Giugno 12, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Economia o ambiente? Il ritorno della nave da crociera divide Venezia

Venezia, Italia – Per alcuni è stato uno spettacolo gradito, per altri un ritorno ai bei vecchi tempi.

Essendo la prima nave da crociera dalla pandemia di coronavirus che ha iniziato a farsi strada sabato nel cuore di Venezia, è stata scortata da trionfanti rimorchiatori scroscianti e da lavoratori portuali esultanti.

ma il 92.409 tonnellate, 16 piani MSC Orchestra Fu anche accolto da una piccola flottiglia di barche di legno con bandiere con il messaggio “grandi barche vietate” mentre attraversavano il Canale della Giudecca, passando per la famosa Basilica di San Pietro.

Centinaia di persone si sono anche radunate lungo il canale per protestare contro la partenza della nave dalla città in rotta verso la Croazia e la Grecia.

“Non possiamo più accettare che per lavoro di pochi, insultino la città in questo modo”, ha detto uno degli organizzatori della protesta, Tommaso Cacciari.

“Alcuni dicono che siamo la città più bella del mondo”, ha detto. “Siamo una città molto fragile, una città davvero unica, e quindi non possiamo adattare la città alle navi da crociera. Se vogliono venire a Venezia, dovrebbero essere meno inquinanti, più piccole e più sicure”.

Una veglia a Venezia per chiedere lo stop al passaggio delle navi da crociera attraverso la città lacustre italiana sabato.Manuel Silvestri/Reuters

Il viaggio di MSC Orchestra, il primo attraverso Venezia in nave da crociera in più di 18 mesi, ha riacceso un movimento che da oltre un decennio si opponeva al passaggio di imponenti navi attraverso il lago per motivi ambientali e di sicurezza.

I manifestanti come Kakshiari affermano che i velieri stanno distruggendo il fragile ecosistema marino e l’architettura della città, che è già in pericolo a causa dell’innalzamento delle acque marine. I manifestanti affermano che quando le navi da crociera attraversano il Canale della Giudecca in centro, trasportano così tanta acqua che lentamente erodendo il pavimento del canale e schiacciando contro le fondamenta sottomarine su cui è costruita la città.

READ  USTR annuncia e sospende immediatamente le tariffe della sezione 301 su Austria, India, Italia, Spagna, Turchia e Regno Unito | Hoch Blackwell LLP

“È una grande provocazione che una nave sia passata”, ha detto all’Associated Press l’esperta ambientale Andrina Zeitelli, membro della Venice Environmental Society. “Non puoi paragonare la difesa della città alla difesa dei posti di lavoro per le grandi compagnie di crociera”.

Ma Francesco Galletti, direttore dell’Associazione Internazionale delle Linee di Crociera in Italia, ha affermato che la comunità ha voluto indietro le navi dopo che la pandemia ha devastato l’economia italiana.

“Ci è stato chiesto di tornare”, ha detto Galletti. “Siamo felici di contribuire alla prosperità di Venezia”.

L’Autorità Portuale di Venezia ha affermato che il business delle navi da crociera rappresenta il 3% del prodotto interno lordo della città e che da esso dipendono circa 4.000 posti di lavoro.

Scarica App di notizie della NBC Per le ultime notizie e la politica

Prima della pandemia, la città riceveva circa 25 milioni di visitatori all’anno. Nel 2019, 667 navi da crociera hanno trasportato quasi 700.000 passeggeri a Venezia, secondo l’associazione delle compagnie di crociera.

Galletti ha affermato che l’associazione chiede da anni al governo di trovare una soluzione più gestibile e sostenibile per l’accesso delle navi da crociera a Venezia e al lago, ma senza successo.

Il governo del primo ministro Mario Draghi si è impegnato questa primavera a far uscire le navi da crociera dalla laguna veneziana, ma raggiungere questo obiettivo richiederà tempo.

Centinaia di manifestanti si sono riuniti sabato a Venezia sulla prima nave da crociera da quando la pandemia ha iniziato a farsi strada attraverso la città.Claudio Lavanga/NBC News

Il governo ha detto che sta organizzando le offerte per una valida alternativa al di fuori del lago e che la richiesta di proposte dovrebbe essere pubblicata a giorni.

READ  Funziona davvero il regionalismo italiano?

Ma anche la rotta alternativa temporanea del Canale della Giudecca – lo spostamento di navi più grandi in un porto industriale a ovest di Venezia – non sarà pronta fino al prossimo anno, ha detto all’AP il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile. Ci vorrà più tempo per costruire un nuovo porto fuori dal lago.

Molti manifestanti hanno affermato che è l’industria delle navi da crociera che dovrebbe cambiare e ridurre il proprio impatto ambientale.

“Speriamo che la causa di Venezia li faccia ripensare al loro intero approccio alle vacanze e ai viaggi”, ha affermato l’attivista ambientale Jane da Mosto, direttrice esecutiva del gruppo no profit We Are Here Venice. “Questo è uno dei posti in cui dovremmo iniziare ora.”

Claudio Lavanga segnalato da Venezia e Yulia Talmazan da Londra.

Associated Press E il Matteo Muskella Ha contribuito.