Maggio 23, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Etichetta cinese che sovverte gli stereotipi maschili per la “generazione di fluidi di genere”

Etichetta cinese che sovverte gli stereotipi maschili per la "generazione di fluidi di genere"

Oscar Olanda, CNN

Il tema della mascolinità – e le minacce percepite ad essa – sembra essere così sempre più sensibile in Cina oggi. L’emittente statale del Paese si è mossa per vietare gli spettacoli che raffigurano “stili androgini“Funzionari dell’istruzione Suggerimento Metodi di lotta alla “femminizzazione” nelle scuole e nei media governativi condannare L ‘”estetica patologica” che spinge gli uomini “ambigui di genere” alla celebrità.

Per i fondatori del marchio di abbigliamento maschile Pronounce, le cui collezioni androgine sfidano ogni classificazione, i titoli dei giornali contrastano con la realtà emergente tra i giovani del paese. In effetti, Yushan Li e Jun Zhou, nati in Cina, vedono una “disconnessione” tra le situazioni ufficiali e ciò che sta accadendo a livello del suolo.

“L’atmosfera online sta diventando più conservatrice”, mi ha detto al telefono da Shenzhen. “Ma siamo tornati in Cina da (inizio) COVID-19, e connettiti con molti giovani, ed è solo una generazione fluida di genere. Le persone alla fine lo accetteranno.

“Quando ero giovane, si svolgevano anche discussioni simili”, ha aggiunto. “La macchina e l’idea che i ragazzi dovrebbero essere uomini: questi temi sono sempre stati presenti nella nostra cultura asiatica”.

Pronounce può essere ampiamente considerato un marchio maschile – nel 2019 è diventato anche il primo marchio cinese a ospitare una sfilata all’evento Pitti Uomo più famoso d’Italia – ma la coppia non sta progettando pensando a una fascia demografica specifica. Invece, i modelli maschili e femminili sono usati per mostrare le loro creazioni larghe e strutturate, che sono fatte per essere indossate da chiunque sia “curioso, ama le cose nuove e desiderabili e vuole essere sicuro di sé”, dice Lee.

READ  Cynthia Bailey parla del nuovo spettacolo "The Real Housewives All Stars" e di quale casalinga avrebbe fatto amicizia

mondi che fanno da ponte

Oltre al suo atteggiamento progressista nei confronti del genere, il fascino di Pronounce in Europa deriva dalla capacità dei suoi fondatori di colmare il divario estetico tra Oriente e Occidente.

Avendo entrambi studiato a Londra prima di lanciare Pronounce nel 2016, Zhou e Li hanno basato il loro marchio tra Shanghai e – prima della pandemia – Milano. Con Zhou attratto dall’eredità sartoriale italiana e Li che si concentra maggiormente sull’artigianato asiatico (“ecco perché abbiamo così tanti argomenti”, ha scherzato quest’ultimo, “ma alla fine troviamo un equilibrio”), la coppia si è guadagnata la reputazione di incorporando le influenze cinesi nel loro lavoro.

Ad esempio, la loro collezione Primavera-Estate 2020 presentava immagini dell’icona dei Guerrieri di Terracotta del paese stampate su dolcevita e jeans a gamba larga. Ma i richiami alla loro patria sono spesso più sottili ed espressi attraverso forme, motivi o materiali, dalle giacche di bambù intrecciate alle moderne iterazioni degli “abiti Mao” ampiamente indossati in Cina dopo la rivoluzione comunista del paese alla fine degli anni ’40.

Nei loro modelli, il duo ha giocato con le proporzioni, le linee e le lunghezze delle maniche degli abiti di Mao per i set schiena contro schiena. Le versioni sono disponibili in rosa con colletti allargati o ricamate con delicati fili d’oro. Altre interpretazioni della giacca saw Li e Zhou utilizzano tessuto a rete per rivelare la pelle delle modelle o allacciano i vestiti in vita prima di allacciarli con bottoni a forma di farfalla.

“Siamo davvero ossessionati dagli abiti di Mao”, mi ha detto. “Pensiamo che le persone che li indossano siano davvero belle e davvero affascinanti: la silhouette, la sensazione quando li indossano e l’energia davvero positiva”.

READ  La prima "NYC Hotel Week" offre prenotazioni con uno sconto del 22%

La nuovissima collezione Pronounce, presentata digitalmente all’indirizzo Settimana della moda di Londra A febbraio riassume questo approccio. Con cappotti di lana pesante, stivali alti fino al ginocchio e accessori in corno di animale, sembra ispirata alle culture mongola e tibetana in mostra su uno sfondo di tappeti colorati a motivi geometrici.

Soprannominato “nomadi moderni”, il progetto è stato informato dalle vesti e dagli indumenti esterni trovati sull’altopiano tibetano e dal viaggio della coppia nella Mongolia interna, dove vive la maggior parte della minoranza etnica mongola cinese (una visita alla stessa Mongolia, o Tibet, è stata lasciata fuori perché Li ha detto (Restrizioni di viaggio in età pandemica). Dopo aver trascorso del tempo con le comunità beduine della zona e aver acquistato tessuti locali come riferimento, i designer hanno messo il loro stile su indumenti durevoli e tessuti realizzati per resistere a condizioni difficili.

Reinterpretando ciò che hanno trovato in modo neutrale rispetto al genere, i fondatori dell’etichetta speravano di giocare sugli stereotipi cinesi che associano le culture nomadi a tratti maschili archetipici.

“Gli uomini sono molto forti, molto forti”, mi disse. Ma abbiamo scoperto che anche le donne mongole sono davvero difficili. Anche giocando con i bambini, abbiamo visto che hanno iniziato (allevamento di animali) e costruire case. Trascende il genere, trascende le generazioni: fa parte del loro DNA. Per quelli di noi che vivono nelle città, è molto diverso e hanno avuto un enorme impatto su di noi”.

Evita i cliché

In termini di espansione dei linguaggi visivi, la sfida di Pronounce è, in parte, trovare motivi asiatici abbastanza familiari da risuonare con il pubblico globale senza virare negli stereotipi.

READ  Cristiano Ronaldo: l'allenatore della Juventus Allegri dice che l'attaccante "non ha espresso la volontà di partire"

“Questo è un argomento di cui discutiamo dall’inizio del nostro marchio”, mi ha detto. “Come possiamo sbarazzarci dei cliché o prendere la nostra opinione su quegli stili davvero famosi?”

Per questo, ha aggiunto, il brand si è allontanato dall’abbigliamento classico come il qipao, l’abito aderente ampiamente associato alla Cina nell’immaginario occidentale. “Non siamo stati in grado di trovare una soluzione e non abbiamo ancora (una spiegazione univoca) per questo metodo, quindi non l’abbiamo toccato”, mi ha detto.

Né il marchio vuole dare la caccia a se stesso, poiché Li e Zhou guardano oltre la Cina per trovare ispirazione. La collezione primavera-estate 2019 di Pronounce, ad esempio, era basata sul viaggio della coppia ai mercati dei fiori in India, mentre la cooperazione Lui e Puma hanno osservato l’antico complesso del tempio Pumapunku in Bolivia.

“Non è come ‘Siamo designer cinesi, quindi dobbiamo fare quel tipo di stile'”, ha detto Lee. “È più che abbiamo sentimenti davvero forti per qualcosa, e poi abbiamo quella sensazione”.

Filo della CNN
™ & © 2022 Cable News Network, Inc. , una società WarnerMedia. Tutti i diritti riservati.