Maggio 21, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Echi della guerra in Ucraina nelle fabbriche e nei magazzini in Europa

PARIGI – Le 600 paia di scarpe sono rimaste intatte all’interno di un magazzino italiano: sandali viola, tacchi vertiginosi e ballerine dorate, destinate alle boutique russe ma bloccate nel limbo dalle sanzioni e dalle turbolenze economiche causate dalla guerra russa in Ucraina.

Sergio Amaranti, l’azienda calzaturiera italiana gravata da una montagna di merce non pagata, è tra le migliaia di aziende europee alle prese con le battute d’arresto dell’allargamento del conflitto.

“Fa paura”, ha detto Moira Amarante, che gestisce l’azienda fondata da suo padre e suo zio. Ha detto che era preoccupata che l’improvvisa perdita finanziaria potesse destabilizzare l’azienda di 47 anni, che sostiene 20 lavoratori di lunga data e le loro famiglie. “La Russia è metà del nostro lavoro”, ha detto. “Ora abbiamo un problema”.

La guerra durata un mese della Russia contro l’Ucraina ha causato la ripresa dell’economia europea dalla pandemia di COVID-19, minacciando la sua ripresa ricca di posti di lavoro. I produttori e i rivenditori che hanno beneficiato di una rinnovata crescita si stanno adeguando alle oscillazioni selvagge delle condizioni commerciali che hanno iniettato nuova incertezza nel processo decisionale economico.

Le sanzioni volte a punire Mosca per la sua conquista stanno attaccando le aziende in modi inaspettati, minando la fiducia e la loro capacità di pianificazione. Piccole aziende come Sergio Amaranti affrontano un futuro incerto poiché le esportazioni verso uno dei loro mercati chiave si fermano. Le grandi multinazionali che si sono ritirate dalla Russia stanno valutando i rischi di sequestro di beni o nazionalizzazione.

Le ricadute della guerra sull’impennata dei prezzi di energia, cibo e materie prime hanno causato problemi ancora più grandi, costringendo i produttori europei di turbine, vetrerie e zincherie a rallentare o sospendere la produzione. La crescente congestione nelle catene di approvvigionamento e nella logistica si è aggiunta alle pressioni inflazionistiche, spingendo i rivenditori a trasferire i costi maggiori sui consumatori e a trovare forniture alternative. Il tasso di inflazione annuale ha raggiunto il massimo da 40 anni del 7,5% in Europa il mese scorso.

Mentre le turbolenze spingono le aziende europee e i loro lavoratori, i governi di Francia, Spagna e paesi limitrofi stanno reindirizzando le priorità di spesa e promettendo enormi sussidi per alleviare il dolore, oltre alle centinaia di miliardi già spesi per tenerli a galla durante la pandemia.

La Commissione Europea ha autorizzato a ricevere le aziende colpite da sanzioni contro la Russia raggiungere 400.000 ($ 441.000) in aiuti governativi. I consumatori e le imprese europee ottengono sconti dal governo sulla pompa di benzina e sulle bollette energetiche.

READ  Novak Djokovic batte Denis Shapovalov e raggiunge la finale

“Più a lungo va avanti la guerra, maggiori sono i costi economici e più è probabile che finiremo in scenari più negativi”, ha avvertito mercoledì il presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde. Lo stesso giorno, la Germania, la più grande economia europea, ha ridotto di oltre la metà le sue previsioni di crescita nel 2022, all’1,8%.

Cogemacustico, un’azienda a conduzione familiare che impiega 50 persone a Limoges, nel sud-ovest della Francia centrale, non si sarebbe mai aspettata che la guerra avrebbe avuto un impatto su di essa. La società, specializzata in giganteschi ventilatori industriali utilizzati nei tunnel e nelle miniere, si è aggiudicata contratti per la prima volta in Russia la scorsa estate per aiutare a compensare un rallentamento degli affari dovuto alla chiusura della pandemia, ha affermato il CEO Marion Oryz.

Le vendite russe sono aumentate rapidamente fino al 5% degli affari e si prevedeva che sarebbero raddoppiate quest’anno, fino a quando la Russia non ha invaso l’Ucraina. Oryz ha affermato che i clienti russi non sono stati in grado di pagare i 90 milioni di euro dovuti ai fan a causa delle sanzioni contro le banche russe. Altri 20 fan, grandi come camioncini, diretti in Russia, sono seduti nel parco della sua fabbrica, al costo di 350mila euro.

La società era già alle prese con la carenza di forniture e l’aumento dei costi delle materie prime e dell’energia quando la guerra che tagliava l’acciaio al largo dell’Ucraina aveva bisogno di realizzare ventilatori, il che richiedeva a Oryz di trovare nuove fonti e rallentare la produzione in fabbrica.

La nostra situazione rimane difficile”, ha detto la signora Oryz. “C’è molta incertezza per l’impresa”.

a Sergio AmaranteCon sede nella città di Civitanova Marche, tra un folto gruppo di altri calzolai con lunghi legami con il mercato russo, i manager hanno dovuto affrontare decisioni difficili sul continuare a produrre nonostante gli ordini mancanti.

La signora Amarante ha affermato di aver incontrato la sua famiglia e il suo staff per decidere se interrompere la produzione di 500 paia in più di scarpe estive ordinate dai rivenditori in Russia. Probabilmente sarà impossibile consegnarli a breve e sette grandi ordini russi sono già stati cancellati.

READ  Il nuovo ristorante di Long Island serve cibo italiano tradizionale fatto da zero

Alla fine decisero di andare avanti con la produzione, perché avevano già acquistato il cuoio e la suola.

“Sono molto preoccupata”, ha detto la signora Amarante, e la sua priorità era trovare soluzioni che mantenessero i salari dei suoi dipendenti. “Il datore di lavoro porta il peso di molte famiglie”.

per me Eischbaum Il birrificio di Mannheim, in Germania, dove il mercato di esportazione russo ha perso è stato solo l’inizio dei problemi causati dalla guerra.

Terzo esportatore di birra tedesco, l’azienda ha già sofferto per due anni di interruzione delle vendite a causa della cancellazione dei bar e dei festival durante la pandemia, nonché di intrecci nella sua catena di approvvigionamento. Il prezzo del luppolo e degli altri cereali utilizzati per la produzione della birra è ora raddoppiato, ha affermato Owe Eshel, responsabile delle vendite internazionali del birrificio, spinto dai timori di carenze legate alla prevista perdita dei raccolti di quest’anno dall’Ucraina, nota come il granaio d’Europa. .

Questi problemi sono stati aggravati dalla carenza di lattine e bottiglie di alluminio – entrambe prodotte in Ucraina – e dagli alti prezzi dell’energia che hanno afflitto la Germania.

“Più a lungo va avanti, peggio diventa”, ha detto il signor Eshel.

I rivenditori devono cercare sostituti indesiderati per i beni che improvvisamente scarseggiano, il che infastidisce i clienti. Una società britannica, l’Islanda, è tra le numerose catene di generi alimentari in Europa che si trovano ad affrontare una carenza di olio di girasole dall’Ucraina, che insieme alla Russia rappresenta il 70% della fornitura globale.

READ  Aggiornamenti in diretta sulla guerra tra Russia e Ucraina: la Russia lancia attacchi missilistici sulle roccaforti dei "nazionalisti" ucraini

L’amministratore delegato, Richard Walker, ha affermato che l’Islanda ha dovuto ricominciare a utilizzare l’olio di palma per realizzare vari prodotti alimentari, dopo averlo tagliato per rispettare gli impegni di sostenibilità ambientale. messaggio ai clienti sul sito dell’Islanda.

Mercadona, il più grande operatore di supermercati in Spagna, ha introdotto un limite di cinque litri di olio di girasole per consumatore. Al centenario Café San Genis di Madrid famoso per i churros, un impasto croccante fritto in olio di semi di girasole, Pablo Sanchez, il manager, ha affermato che potrebbe dover passare un aumento di prezzo del 20% ai consumatori.

“Siamo appena usciti dall’incubo della pandemia e ora stiamo affrontando questa guerra, quindi questi sono momenti in cui è necessario mostrare la massima resilienza per sopravvivere come azienda”, ha affermato.

a pacchetto in vitroun produttore svizzero di contenitori per la conservazione in vetro con stabilimenti in tutta Europa, il CEO Johann Reiter si sta preparando alla possibilità che l’aggressione russa possa prendere il sopravvento sull’Ucraina.

Quasi 600 lavoratori nello stabilimento dell’azienda vicino a Kiev sono stati costretti a interrompere bruscamente la produzione quando i carri armati russi hanno invaso il paese. Circa 300 tonnellate di vetro fuso sono state lasciate solidificare all’interno della fornace del sito, rendendola inutilizzabile.

La fabbrica ucraina ha prodotto 700 milioni di bottiglie di birra, barattoli di marmellata e altri contenitori l’anno scorso e, senza di essi, le entrate di Vetropack dovrebbero diminuire del 10%. Un’azienda non può compensare la perdita di produzione perché le altre sue fabbriche funzionano a pieno regime, quindi i manager valutano se dovrebbero cambiare il mix di prodotti.

Il signor Reiter osserva con cautela la vicina Moldova, dove è in funzione un altro stabilimento Vetropack. La società si sta preparando per uno scenario peggiore in cui la Russia estende la guerra lì, realizzando piani di evacuazione e arresto, oltre a generatori di riserva e telefoni satellitari per i gestori per mantenere le comunicazioni.

“Probabilmente è il periodo più difficile del mio lavoro come CEO”, ha affermato Reiter.

Contribuisci alla rendicontazione Emma Popola da Londra, Noel Ellen da Zurigo, Melissa Eddy da Berlino, e Raffaele Minder da Madrid.