Agosto 1, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Euro 2020: l’Italia stende le ali Mancini e prende il volo

Nel suo tentativo di reclamare la gloria perduta dell’Italia, l’allenatore Roberto Mancini ha rotto con il pregiudizio del calcio italiano che aveva a lungo coltivato: il suo malcontento per le ali e gli emarginati della Serie A, non derivava dall’ambizione di smantellare le brochure del calcio italiano o inculcare nuovi valori, ma piuttosto dalla necessità di sfruttare il talento del miglior giocatore italiano quando ha preso il timone in Italia, poco dopo che non sono riusciti a qualificarsi per la Coppa del Mondo in Russia.

Dopo aver ponderato angosciosamente diversi video delle partite di qualificazione dell’Italia condannata e aver guardato pazientemente i filmati di tutte le partite di Serie A di quella stagione, ha identificato il nucleo esatto del suo nucleo. Si trattava di Lorenzo Insigne, la cui omissione nell’imperdibile gara di qualificazione contro la Svezia ha portato a uno scandalo che ha scosso la nazione. Insigne era già una leggenda al Napoli, un’ala corta ma aggraziata con un controllo e un tiro eccezionali.

Il suo baricentro basso significava che poteva buttare via le sue spalle centrali con solo i fianchi che vibravano, mentre il suo tocco sulle dita piumate e l’accelerazione erano intimidatorie, ma lo scetticismo degli allenatori italiani verso le ali significava che non ha mai inchiodato. posto in undici. E ogni volta che viene scelto, viene spinto in avanti, correndo tra le linee strette. Inciampò, la sua forza non era, aveva bisogno di spazio e ampiezza intorno a sé per espandere le sue capacità. Le ali, in Italia, sono spesso associate alla stravaganza e all’espansione.

Quindi il primo passo di Mancini è stato quello di creare uno spettacolo sul campo. Significava allargare il centrocampo, un principio anti-italiano. Per decenni, sono stati adattati per restringere lo spazio di gioco a centrocampo per garantire una forma coesa. Dalla strategia è scaturito il meraviglioso spazio che manipola gli attaccanti, la metà dei trequartisti e dei trequartisti su cui l’Italia si è spostata negli anni. Ma Mancini non aveva artisti del calibro di Andrea Pirlo o Francesco Totti. Quindi non aveva scelta per massimizzare i suoi punti di forza.

READ  Cosa possono imparare i marchi dalla partnership commerciale da 42 milioni di dollari della squadra di calcio italiana AS Roma

Per completare Insigne, Mancini ha individuato un esterno destro sinistro, un altro clan raro in Italia. Ma ne ha trovati due. Federico Chiesa, figlio del suo caro amico e compagno di Sambudia Lazio, Enrico, e Domenico Berardi. Quest’ultimo, che ha orchestrato il primo gol dell’Italia all’Euro, è l’opposto di Insigne, più diretto e meno veloce, ma dotato di vista, tecnica e talento per districarsi nel traffico. Inoltre, ci sono delle virtù nell’essere mancino sul fianco destro. Hanno un modo per aprire i loro corpi e attirare a sé i difensori, nel processo di prenderli e creare spazio dietro i difensori. Berardi lo ha fatto più volte nella partita inaugurale. Ciò è particolarmente utile per le squadre che giocano con una difesa a tre giocatori. A differenza delle ali moderne, non si sovrappongono o cambiano ali molto spesso.

Il loro pericolo è stato amplificato da un attaccante come Ciro Immobile, che, contrariamente al suo nome, è abbastanza mobile. È anche furbo e veloce, a differenza dei classici pescatori italiani sulla falsariga di Christian Vieri-Filippo Inzaghi, a cui piaceva la palla servita con i piedi o con la testa (nel caso di Inzaghi, qualsiasi parte del corpo). Quando Insigne va alla deriva nella cassa, la stabilità vaga nello spazio che Insigne si lascia alle spalle. Il cambio è meno marcato sulla fascia opposta, con Berardi più propenso a crossare che a scivolare dentro e tirare in porta.

Stand ausiliario per lo spettacolo

C’è una divisione tra l’ala d’Italia. La Ferrari sul lato sinistro tira su un’autostrada deserta e la Fiat sulla destra si muove con cautela nel traffico intenso. Spensieratezza a sinistra e intelligenza a destra. Il terzino sinistro, Leonardo Spinazzola, è in attacco e collega il gioco con Insigne e funge da assistente ala per mantenere lo stesso spettacolo. Il terzino destro Alessandro Florenzi si unisce alla difesa centrale in modo che possano bloccare un rapido contropiede.

READ  Wimbledon giorno quattro | Reuters

Mancini lo definisce uno speciale 4-3-3, che in attacco si trasforma in 3-4-2-1. Uno dei nostri perni di centrocampo, Locatelli/Verratti e Jorginho, torna a lavorare su uno schermo difensivo con il centrocampista offensivo Nicolas Parilla che cade nel secondo ruolo offensivo. Pertanto, possono mantenere il loro potere di attacco ma allo stesso tempo non compromettere la loro forma difensiva.

Ma Mancini non è il primo allenatore italiano a provare questa formazione. Così ha fatto Cesar Prandelli, ma ha rifiutato per mancanza di ali di alta qualità. Sebbene il suo successore abbia molto a sua disposizione, permette che vengano fatti a pezzi. Anche se si tratta di servire gli intoccabili, ora Mancini campioni.