Febbraio 27, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Elezioni pakistane: cosa succede dopo il voto a sorpresa di Imran Khan?

Elezioni pakistane: cosa succede dopo il voto a sorpresa di Imran Khan?
  • Di Nicholas Young e BBC Urdu
  • A Singapore e Islamabad

I pakistani non sanno ancora quale partito formerà il prossimo governo o chi sarà il prossimo primo ministro, quattro giorni dopo le elezioni generali fortemente contestate.

Nonostante l'arresto dell'ex primo ministro Imran Khan e i numerosi ostacoli lanciati al Pakistan Tehreek-e-Insaf, i candidati indipendenti sostenuti dal partito hanno sorpreso gli osservatori conquistando 93 seggi nell'Assemblea nazionale, più di qualsiasi altro partito. Tuttavia, è ben lontano dalla maggioranza semplice di 169 seggi necessaria per formare un governo.

La Costituzione prevede che i partiti politici debbano formare un governo entro il 29 febbraio, ovvero tre settimane dopo il giorno delle elezioni. Il numero totale dei seggi dell'Assemblea nazionale è 336, di cui 266 determinati con voto diretto e 70 sono seggi riservati – 60 per le donne e 10 per i non musulmani – e vengono assegnati in base alla forza di ciascun partito nell'Assemblea.

“È uno Stato frammentato in cui nessuno dei partiti ha la maggioranza semplice. Tuttavia, dovranno trovare un terreno comune o formare una coalizione per sopravvivere”, ha detto alla BBC l'analista politico Rafullah Kakar in urdu da Islamabad.

Sebbene il Pakistan Tehreek-e-Insaf (PTI) e la Lega musulmana pakistana (PML-N) abbiano dichiarato la vittoria, la formazione di un governo di coalizione sembra inevitabile. Mentre la controversia continuava, i candidati indipendenti senza successo hanno inondato i tribunali con accuse di frode elettorale. I sostenitori del PTI hanno anche organizzato proteste davanti agli uffici della Commissione elettorale in tutto il paese.

Quindi cosa verrà dopo? Ci sono alcuni scenari possibili:

Lega musulmana pakistana – L'ala di Sharif si unisce al Partito popolare pakistano guidato da Bhutto

“Il punto critico sarà chi sarà il prossimo primo ministro e quale sarà la divisione in termini di posizione di presidente, ma anche all’interno delle diverse province”, ha aggiunto.

La PML-N sta cercando di corteggiare il Movimento nazionalista liberale socialista, che ha ottenuto 17 seggi. Sta anche cercando di attirare al suo fianco candidati indipendenti.

Mentre Zardari ha incontrato domenica a Lahore una delegazione del PML-N guidata dal fratello di Sharif, Shehbaz, il PPP sembra prendersi il tempo necessario per considerare le sue opzioni. Lunedì è previsto che il comitato esecutivo centrale del partito si riunisca a Islamabad.

Il Partito popolare pakistano si allea con il PTI di Khan

Sherry Rehman, leader senior del Partito popolare pakistano, ha detto che le porte del partito sono aperte a tutte le forze politiche, quando la BBC Urdu le ha chiesto se il partito fosse pronto a lavorare con il movimento PTI.

Tuttavia, il consigliere per i media di Khan, Zulfi Bukhari, ha detto alla BBC che è molto probabile che il PTI si siederebbe sui banchi dell'opposizione piuttosto che formare una coalizione se non riuscisse a ottenere la maggioranza.

Ciò fa eco ai precedenti sentimenti di Khan, che attualmente sta scontando una pena detentiva di 14 anni per varie accuse. Nel 2018 aveva affermato che il governo di coalizione sarebbe stato debole e che il paese aveva bisogno di un governo forte per superare la crisi che stava affrontando. Tuttavia, ha continuato a formare una coalizione con partiti più piccoli come il Movimento Muttahida Qaumi.

Il PML-N forma una coalizione con il PTI e altri partiti

L'appello del leader senior della PML-N Azam Nazir Tarar a formare un “governo di coalizione partecipativo” in cui “tutti devono unirsi” sembra essere un'ammissione implicita che il PTI non può essere ignorato.

“Anche coloro che non avevano votato per Imran in precedenza potrebbero provare un senso di ingiustizia per il modo in cui i militari hanno trattato lui e il suo partito negli ultimi due anni”, ha detto alla BBC Uday Chandra della Georgetown University. “Il senso di giustizia democratica, prevalente in tutta la regione, sembra essere stato violato”.

Ha aggiunto: “Scegliendo gli indipendenti, gli elettori inviano un messaggio chiaro ai militari: lasciamo che prevalga la democrazia civile”.

Gli indipendenti sostenuti dal PTI si fondono con un partito più piccolo

Una possibilità che è stata avanzata è che i candidati sostenuti dal PTI possano unirsi a un partito più piccolo nel tentativo di formare un governo di coalizione. Questo per unificare i loro seggi e anche per beneficiare dei 60 seggi assegnati alle donne nell'Assemblea nazionale.

Il partito politico ottiene un seggio riservato alle donne ogni 3,5 seggi conquistati. I candidati indipendenti non ne hanno diritto poiché non appartengono ad alcun partito. Entro 72 ore dall’annuncio dei risultati elettorali, devono inoltre dichiarare la loro intenzione di aderire a un partito o di candidarsi come parlamentari indipendenti.

Tuttavia, Asma Faiz della Lahore University of Management Sciences afferma che è “altamente improbabile” che il PTI riesca a formare un governo di coalizione, poiché le alleanze con i partiti più piccoli non riusciranno comunque a raggiungere la maggioranza.