Giugno 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

È stato scoperto un esopianeta “super-terra” quattro volte più grande del nostro pianeta

Incontra Ross 508 b: gli scienziati scoprono un esopianeta “super-Terra” quattro volte più grande del nostro in orbita attorno a una stella a 36,5 anni luce di distanza

  • È stata avvistata una nuova “super-Terra” quattro volte più grande del nostro pianeta
  • L’esopianeta, chiamato Ross 508 b, orbita attorno a una stella distante 36,5 anni luce
  • Ricerche precedenti suggeriscono che è probabile che il mondo sia roccioso piuttosto che gassoso
  • I “super pianeti” sono più massicci della Terra, ma non superano la massa di Nettuno

Una nuova “super-Terra” quattro volte più grande del nostro pianeta è stata vista in orbita attorno a una stella a soli 36,5 anni luce di distanza.

L’esopianeta, chiamato Ross 508 b, è stato scoperto nella cosiddetta zona abitabile di una debole nana rossa che orbita ogni 10,75 giorni.

È molto più veloce dell’orbita terrestre di 365 giorni, ma la stella in cui orbita Ross 508b è molto più piccola e più leggera del nostro sole.

Nonostante si trovi in ​​questa zona “temperata” – dove non è né troppo calda né troppo fredda per l’acqua liquida – gli esperti ritengono improbabile che sia abitabile come la conosciamo.

Ma in base a quanto si sa sui limiti della massa planetaria, è probabile che il Nuovo Mondo sarà terrestre, o roccioso, proprio come la Terra, piuttosto che gassoso.

Un team internazionale di astronomi ha scoperto ROS 508b utilizzando l’Osservatorio astronomico nazionale del telescopio giapponese Subaru alle Hawaii.

Descritto in un documento guidato dall’astronomo Hiroki Harakawa, del telescopio Subaru, è il primo esopianeta della campagna.

Ross 508b orbita attorno a una vicina stella nana M nota come Ross 508, motivo per cui le è stato dato il nome.

I “super pianeti” sono pianeti più massicci dei nostri pianeti ma non superano la massa di Nettuno.

Sebbene il termine si riferisca solo alla massa del pianeta, è usato anche dagli esperti per descrivere pianeti più grandi della Terra ma più piccoli del cosiddetto “Nettuno in miniatura”.

“Mostriamo che M4.5 nano Ross 508 ha una periodicità RV significativa a 10,75 giorni con possibili alias a 1.099 e 0,913 giorni”, hanno affermato i ricercatori.

“Questa periodicità non ha analoghi nella fotometria o negli indici di attività stellare, ma si adatta bene all’orbita di Keplero a causa di un nuovo pianeta, Ross 508 b”.

Ross 508, con il 18 per cento della massa del nostro sole, è una delle stelle più piccole e leggere con un mondo in orbita rilevato utilizzando la velocità radiale.

La tecnica principale per trovare esopianeti è il metodo di transito, che è quello che usa il telescopio TESS della NASA per cacciare esopianeti, così come Keplero prima di esso.

Un team internazionale di astronomi ha scoperto ROS 508b utilizzando l'Osservatorio astronomico nazionale del telescopio giapponese Subaru alle Hawaii.  Lo hanno trovato usando la ben nota tecnica della velocità radiale

Un team internazionale di astronomi ha scoperto ROS 508b utilizzando l’Osservatorio astronomico nazionale del telescopio giapponese Subaru alle Hawaii. Lo hanno trovato usando la ben nota tecnica della velocità radiale

Si tratta di uno strumento che osserva le stelle e cerca i cali regolari nella sua luce causati da un oggetto in orbita attorno alla Terra e alla stella.

READ  Il tempo è buono per i primi due lanci di SpaceX questo fine settimana

Gli astronomi quindi utilizzano la profondità di transito per calcolare la massa dell’oggetto, maggiore è la curva di luce, maggiore è il pianeta.

Un totale di 3.858 esopianeti sono stati confermati con l’aiuto di questo metodo.

Ma l’altro metodo è la velocità radiale, nota anche come metodo doppler o doppler.

Può rilevare “oscillazioni” in una stella causate dalla forza gravitazionale di un pianeta in orbita.

Le vibrazioni influenzano anche la luce proveniente dalla stella. Quando si muove verso la Terra, la sua luce sembra spostarsi verso la parte blu dello spettro e quando si allontana sembra muoversi verso il rosso.

La nuova scoperta suggerisce che le future scansioni della velocità radiale a lunghezze d’onda dell’infrarosso hanno il potenziale per rilevare un gran numero di esopianeti in orbita attorno a stelle fioche.

“La nostra scoperta dimostra che la ricerca di radiazioni nel vicino infrarosso dal camper potrebbe svolgere un ruolo fondamentale nella ricerca di un pianeta di piccola massa attorno a nane M fredde come Ross 508”, hanno scritto i ricercatori nel loro articolo.

La ricerca è stata pubblicata nelle pubblicazioni della Japanese Astronomical Society ed è disponibile all’indirizzo arXiv.

Gli scienziati studiano l’atmosfera di esopianeti lontani utilizzando enormi satelliti nello spazio come Hubble

Le stelle lontane e i pianeti che le orbitano spesso hanno condizioni diverse da qualsiasi cosa vediamo nella nostra atmosfera.

Per comprendere questo nuovo mondo e le sue componenti, gli scienziati devono essere in grado di scoprire di cosa sono fatte le atmosfere.

Spesso lo fanno con un telescopio simile al telescopio Hubble della NASA.

Questi enormi satelliti stanno scansionando il cielo e fissandoli su esopianeti che la NASA ritiene possano essere di interesse.

READ  Un focolaio di COVID-19 è stato segnalato in una struttura infermieristica qualificata a Santa Cruz

Qui, i sensori di bordo eseguono varie forme di analisi.

Tra le più importanti e utili è la spettroscopia di assorbimento.

Questa forma di analisi misura la luce emessa dall’atmosfera del pianeta.

Ogni gas assorbe una lunghezza d’onda della luce leggermente diversa e quando ciò accade appare una linea nera sull’intero spettro.

Queste linee corrispondono a una molecola molto specifica, che ne indica la presenza sul pianeta.

Sono spesso chiamate linee di Fraunhofer dal nome dell’astronomo e fisico tedesco che le scoprì per la prima volta nel 1814.

Combinando tutte le diverse lunghezze d’onda delle luci, gli scienziati possono determinare tutte le sostanze chimiche che compongono l’atmosfera di un pianeta.

La chiave è che ciò che manca, fornisce gli indizi per sapere cosa c’è.

È fondamentale che ciò avvenga con i telescopi spaziali, poiché l’atmosfera terrestre entrerà.

L’assorbimento delle sostanze chimiche nella nostra atmosfera può deviare il campione, motivo per cui è importante studiare la luce prima che abbia la possibilità di raggiungere la Terra.

Questo è spesso usato per cercare elio, sodio e persino ossigeno in atmosfere esotiche.

Questo grafico mostra come la luce che passa da una stella e attraverso l'atmosfera di un esopianeta produca linee di Fraunhofer che indicano la presenza di composti importanti come il sodio o l'elio.

Questo grafico mostra come la luce che passa da una stella e attraverso l’atmosfera di un esopianeta produca linee di Fraunhofer che indicano la presenza di composti importanti come il sodio o l’elio.

Annunci