Febbraio 24, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

È stato dimostrato che mangiare meno cibo aumenta significativamente l'aspettativa di vita • Earth.com

È stato dimostrato che mangiare meno cibo aumenta significativamente l'aspettativa di vita • Earth.com

Scienziati dentro Istituto Buck Hanno fatto una scoperta notevole nel campo della salute cognitiva, dell’invecchiamento cerebrale e della longevità. Lo studio si è concentrato sul ruolo della restrizione dietetica (mangiare meno) nel rallentare il declino cognitivo e nel prolungare la durata della vita umana.

Gli esperti hanno identificato una risposta neurone-specifica mediata da un gene chiamato OXR1, che è potenziato da strategie come il digiuno intermittente e le diete ipocaloriche.

“Quando le persone limitano la quantità di cibo che mangiano, di solito pensano che ciò potrebbe influire sul sistema digestivo o sull'accumulo di grasso, ma non necessariamente sul modo in cui influisce sul cervello”, ha affermato il dott. Kenneth Wilson, primo autore dello studio. “A quanto pare, questo gene è importante nel cervello.”

Come mangiare meno ti aiuta a vivere più a lungo

La ricerca, condotta utilizzando moscerini della frutta e cellule umane, ha rivelato come la restrizione alimentare ritardi l’invecchiamento e rallenti la progressione delle malattie neurodegenerative del cervello.

“Abbiamo trovato una risposta neurone-specifica che media la neuroprotezione alla restrizione dietetica”, ha detto. Il professor Pankaj Kapahi.

“Strategie come il digiuno intermittente o la restrizione calorica, che limitano i nutrienti, possono aumentare i livelli di questo gene per mediare i suoi effetti protettivi”.

Il professor Buck Lisa Ellerbe“Il gene è un fattore importante nella plasticità cerebrale e protegge dall'invecchiamento e dalle malattie neurologiche”, ha aggiunto Ph.D., co-autore principale dello studio.

Mentre il team PAC lo ha già dimostrato Età e salute può essere migliorato mediante restrizioni dietetiche, hanno riscontrato molte variazioni in risposta alla riduzione delle calorie tra diversi individui e tessuti. Lo studio attuale si propone di scoprire le ragioni di questa discrepanza.

READ  Il Voyager 1 della NASA invia dati misteriosi dall'esterno del nostro sistema solare

Gli esperti hanno esaminato circa 200 ceppi di mosche con background genetici e diete diverse. Hanno identificato cinque geni, di cui due con controparti genetiche umane, che influenzano in modo significativo la longevità in condizioni di restrizioni dietetiche.

Restrizione alimentare e salute del cervello

Concentrandosi sul gene della senape (mtd) presente nei moscerini della frutta e sul suo equivalente umano, OXR1, i ricercatori hanno scoperto il suo ruolo nella protezione delle cellule dal danno ossidativo.

La perdita di OXR1 negli esseri umani porta a gravi difetti neurologici e morte prematura, mentre il suo eccesso nei topi migliora la sopravvivenza nei modelli di sclerosi laterale amiotrofica.

La relazione tra invecchiamento cerebrale, neurodegenerazione e durata della vita umana è stata studiata attraverso test approfonditi.

È stato scoperto che OXR1 influenza il complesso retromero, che è fondamentale per riciclare proteine ​​e lipidi cellulari e mantenere i neuroni.

Questo percorso è vitale per proteggere i neuroni sottoposti a restrizioni dietetiche, come confermato dai risultati del team.

“La retromerizzazione è un meccanismo importante nei neuroni perché determina il destino di tutte le proteine ​​che vengono introdotte nella cellula”, ha detto Wilson.

La disfunzione dei retromeri è collegata a problemi cerebrali legati all’età, tra cui l’Alzheimer e il morbo di Parkinson, contro i quali la restrizione dietetica può proteggere.

Risultati e implicazioni

La ricerca condotta dal team di Kapahi ha rivelato il ruolo fondamentale delle abitudini alimentari nella salute del cervello e nella longevità. I loro risultati si basano sulla scoperta che la restrizione alimentare rallenta significativamente l’invecchiamento cerebrale.

Ciò avviene principalmente attraverso l’attività di un gene noto come mtd/OXR1, che svolge un ruolo cruciale nel mantenimento della retromerizzazione, un percorso cellulare coinvolto nel riciclaggio delle proteine.

READ  EST WELCOME: Una città del Kentucky invia un messaggio nello spazio invitando visitatori extraterrestri

“Questo lavoro dimostra che la via retromerica, che svolge un ruolo essenziale nel riutilizzo delle proteine ​​cellulari, è essenziale per proteggere i neuroni in condizioni di carenza di nutrienti”, spiega Kabahi.

La ricerca del team suggerisce che mtd/OXR1 è vitale non solo per mantenere la funzione dei retromeri ma anche per mantenere sani i neuroni, promuovere un sano invecchiamento cerebrale e prolungare la durata della vita con restrizioni dietetiche.

Per esplorare ulteriormente l’effetto della dieta su questo gene, Wilson osserva: “La dieta influenza questo gene. Mangiando di meno, in realtà stai migliorando il meccanismo per il corretto smistamento delle proteine ​​nelle tue cellule, perché le tue cellule migliorano l'espressione di OXR1.

Mangia meno, sii più intelligente, vivi più a lungo

La ricerca del team ha inoltre scoperto che livelli crescenti di MMT nelle mosche portano a una durata di vita più lunga. Questa scoperta ha portato i ricercatori a ipotizzare che una maggiore espressione di OXR1 possa avere benefici simili in termini di estensione della vita negli esseri umani.

In sintesi, i risultati dello studio suggeriscono che le scelte dietetiche hanno un profondo impatto sulla nostra salute cellulare, sulla funzione cerebrale e sulla longevità.

“Il nostro prossimo passo è identificare composti specifici che aumentano i livelli di OXR1 durante l’invecchiamento per ritardare l’invecchiamento cerebrale”, afferma Ellerbe, suggerendo il potenziale per futuri sviluppi terapeutici.

Wilson sta anche pensando alle implicazioni più ampie di questa ricerca, dicendo: “Speriamo di poter ottenere maggiori informazioni sul motivo per cui il nostro cervello si deteriora, in primo luogo”. Questa affermazione sottolinea la ricerca di una comprensione più profonda dei processi di invecchiamento cerebrale.

READ  Il Voyager 2 della NASA continua la ricerca scientifica con una strategia energetica innovativa

Nelle sue osservazioni conclusive, Wilson sottolinea l'impatto complessivo della dieta. “La dieta influenza tutti i processi del tuo corpo. Credo che questo lavoro supporti gli sforzi per seguire una dieta sana, perché ciò che mangi influenzerà più di quanto pensi.”

Questa affermazione serve a ricordare le conseguenze di vasta portata delle nostre scelte alimentari, non solo sulla salute del cervello ma sulla salute generale.

Lo studio è pubblicato sulla rivista Comunicazioni sulla natura.

Ti piace quello che ho letto? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere articoli accattivanti, contenuti esclusivi e gli ultimi aggiornamenti.

Visitaci su EarthSnap, un'app gratuita offerta da Eric Ralls e Earth.com.

—–