Giugno 29, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Essere uno Starliner ritorna sulla Terra

Segnaposto durante il caricamento delle azioni dell’articolo

La capsula spaziale Starliner di Boeing è atterrata mercoledì nel deserto del New Mexico, completando una missione di sei giorni in cui è stata finalmente Arrivato alla Stazione Spaziale Internazionale Questo potrebbe portare a voli con astronauti.

La capsula, che non aveva equipaggio a bordo, atterrò come previsto alle 18:49 ET al White Sands Missile Range nel New Mexico sotto un triplo baldacchino. Gli airbag di atterraggio sono ammortizzati.

L’atterraggio è stato l’ultimo passo decisivo Test Boeing e NASAche richiedeva alla compagnia aerea di dimostrare di poter trasportare in sicurezza l’imbarcazione alla stazione e tornare indietro in modo indipendente prima di consentire agli astronauti di volare.

La NASA e la Boeing hanno affermato che il volo di ritorno è andato liscio, dall’uscita dalla stazione spaziale, al lancio dei loro motori all’uscita dall’orbita e all’ingresso nell’atmosfera. Mentre scende verso la Terra, il suo scudo termico resiste a temperature fino a 3.000 gradi Fahrenheit.

“Solo un bellissimo atterraggio a White Sands questa sera”, ha detto la portavoce della Boeing Lauren Seabrook in una trasmissione in diretta dell’atterraggio.

Ha aggiunto che il veicolo spaziale è atterrato a circa tre decimi di miglio a sud-est del sito di atterraggio, “che è fondamentalmente un bersaglio”, ha detto.

Tuttavia, non è chiaro quando avverrà il primo volo con equipaggio.

Sulla strada per la stazione, due dei propulsori principali sono stati interrotti dopo che i sensori hanno registrato problemi. I backup sono iniziati senza indugio, mettendo la navicella sulla rotta per la stazione, ma mentre si avvicinava alla stazione, altri due motori più piccoli si sono abituati a Metti l’astronave all’attraccoAnche Boeing ha detto che aveva problemi. Inoltre, anche il sistema di controllo termico del veicolo spaziale, che viene utilizzato per mantenere il veicolo spaziale alla giusta temperatura, ha fallito.

READ  Le carte fossili possono rivelare il clima nell'ultima era dei dinosauri

Nonostante queste sfide, la NASA e la Boeing hanno salutato la missione come una prima “storica” ​​che avrebbe fornito all’agenzia spaziale un’alternativa a SpaceX per trasportare merci e astronauti alla stazione. Nonostante i problemi, Mark Naby, un vicepresidente della Boeing che sovrintende al programma Starliner, ha affermato che “il veicolo spaziale è in perfette condizioni” e che “ha funzionato come avrebbe dovuto”.

Steve Stitch, che dirige il Commercial Crew Program della NASA, ha affermato la scorsa settimana che i problemi sono stati superati senza troppi problemi, ma che i “fallimenti” dovrebbero essere considerati.

“Abbiamo molta ridondanza, quindi non ha influito affatto sui processi di nomina o sul resto del volo”, ha detto dopo l’attracco. “So che dopo il viaggio, studieremo i fallimenti lì e vedremo cosa succede”.

Questa indagine è resa più difficile dal fatto che gli ingegneri a terra non potranno ispezionare i due propulsori principali che sono interrotti perché si trovano nel modulo di servizio della navicella, che è stato abbandonato durante il rientro.

Tuttavia, la NASA e la Boeing hanno celebrato il volo come un successo. Durante una conferenza stampa post-volo mercoledì sera, Stich ha dichiarato: “Il volo di prova ha avuto molto successo. Abbiamo raggiunto tutti gli obiettivi della missione”. “I sistemi stavano funzionando molto bene sull’auto e, una volta che avremo elaborato tutti i dati, saremo pronti per portare l’equipaggio sull’auto”, ha aggiunto.

Sebbene ci siano stati molti problemi lungo il percorso, ha detto che non ci sono state “fermate”. Nonostante i problemi con i propulsori, ha detto: “Non vedo alcun motivo per cui non dovremmo andare avanti verso un test di volo con equipaggio dopo quello”.

READ  Un Boeing Starliner attracca con successo per la prima volta alla Stazione Spaziale Internazionale

“Siamo molto soddisfatti del risultato di questa missione”, ha aggiunto Naby.

Boeing e la NASA hanno detto che vorrebbero poter volare missione con gli astronauti Entro la fine dell’anno, ma prima dovranno assicurarsi di comprendere tutti i problemi emersi e studiare i dati che hanno dalla capsula ora che è tornata sulla Terra.

Il programma è già stato ritardato di anni dopo una serie di problemi precedenti. Boeing ha tentato per la prima volta un volo di prova senza equipaggio nel dicembre 2019. Ma ha dovuto interrompere il test poco dopo che un grave problema software e un errore di comunicazione hanno causato il consumo eccessivo di carburante del veicolo spaziale e il mancato raggiungimento dell’orbita della stazione spaziale. Ci sono voluti 20 mesi prima che la compagnia tentasse di nuovo, ma quel volo non è nemmeno decollato lo scorso agosto quando gli ingegneri hanno scoperto 13 valvole nel modulo di servizio bloccato in modalità bloccata.