Maggio 17, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Elogio: Commemorazione dell’incomparabile pianista Radu Lobo

Elogio: Commemorazione dell'incomparabile pianista Radu Lobo

Non so come abbia fatto Radu Lupu. Nessuno nessuno. Ma ho due teorie.

L’incomparabile pianista rumeno, che è morto domenica, non solo da un vasto pubblico che lo affascinava, ma anche dai maggiori pianisti del suo tempo, anche leggendari come Martha Argerich, Daniel Barenboim e Murray Berahia. Per il 70° compleanno di Lupu nel 2015, il pianista Kirill Gerstein ha descritto Lupu in un Recensione di libri di New York Un tributo a “più che un grande pianista”, colui che ha portato l’ascoltatore “sotto e sopra” la superficie della musica. Andre Previn una volta mi disse che Lobo era il pianista più magico con cui avesse mai lavorato.

Difficilmente troverai una recensione di Lupu, inclusa la mia, che non commenterebbe il suo aspetto schietto e simile a un orso. Barbuto, un po’ selvaggio, ha camminato sul palco senza allegria, non riconoscendo affatto il pubblico, si è seduto su una normale sedia di legno che ha preferito a un bel sedile di pianoforte. Le prime note, siano esse di Beethoven, Schubert, Schumann o Brahms, erano diverse da qualsiasi cosa avessi sentito prima. Sei stato immediatamente trasferito.

Non sappiamo molto di Lupu a parte il bios standard del programma e la voce di Wikipedia. Evita le interviste. Non gli era permesso registrare o trasmettere i suoi concerti. Ha tenuto lontani fotografi e giornalisti. C’è pochissimo video (uno Concerto di Mozart finora). Metti il ​​nome di Lupo in una ricerca di libri su Amazon e tutto ciò che viene fuori è un numero dell’Academic Journal of Roman Studies. Ha smesso di fare dischi commerciali negli ultimi due decenni del suo concerto, terminato nel 2019. Per quanto riguarda i social media: starai scherzando.

READ  Lancio del tappeto rosso - Sala stampa

Questo è in parte come ha fatto. La musica in un attimo qual è il significato Abitare, e non ipoteticamente, era tutto per Lupu. La sua presenza è stata straordinaria.

Ha camminato sul palco come un anarchico del primo Novecento. Suonava come tale, come un musicista presuntuoso con la visione della società utopica. Meglio conosciuto per la sua poesia lirica, ha intrecciato la melodia di Schubert in una rete affascinante. Ha portato una passione focosa al rap di Brahms. Ti faceva ascoltare con un entusiasmo che non sapevi esistesse dentro di te, ma era anche un entusiasmo comune, l’entusiasmo di un anarchico idealista che credeva nella gentilezza intrinseca delle persone a prendersi cura gli uni degli altri.

A Lupu non piaceva particolarmente lo studio di registrazione, ma da tre decenni registra dischi, quasi tutti per l’etichetta britannica Decca Classics (originariamente pubblicata come London negli Stati Uniti), e in ognuno di essi riesce in qualche modo a trasmettere ciò che non dovrebbe non è stato suo. cedibile. È prodotto magnificamente, consentendo all’esclusiva gamma di colori e trame di Lupu-ian di avere un bell’aspetto senza che Decca si prenda la briga di rielaborarne nessuno in alta definizione.

Dopo aver saputo della morte di Lobo, ho registrato le sue registrazioni delle ultime parti per pianoforte di Brahms, Opp. 117, 118 e 119, che ha segnato da giovane. Sono stato subito trasferito, sì. È proprio vero che la sua profondità e capacità di impartire bellezza e significato è al di là della comprensione. Se la verità ha una voce, è proprio questa.

Fortunatamente, abbiamo sentito qualcosa da Lupu. È apparso spesso con la Filarmonica di Los Angeles. Era uno dei preferiti di Zubin Mehta (che registrò i concerti per pianoforte di Beethoven con lupo e l’Orchestra Filarmonica israeliana), Carlo Maria Giulini (che fu uno dei primi direttori di lobo d’America e la cui esibizione nel concerto per pianoforte di Schumann nel 1980 fu insolita). Trasmissione) e Previn (ovviamente). Lobo è stato anche il solista di un’indimenticabile esecuzione del concerto di Schumann in uno dei concerti più personali di Esa-Pekka Salonen, che includeva la prima esecuzione di “Esa (in Cauda V)” di Franco Donatoni, un omaggio al compositore italiano morente e l’addio al suo famoso allievo, Salonen. Dopo aver ascoltato l’etereo, ma concretamente essenziale Schumann, ha colto questo spazio tra l’essere e il nulla.

READ  Raccolta di notizie di intrattenimento: Netflix amplia l'accordo con il produttore di "Bridgerton" Shonda Rhimes "A Century of Music" cimeli della leggenda del rock all'asta, altro

Abbiamo lasciato Lobo abbastanza per sapere cosa fosse. Ci sono circa 25 ore di registrazioni, ma molti dei pezzi più notevoli – l’ultima sonata per pianoforte di Beethoven, Opus 111, chiave tra di loro – sono andati con lui. Ma il suo repertorio musicale era molto più ampio di quello che abbiamo. Non ha mai registrato il lavoro di Bartók o Janácek, poiché è rimasto sbalordito al suo ultimo concerto a Los Angeles nel 2006 alla Walt Disney Concert Hall. Quando si arriva al punto, abbiamo meno documentazione di Lupu rispetto a qualsiasi altro musicista contemporaneo della sua statura.

Ma nell’era di ogni momento della vita catturato sul cellulare di qualcuno e pubblicato online da qualche parte, in un’epoca in cui la vita è meno vissuta che differita, Lupu ci ha lasciato abbastanza arguzia per accendere la nostra immaginazione. Dobbiamo evocarlo come dobbiamo evocare le grandi persone di cui non possiamo più sentire le voci, la presenza di cui non possiamo più sentire la voce. Spesso, proprio per questo motivo, possono essere i più stimolanti. Non so come possa davvero aiutare a mantenere in vita Lupu per noi.