Ottobre 2, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Eni scommette sull’agrobusiness in Africa per espandere la produzione di biocarburanti

Eni scommette sull’agrobusiness in Africa per espandere la produzione di biocarburanti
  • Eni punta a sviluppare progetti agricoli in almeno 9 paesi
  • Eni sta replicando il modello upstream e downstream con l’agribusiness
  • Eni decide di allestire una nuova bioraffineria a Livorno entro la fine dell’anno

MILANO (1 giugno) (Reuters) – L’italiana Eni (ENI.MI) sta investendo in agricoltura in diversi paesi africani e asiatici, con l’obiettivo di produrre circa un quinto delle materie prime agricole di cui avrà bisogno per la sua attività di biocarburanti entro il 2025, due. hanno affermato i dirigenti del gruppo energetico.

Le compagnie energetiche scommettono sull’aumento della domanda di carburanti a base di oli vegetali, oli da cucina usati e grassi, che secondo loro svolgeranno un ruolo importante nella decarbonizzazione dei settori dell’autotrasporto, dell’aviazione e del trasporto merci nei prossimi anni.

Per soddisfare questa domanda attesa, Eni sta intensificando la propria capacità di bioraffinazione e, allo stesso tempo, espandendo i progetti agricoli per garantire gli approvvigionamenti e ridurre il rischio di eccessiva volatilità nel mercato delle materie prime.

“Il nostro obiettivo è coprire il 20% della nostra produzione di biocarburanti con materie prime provenienti dalla nostra attività agricola entro il 2025, la soglia rilevante da quando abbiamo aumentato i nostri obiettivi di produzione”, ha detto a Reuters Giuseppe Ricci, chief operating officer di Eni Energy Evolution. Colloquio.

Eni ha dichiarato a febbraio di puntare a una capacità di bioraffinazione di oltre 3 milioni di tonnellate all’anno entro il 2025 e di oltre 5 milioni di tonnellate entro il 2030, dagli attuali 1,1 milioni di tonnellate.

Ciò si confronta con le previsioni degli analisti di Barclays secondo cui la domanda globale di biocarburanti triplicherà a 30 milioni di tonnellate entro la fine del decennio.

READ  Non date il via libera al green washing - Attivisti Ue - Inglese

Eni ha siglato accordi con diversi paesi per identificare i terreni degradati dove gli agricoltori coltivano colture che non competono con la filiera alimentare.

“Abbiamo stagni di agricoltori locali che crescono per noi… Prendiamo i semi, li spremiamo e portiamo l’olio alla nostra bio-raffineria”, ha dichiarato Guido Brusco, chief operating officer di Eni Natural Resources. L’olio è anche derivato da residui agricoli e industriali.

Si prevede che circa 700.000 agricoltori parteciperanno alle attività agricole di Eni entro il 2026, in base agli accordi siglati con Angola, Benin, Repubblica del Congo, Guinea-Bissau, Kenya, Costa d’Avorio, Mozambico, Ruanda e Vietnam. Sono in corso studi di fattibilità in Italia e Kazakhstan.

Il modello di business è simile a quello applicato da Eni nel business degli idrocarburi.

“Stiamo replicando l’integrazione verticale che abbiamo in altre materie prime e la logica è ridurre la volatilità, proteggere le materie prime e avere un maggiore controllo sui costi”, ha affermato Brusco.

Nigel Dunn, responsabile dei biocarburanti di BP, ha dichiarato a Reuters che, anche seguendo il modello di integrazione verticale, BP sta valutando l’acquisto di partecipazioni nei produttori di materie prime per biocarburanti e di investire direttamente in progetti agricoli.

Eni afferma che i biocarburanti possono ridurre le emissioni nette di gas serra tra il 65% e il 90% rispetto ai combustibili fossili, a seconda del tipo di materia prima e del processo produttivo.

“Entro la fine di quest’anno prenderemo la decisione finale sull’investimento in una nuova bio-raffineria a Livorno (Italia)”, ha affermato Ricci. Ciò andrà ad aggiungersi alle due bioraffinerie italiane esistenti e ai potenziali nuovi impianti negli Stati Uniti e in Malesia.

Ritchie ha affermato che anche se i biocarburanti hanno costi più elevati, il fatto che possano essere prodotti con le infrastrutture esistenti li rende una soluzione competitiva per decarbonizzare i trasporti.

READ  I leader del G7 hanno deciso di mantenere open source i rubinetti di denaro

Reportage di Francesca Landini; Montaggio di David Holmes

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.