Ottobre 24, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

EVENTI REUTERS L’amministratore delegato di Eni afferma che il business della bioraffinazione è il disaccoppiamento come opzione futura

LONDRA (Reuters) – Claudio Descalzi, amministratore delegato del gruppo energetico italiano, ha dichiarato martedì a Reuters che Eni (ENI.MI) potrebbe prendere in considerazione la possibilità di separare la sua attività di bioraffinazione e collegarla alle operazioni di vendita al dettaglio, come fa con i suoi asset rinnovabili.

“È davvero prematuro, ma è un potenziale affare interessante per il futuro”, ha detto Descalzi in un’intervista alla conferenza Reuters Events Global Energy Transition.

Diverse società energetiche europee, come la società multi-energy spagnola Repsol (REP.MC), stanno cercando di cedere parti della loro attività verde per raccogliere fondi per ridurre il debito e pagare la transizione dal petrolio e dal gas.

“Gli impianti di raffineria con vendita al dettaglio … possono essere un ottimo affare”, ha detto Descalzi. Eni ha due impianti di bioraffinazione in Italia e ha dichiarato di volerne costruire di più in patria e all’estero.

Eni, che a febbraio ha rivelato alcuni degli obiettivi climatici più ambiziosi del settore, sta cercando di ristrutturare il proprio business e il proprio portafoglio per aiutare a finanziare la transizione energetica.

A maggio ha firmato un accordo con BP (BP.L) per unire le attività di esplorazione e produzione in Angola per formare una delle più grandi compagnie energetiche africane in una mossa che consentirà al nuovo gruppo di prendere in prestito senza aumentare i rapporti di debito di Eni.

Descalzi ha affermato che l’Eni è aperta a partnership con altre società simili all’accordo BP, aggiungendo che le discussioni sono in corso ma senza fornire ulteriori dettagli.

“Vogliamo separare questo tipo di investimento e creare un’entità con un’altra società che abbia in mente lo stesso tipo di modello”, ha affermato.

READ  Banca centrale europea Martins Kazak: la decisione di rallentare l'acquisto di obbligazioni è possibile a giugno

Interrogato sul gas naturale come combustibile di transizione, Descalzi si è detto convinto che avrà un ruolo importante da svolgere in futuro.

“Dobbiamo sostituire prima il carbone e poi il petrolio… è ancora un combustibile molto importante”, ha detto.

Eni, che sta sviluppando due abbondanti scoperte di gas in Mozambico ed Egitto, ha affermato che la sua produzione di petrolio raggiungerà il picco nel 2025 per essere sempre più sostituita dal gas nel suo portafoglio estrattivo.

A maggio, l’Agenzia internazionale per l’energia ha affermato che gli investitori non dovrebbero finanziare nuovi progetti di fornitura di petrolio, gas e carbone se il mondo vuole raggiungere le emissioni nette pari a zero entro la metà del secolo. Leggi di più

(Segnalazione di Stephen Geox e Simon Webb) Scritto da Anisska Flack; Montaggio di Isla Penny

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.