Febbraio 1, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Enel firma una linea di credito statale da 12 miliardi di euro

A cura di Francesca Landini

Milano Enel e un consorzio di banche hanno firmato una linea di credito da 12 miliardi di euro (12,74 miliardi di dollari) per finanziare le richieste di margini relative al trading di derivati ​​del gruppo, la più grande struttura italiana.

Il finanziamento è garantito al 70% dall’Agenzia Italiana per il Credito all’Esportazione SACE Enel ha detto venerdì che ha una durata di circa 18 mesi.Come previsto da Reuters, la linea di credito fa parte degli sforzi del governo italiano per proteggere le utilities del Paese dalle fluttuazioni dei mercati energetici.

Dopo lo scoppio della guerra in Ucraina, l’aumento vertiginoso dei prezzi dell’energia e del gas ha scosso le società energetiche in tutta Europa, costringendo i servizi pubblici e i commercianti a ottenere denaro aggiuntivo da governi e banche per coprire i requisiti di margine. Enel ha dichiarato che le agevolazioni non hanno avuto alcun impatto sul proprio indebitamento finanziario netto, che a fine settembre ammontava a circa 70 miliardi di euro.

Enel ha precisato che il Ministro dell’Economia italiano, d’intesa con il Ministro dell’Industria, dovrà emanare un apposito decreto affinché Enel possa beneficiare della linea di credito e affinché la garanzia abbia efficacia.

Il finanziamento ha un margine di 50 punti base sull’Euribor e una commissione di mancato utilizzo pari al 35% del margine. Il premio annuo di garanzia, rispetto alla somma assicurata, è fissato in 50 punti base per il primo anno e in 100 punti base per il secondo anno.

Il gruppo di finanziatori che finanzia Enel è il Banco BPME il Biber Banca, l’istituto di credito statale italiano Cassa Depositi e Prestiti (CDP), Intesa Sanpaolo e UniCredit.

READ  La vita all'interno di una bolla di confini in continua evoluzione

Altre strutture italiane dovrebbero fare domanda SACE schema di garanzia. Il secondo impianto più grande d’Italia A2A Martedì ha detto a Reuters che avrebbe approfittato della linea di credito sostenuta dalla Export Credit Agency a gennaio.

($ 1 = 0,9417 euro)