-16 e quando hanno avuto una generazione di ragazze di successo, hanno creato una terza squadra all’interno della struttura. Valentino Villa è la forza trainante. David Arzini è il direttore sportivo dalla nascita della squadra.

Elisa Balsamo ha vinto i Mondiali Juniores in Qatar 2016. Lei e Chiara Consone (seconda da sinistra) facevano parte del Falcar Junior Team

“Abbiamo già vinto tutto in Italia, quindi abbiamo pensato di mettere insieme una squadra UCI con tanti talenti che avevamo nella squadra juniores. Era il 2016 quando Elisa Balsamo è diventata campionessa del mondo. Era nella nostra squadra junior con Chiara Consone. Chiara ha sparato lo sprint”. Express per Elisa in Qatar”, sorride Arzini al ricordo. “È uno dei miei ricordi più belli”.

La squadra è in gran parte frutto dell’ingegno di Villa, titolare di Valcar, che produce attrezzature industriali. Arzini dice di considerare i cavalieri come parte della famiglia. Molti team manager italiani hanno la stessa filosofia e vanno ben oltre per i loro passeggeri.

Elisa Balsamo è rimasta con la squadra per cinque anni fino a quando non si è trasferita alla Trek-Segafredo dopo aver vinto il suo primo titolo mondiale.

“A causa del COVID nel 2020, uno dei nostri piloti internazionali non vede la sua famiglia da un anno. Valentino le ha pagato il viaggio di ritorno anche se nel 2021 si è trasferita nel team World Tour”, afferma Arzini. “L’intera squadra è improntata all’onestà, alla generosità e al rispetto verso gli atleti ma anche verso gli organizzatori. Siamo stati invitati a una gara in Belgio qualche anno fa ma avevamo solo cinque piloti. Valentino ha ingaggiato un altro pilota per essere sei fantini così abbiamo potuto rispettare la volontà dell’organizzatore di correre con i team al completo. Ancora oggi, questo si riflette negli inviti che riceviamo dagli organizzatori della gara”.

Nel ciclismo non esiste un sistema in cui la squadra che sviluppa un pilota venga pagata per quegli anni di sviluppo come il calcio dopo l’affare Bosman. Se un calciatore effettua un trasferimento, tutti i club possono partecipare con una percentuale. Squadre più piccole come Valcar Travel and Service sviluppano i motociclisti e poi li vedono trasferire al World Tour.

READ  Jose Mourinho ha concluso la Premier League con il Tottenham Hotspur, dice Jimmy Carragher | notizie di calcio

L’ottavo posto della squadra nella classifica dell’Università della California significa che si comporta meglio della metà delle squadre femminili del World Tour. Tuttavia, la squadra non è un tour mondiale e le risorse finanziarie sono scarse. Valcar non può offrire ai corridori lo stesso (stipendio minimo) delle squadre del World Tour.

Chiara Consone ha vinto lo Spar Flanders Diamond Tour, una delle sue tre vittorie finora in questa stagione.

“E’ dura”, dice Arzini. “I problemi peggiorano ogni mese perché tutto costa di più. Non fraintendetemi, sono davvero felice per le ragazze che continuano a lavorare e a fare più soldi ma per una squadra come la nostra è ancora più difficile. Cerchiamo di convincerli a restare quando sentiamo che non sono ancora pronti per il tour mondiale. Al livello più alto, c’è un rischio maggiore di bruciarsi e poi scomparire dai radar. In quel caso, la tua carriera è comunque finita. Il divario retributivo tra ciò che possiamo offrire e il minimo del World Tour si allarga ogni anno”.

“Forse la soluzione è collaborare con la squadra del Women’s World Tour e trovare un accordo”, continua Arzini. “Possono investire in una squadra come la nostra e farci crescere i piloti che non sono ancora pronti. Ne parliamo ma finora ho ricevuto solo parole gentili e nient’altro. La stessa cosa succede quando inizi una collaborazione con un squadra di ciclismo maschile”.

Con grandi nomi come Elisa Balsamo, Marta Cavalli e Vittoria Guazzini, la squadra ha dimostrato di avere l’occhio giusto per il talento. Con artisti del calibro di Chiara Consone, Ilari Sanguinetti, Silvia Persico e la canadese Olivia Barrell, la prossima generazione è pronta, sia nella squadra professionistica che in quella femminile.

Silvia Persico unisce una carriera nel ciclocross con una carriera su strada.

“Abbiamo iniziato come una piccola squadra in Italia, quindi eravamo un punto di riferimento per le ragazze”, dice Arzini. “È diventata una cosa naturale in Italia avere giovani piloti di talento con noi. Il nostro talento è che li sviluppiamo dagli esordienti, li vediamo passare ad altre squadre e quindi abbiamo una nuova generazione pronta. Dedichiamo anche molto tempo a esplorare i talenti . Gli scout non si limitano a vedere chi è nella Top 10 online. Trascorro 200 giorni all’anno su strada perché corriamo così tante gare. Guardo tutte le gare e vedo chi ha attaccato, chi è stato forte o forse ha avuto sfortuna, chi ha la capacità di scalare o sprint.Le liste dei risultati non sono sempre le più importanti perché forse questa corridore non ha mai lavorato nella top ten con la squadra ed è un po’ egoista?Non voglio quella corridore anche se corre nella top ten.”

READ  "Davvero, davvero frustrato", lo stanco Murray esce dai playoff Daniel Sports News, First Post
Ilaria Sanguineti conquista la porta di Dwars het Hageland

L’Italia ha una giovane generazione di corridori incredibilmente forte. Elisa Longo Borghini, 30 anni, è la più anziana di tutte, il che significa che l’Italia ha un grande futuro davanti. Per Arzeni è pericoloso che lo sviluppo si fermi ora perché ci sono già tanti piloti italiani forti

“Questa generazione nata tra il 1997 e il 2000 è molto forte. L’abbiamo vista presto con la maturità fisica che avevano così presto. Questa è una fortuna e dobbiamo continuare a lavorarci. In Italia tutte le squadre maschili del World Tour sono già andate e noi non ci sono squadre del World Tour Anche per le donne è molto difficile trovare sponsor in Italia, se ci sono aziende interessate investono in squadre straniere “Non capisco”, dice Arzini.

La squadra sta chiaramente facendo qualcosa di molto giusto con i piloti forti che li hanno sviluppati. Mentre era in squadra, Elisa Balsamo si è guadagnata il titolo junior e il titolo elite globale.

“Sono il suo allenatore dal 2015 e vi assicuro che non abbiamo ancora visto tutto. Può ancora migliorare. Ho aspettato il momento giusto per entrare a far parte del team del World Tour”, dice Arzini. “Le abbiamo dato tutte le opportunità per correre le migliori gare del mondo e svilupparsi come leader senza troppe pressioni. Sono orgoglioso di dire che l’abbiamo aiutata non solo a essere una leader sulla moto ma anche nel modo in cui lavora con i suoi compagni di squadra. Elisa è sempre rispettosa e umile. Sono orgoglioso di aver avuto un ruolo nella sua evoluzione e nel meraviglioso fantino e personalità che è”.

Un’altra motociclista che prospera su Valcar Travel and Service è Silvia Persico. Ci sono stati scorci di ciò che la 24enne italiana avrebbe potuto fare negli ultimi anni, ma il 2022 è stato il suo grande anno. Durante l’inverno ha vinto la medaglia di bronzo ai Mondiali UCI dietro a Marianne Voss e Lucinda Brand. Su strada, finisci spesso in testa alle gare del World Tour come Trofeo Binda, Strade Bianche, Gent-Wevelgem, Vuelta a Burgos e Ride London.

“Lo scorso maggio o giugno è scattato qualcosa per Sylvia. Ha iniziato a pensare di poter stare con i migliori fantini del mondo”, dice Arzini. “È stato uno sviluppo sia fisico che mentale. Era pronta molti anni fa, ma qualcosa l’ha fermata. Ora è così inverosimile e il suo futuro è spalancato e molto luminoso”, sorride Arzini.

Consoni vince la porta 2021 di Doors Flanders.

Un altro corridore sviluppato da Valcar Travel and Service che è diventato gradualmente uno dei migliori corridori del mondo è Chiara Consonni. È stata con la squadra sin dalla sua giovinezza.

“Chiara è solo un talento puro. Lavoriamo insieme dal 2015 – racconta Arzini – Cerco di dare più continuità alla sua formazione e quindi ai suoi risultati. Il nostro approccio ha successo. Penso che presto sarà tra i primi tre corridori al mondo. Vederla vincere la sua prima gara del Women’s Tour nei Paesi Bassi nel 2019 è uno dei miei momenti migliori. Insieme a Elisa Balsamo sono diventati i campioni del mondo, ovviamente.” “Questo è stato il migliore di tutti!”

Nonostante tutto questo successo, i tanti top rider che il team ha prodotto e l’attuale pool di talenti, il futuro non sembra brillante. La squadra sta lottando per assicurarsi fondi per rimanere a galla e il sogno di diventare un tour mondiale femminile e avere un modello sostenibile nel ciclismo femminile è fuori portata.

Valcar Travel and Service presso Ride London.

“Economicamente parlando è molto difficile perché servono più di 2 milioni di euro. L’anno scorso eravamo vicini a diventare un tour mondiale. D’altra parte, se diventiamo un tour mondiale femminile, non sarà nemmeno la Valcar che conosciamo Siamo in un buon posto per guidare le bici da donna Con tutte le nuove gare parallele a quelle maschili e in tutto il nostro tempo televisivo.Il problema più grande è la mancanza di una classe U23 in cui una squadra come la nostra possa prosperare perché abbiamo perso troppi piloti perché il passaggio dalla classe junior alla U23 è troppo grande.Ci dovrebbe essere un posto nel ciclismo per un team di sviluppo come il nostro.Questo è un sogno per me ma non sono sicuro se noi o Valentino Villa possiamo continuare così perché anche il team di sviluppo diventa troppo costoso”.

Con l’avex Zwift femminile del Tour de France all’orizzonte, aveva un sogno.

“La maglia gialla di uno dei nostri corridori sugli Champs Elysees”, dice Arzini. “Questo sarà il mio sogno e il sogno di Valentino. Sarà un momento perfetto dopo tutto quello che abbiamo fatto insieme”.