Dicembre 1, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Era vaccinato e già contagiato dal COVID? Shot Boost offre una piccola protezione in più: i colpi

Le iniezioni di richiamo sono consentite a tutti gli adulti negli Stati Uniti, ma alcuni si chiedono se ne abbiano bisogno. Un’infermiera riempie una siringa di Pfizer-BioNTech Covid-19 presso la clinica pop-up del vaccino nel quartiere di Arleta a Los Angeles, in California.

Robin Beck/AFP tramite Getty Images


Nascondi didascalia

Cambio didascalia

Robin Beck/AFP tramite Getty Images

Le iniezioni di richiamo sono consentite a tutti gli adulti negli Stati Uniti, ma alcuni si chiedono se ne abbiano bisogno. Un’infermiera riempie una siringa di Pfizer-BioNTech Covid-19 presso la clinica pop-up del vaccino nel quartiere di Arleta a Los Angeles, in California.

Robin Beck/AFP tramite Getty Images

I funzionari sanitari federali stanno esortando gli americani a rafforzare la loro immunità prima delle vacanze invernali ottenendo una dose di richiamo di COVID-19. Ma non tutti operano con le stesse difese quando si tratta di tenere a bada il virus.

Più di 47 milioni di persone negli Stati Uniti sono già state infettate dal coronavirus, almeno secondo i dati ufficialmente registrati. In effetti, potrebbero essercene altri milioni.

Una parte non specificata di queste persone è anche vaccinata, il che significa che ora hanno quella che gli scienziati chiamano immunità ibrida. Questo è ciò che accade quando il tuo sistema immunitario sta essenzialmente facendo una prova per respingere il virus – con un vaccino – e funziona davvero – grazie al virus.

Quindi, se hai già avuto sintomi di COVID, hai davvero bisogno di una dose di richiamo?

Forse non è uno shock il fatto che gli scienziati non siano ancora del tutto sicuri. I booster non sono stati disponibili per tutto questo tempo per la maggior parte degli americani e restano da fare studi per capire quanto siano necessari per tutti, per non parlare di coloro che sono stati infettati e vaccinati.

READ  IDPH ha riportato 5 decessi aggiuntivi da COVID-19 e 691 nuovi test positivi

Ma gli scienziati affermano che la loro ipotesi migliore è che, a detta di tutti, le persone che hanno già l’immunità ibrida hanno un’immunità migliore rispetto alle persone vaccinate che non hanno avuto il COVID o alle persone che hanno avuto il COVID ma non il vaccino.

“È giusto dire che è probabile che la tua immunità sia più forte, quindi la possibilità di ammalarti, specialmente con la variante delta, è molto bassa”, Dott.. Duane Weisman, un immunologo presso il Brigham and Women’s Hospital e la Harvard Medical School.

Pensa al sistema immunitario e al coronavirus come se stessi imparando uno strumento: fai pratica una volta e ricorderai la canzone quella successiva, ma – se ti fermi – probabilmente non accadrà un anno dopo. “Gli stessi principi si applicano al sistema immunitario”, afferma Wezeman. “Ci dedicherai più tempo, investirai più sforzi per restare fedele a qualcosa che hai visto molte volte”.

E se hai un’infezione e sei stato vaccinato, è già molta pratica.

Solo perché hai un’immunità così forte non significa che sia una cattiva idea ottenere un richiamo. Ciò è particolarmente vero se sei già suscettibile a un grave COVID-19, afferma Giovanni Weiry Direttore dell’Istituto di Immunologia dell’Università della Pennsylvania.

Tutto questo è ancora in fase di studio, ma Wehrey afferma che non c’è motivo di credere che sarebbe troppo rischioso per le persone con immunità ibrida ottenere una dose extra.

“Il profilo di sicurezza sembra più o meno lo stesso durante le vaccinazioni di base e di richiamo e non sembra essere molto diverso a seconda che tu abbia o meno COVID”, afferma.

READ  Le singolarità ottiche possono essere utilizzate per un'ampia varietà di applicazioni

La nostra migliore immagine dei poteri immunitari ibridi deriva dallo studio delle persone infette e dalla successiva vaccinazione – che cosa? Anche descritto dagli scienziati come “immunità sovrumana”.

“Questo genere di cose sembra che tu stia davvero ricevendo una dose di richiamo molto massiccia”, dice Wehrey. “Probabilmente saranno in basso nella mia lista di priorità per chiunque abbia bisogno di un booster”.

La ricerca mostra che le persone con questo tipo di immunità ibrida producono più anticorpi e questa risposta non è solo più stabile, ma è davvero forte tra le varianti, afferma Weissman, il cui laboratorio ha Studio della risposta immunitaria Nelle persone che sono state infettate e successivamente vaccinate.

Quindi che dire del livello di protezione di una persona per lo scenario opposto – quando una persona completamente vaccinata sviluppa successivamente una superinfezione? “A questo punto dovresti essere super immune”, afferma il dott. Gregory Poland, direttore del gruppo di ricerca sui vaccini presso la Mayo Clinic.

Molto probabilmente, questo marchio di immunità ibrida rivaleggia con ciò che è stato visto nelle persone che si sono riprese da COVID-19 e poi sono state vaccinate, ma potrebbero esserci sottili differenze nei dettagli della risposta immunitaria, afferma Wehrey. Ma queste cose che potrebbero essere diverse potrebbero non importare a nessuno per evitare la prossima infezione.

Tutto questo va studiato per arrivare a una risposta più definitiva. Fino ad allora, il takeaway è lo stesso, non importa come si arriva all’immunità ibrida: non c’è alcun bisogno impellente di ottenere una spinta per le persone sane e a basso rischio. Ma se sei a rischio più elevato a causa di condizioni sottostanti, o vivi o lavori a stretto contatto con qualcuno, può essere un buon livello di protezione aggiuntivo per te e per chi ti circonda.

READ  SpaceX Launch - Live: La navicella spaziale SN15 si prepara al decollo, con strade e spazio aereo chiusi

“Il potenziale vantaggio di fornire una maggiore immunità è presente e i rischi sono bassi”, afferma Wesemann. “Probabilmente lo consiglierei a un gruppo di persone che pensavo fossero ad alto rischio”.