Luglio 2, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

EXPO 2030 a Odessa? (Prima parte) – KyivPost

L’Ucraina ha sfidato Italia, Russia, Arabia Saudita e Corea del Sud a portare Expo 2030 a Odessa. Ho deciso ufficialmente di partecipare al concorso internazionale per ospitare Expo 2030.

L’Ucraina ha suggerito Odessa come sede del grande evento. Le contendenti sono Italia (Roma), Russia (Mosca), Arabia Saudita (Riyadh) e Corea del Sud (Busan).

Ma sorprendentemente, l’Ucraina ha buone possibilità di vincere. Tra le altre ragioni, ci sono fattori geopolitici che giocano contro altri concorrenti.

La parte cruciale del concorso per ospitare l’Expo è ottenere la maggioranza dei voti da 170 paesi appartenenti all’Ufficio Esposizioni di Parigi. Ogni membro vota per ragioni politiche ed economiche. Esaminiamo i punti deboli degli altri concorrenti:
• L’Italia ha poche possibilità di vittoria con Roma perché il Paese ha già ospitato la Fiera di Milano nel 2015. Quindici anni di distanza sono un tempo troppo breve per riportare l’evento in un solo Paese.
• La Russia e l’Arabia Saudita sono paesi ricchi e potenti, ma soffrono di un deficit diplomatico. La dubbia reputazione dei loro leader (leggi di Navalny e Khashoggi) non li aiuterà a raccogliere voti, perché i paesi che li sostengono dovranno spiegarlo al loro pubblico.
• Corea del Sud, dopo il Giappone, dove si terrà Expo 2025 a Osaka. È improbabile che ci sarà un’altra fiera mondiale tra 5 anni nella stessa area geografica, nonostante la buona immagine della Corea del Sud.

Diplomaticamente, questi handicap hanno messo l’Ucraina al centro della scena. Certo, l’Ucraina ha i suoi punti deboli per quanto riguarda le capacità di organizzare e coordinare le istituzioni politiche.

Panoramica della mostra

Spieghiamo brevemente cos’è un Expo.

La World Fair (Exposition) è un evento internazionale ricorrente, ospitato da una città, ogni 5 anni per un periodo di 6 mesi.

La prima fiera si tenne a Londra nel 1851. La fiera divenne un’opportunità di marketing unica per il paese e la città. Porta milioni di visitatori, investimenti internazionali, benefici tangibili (lavoro, PIL) e immateriali (cultura, visione). Promuove l’imprenditoria e la cultura locale e accelera le opere pubbliche e l’innovazione dei servizi.

READ  I rendimenti dell'Italia scendono in vista della riunione della BCE, i mercati aumentano le scommesse sulla leva finanziaria della BCE

Il concorso per il diritto di ospitare l’Expo si articola in tre fasi:
1. Preparazione del file di candidatura (titolo della mostra, luogo, piano finanziario, infrastrutture, servizi della città, partner, piano culturale). Il progetto dovrebbe mostrare come motivare i paesi. Quindi, deve essere fantastico. Questa fase ridurrà il numero dei candidati da cinque a due o tre città. Gli esami si terranno a giugno 2022.
2. Una campagna di marketing per la città. Il candidato ha un anno per raccogliere più di 80 voti da tutto il mondo. Ogni paese ha un voto (la Francia vale l’isola di Tonga). Il vincitore sarà il governo con la diplomazia più intelligente e le capacità di negoziazione.
3. Preparazione della città. Questa fase durerà 7 anni, durante i quali la città realizzerà tutte le opere previste per essere pronta ad ospitare circa. 20 milioni di visitatori, per offrire loro un’esperienza culturale indimenticabile, e per garantire loro un alto livello di servizi e sicurezza.

È ora di mettersi in mostra

I grandi eventi sono un’occasione unica per un Paese di mettere alla prova la propria capacità di organizzare. La città ospitante si impegna a realizzare opere infrastrutturali e ad aprire più relazioni commerciali e culturali con il mondo. I cittadini vedranno la loro città cambiare e migliorare la qualità dei servizi. La differenza è che gli eventi sportivi o culturali durano pochi giorni o settimane, mentre una fiera mondiale dura 6 mesi.

Per l’Ucraina il rischio è dimostrare al pubblico internazionale di essere un Paese affidabile, capace di organizzare grandi eventi e di unire istituzioni, aziende e cittadini intorno a un progetto comune. Scegliere Odessa è strategico, perché la città portuale è una porta essenziale per il commercio ucraino, che ha bisogno di costruire un rapporto più stretto con la capitale. Organizzare un Expo è un’opportunità unica sia per il Paese che per la città.

READ  APF Canada pubblica il suo sondaggio nazionale 2021: Canada

Il bisogno di infrastrutture di Odessa sembra essere un ostacolo. In effetti, i paesi in via di sviluppo hanno più opportunità di un paese ricco. L’ufficio di Parigi tende a favorire i paesi in cui una fiera mondiale può avere un maggiore impatto culturale ed economico.

Un buon esempio di vittoria contro ogni previsione è la competizione in Expo 2015, dove Milano è stata la vincitrice. L’autore di questo pezzo è milanese ed è stato testimone oculare di quell’evento. La maggior parte dei cittadini della città italiana era molto pessimista sulle possibilità di vittoria, compresi tutti i giornali e gli opinion maker. Il nostro concorrente era la città turca di Smirne (Izmir). Sulla carta, la Turchia si è classificata al primo posto per i seguenti motivi:
• L’alta immagine internazionale della Turchia in quel momento come paese democratico, laico e pacifico.
• La Turchia era un paese in via di sviluppo determinato a migliorare le sue relazioni internazionali. Meritava quindi, diplomaticamente, più sostegno dell’Italia, già Paese ricco e famoso.
• L’importanza geopolitica della Turchia come prima linea della NATO e dell’Europa contro la pericolosa Russia. Pertanto, era una strategia politica per mantenere la Turchia più vicina all’Occidente.
• Infine, la mostra in Turchia è stata un atto di soft power per creare relazioni più amichevoli con il Medio Oriente ei Paesi arabi, dopo i traumi delle guerre in Afghanistan e Iraq.

L’Italia, al contrario, non godeva di una buona immagine nel club dei paesi più sviluppati: era (ed è tuttora) considerata un paese incapace di controllare la spesa del proprio bilancio e di aumentare il proprio debito pubblico, con una pubblica amministrazione inefficace, un alto grado di corruzione, e la presenza della mafia Nell’economia, elevata instabilità politica con conseguente continui cambiamenti di governo.

READ  La pandemia COVID-19 si diffonde a Melbourne, le restrizioni del Victoria vengono reimpostate La leadership del partito del NSW è in subbuglio

Nonostante i vantaggi ottenuti dalla Turchia e la campagna aggressiva condotta dalla diplomazia turca, il Milan ha vinto. Nel marzo 2008, Smirne ha ricevuto 65 voti e Milano ha ricevuto 86 voti.

La vittoria è stata una sorpresa, ma non un miracolo. La vittoria è arrivata grazie a una campagna di marketing molto abile, in cui tutti gli stakeholders italiani hanno lavorato insieme come un team di coordinamento: il governo (con un ruolo rilevante svolto dal Ministero degli Affari Esteri), il Comune di Milano, la Regione Lombardia, Italia grandi aziende ed enti culturali (università, musei, istituzioni musicali, associazioni, ecc.).

Per vincere, l’Ucraina avrà bisogno sia dell’ambiente favorevole sopra descritto, sia dell’unità dimostrata dalle istituzioni a tutti i livelli.

Trovato un errore di ortografia? Raccontaci: evidenzialo e tocca Ctrl + Invio.