Luglio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

È morto Edward Stone, 88 anni, il fisico che supervisionò le missioni della Voyager

È morto Edward Stone, 88 anni, il fisico che supervisionò le missioni della Voyager

Edward C. Stone, il fisico visionario che inviò la navicella spaziale Voyager della NASA in orbita attorno ai pianeti esterni del nostro sistema solare e, per la prima volta, si avventurò più lontano per scoprire segreti interstellari, è morto domenica nella sua casa di Pasadena, in California. 88.

Sua figlia, Susan C. Stone, ha confermato la sua morte.

Ispirato dal lancio del satellite sovietico Sputnik nel 1957, quando era studente universitario, il dottor Stone ha continuato a supervisionare le missioni Voyager 20 anni dopo per il Jet Propulsion Laboratory, che il California Institute of Technology gestisce per la NASA.

Erano navicelle gemelle, Voyager 1 e Voyager 2 Lanciato separatamente Nell’estate del 1977 da Cape Canaveral, in Florida. Quasi cinquant’anni dopo, continuano i loro viaggi nello spazio profondo e raccolgono dati.

Il dottor Stone è stato lo scienziato capo del progetto del programma per 50 anni, a partire dal 1972, quando era un professore di fisica di 36 anni al Caltech. Divenne il volto pubblico del progetto con il doppio lancio nel 1977.

Approfittando della convergenza gravitazionale di quattro pianeti che si verifica solo una volta ogni 176 anni, la navicella spaziale ha sorvolato Giove, Saturno, Urano e Nettuno.

La navicella spaziale ha prodotto le prime immagini ad alta risoluzione dei quattro pianeti: gli anelli di Giove, Urano e Nettuno, fulmini su Giove e laghi di lava che hanno rivelato vulcani attivi sulla luna di Giove, Io.

“Eravamo in missione di scoperta”, ha detto il dottor Stone al New York Times nel 2002. Ma non abbiamo stimato l’entità delle scoperte che ci sarebbero state”.

READ  Queste straordinarie immagini catturate dal telescopio James Webb della NASA sono un piacere per gli amanti dello spazio

Nel 2012, la Voyager 1 è diventata il primo oggetto creato dall’uomo ad attraversare il confine dell’eliosfera, dove il potente vento solare delle particelle subatomiche soccombe alla forza degli altri soli. Si stima che oggi la Voyager 1 si trovi a 15 miliardi di miglia dalla Terra e viaggi a 38.000 miglia all’ora. Secondo la NASA. La Voyager 2 ha attraversato il confine con lo spazio interstellare nel 2018.

“Le due navicelle spaziali saranno gli ambasciatori della Terra presso le stelle, orbitando attorno alla Via Lattea per miliardi di anni”, ha detto una volta il dottor Stone.

La sua leadership nel Progetto Voyager gli è valsa la Medaglia Nazionale della Scienza nel 1991 dal presidente George H.W.

Come direttore del Jet Propulsion Laboratory di Pasadena dal 1991 al 2001, il dottor Stone ha supervisionato la missione Mars Pathfinder e il suo rover Sojourner a ruote; Missione orbitale della sonda spaziale Galileo su Giove; pubblicazione Cassini Spacecraft to Saturn, i suoi anelli e le sue lune, un progetto congiunto che coinvolge la NASA, l’Agenzia Spaziale Europea e l’Agenzia Spaziale Italiana; E una nuova classe di satelliti per le scienze della Terra.

Dalla fine degli anni ’80 fino agli anni ’90, il dottor Stone è stato anche presidente della California Society for Astronomical Research, che ha costruito e gestito la sonda. Osservatorio W.M Alle Hawaii.

Nel 2014 è diventato direttore esecutivo fondatore dell’International Thirty Meter Telescope Observatory, sempre alle Hawaii. Ha ricoperto questa posizione fino al 2022, quando si è ritirato come capo scienziato della Voyager.

Edward Carroll Stone Jr. è nato il 23 gennaio 1936 a Knoxville, Iowa, a sud-est di Des Moines, ed è cresciuto vicino a Burlington, sulle rive del fiume Mississippi. Suo padre, Edward Sr., possedeva una piccola impresa di costruzioni e sua madre, Fern Elizabeth (Baber) Stone, teneva i libri contabili dell’azienda.

“Nostro padre era un supervisore dei lavori e si divertiva a imparare cose nuove e a spiegare come funzionavano”, ha scritto il dottor Stone quando ha ricevuto il Premio Shaw in Astronomia 2019 per il suo lavoro sulle missioni Voyager.

Ha conseguito una laurea in fisica presso il Burlington Junior College (ora Southeastern Community College) e un master e un dottorato presso l’Università di Chicago.

Il dottor Stone sposò Alice Trabo Wycliffe nel 1962. Morì nel 2023. Oltre a sua figlia Susan, lascia un’altra figlia, Janet Stone. e due nipoti.

Poco dopo aver iniziato gli studi universitari, arrivò la notizia che i sovietici avevano lanciato un satellite, concentrando la sua passione per la fisica sull’esplorazione dello spazio e, in particolare, sui raggi cosmici, particelle che provengono dalle stelle e viaggiano attraverso l’universo a una velocità incredibile.

Ispirato dal suo relatore di dottorato, John A. Simpson, il dottor Stone condusse i suoi primi esperimenti sui raggi cosmici nel 1961 mentre lavorava su Discover 36, un satellite spia dell’Air Force.

Entrò a far parte della facoltà del Caltech nel 1964. Come capo del Dipartimento di Fisica, Matematica e Astronomia dell’università, ruolo che mantenne dal 1983 al 1988, contribuì a fondare l’Osservatorio delle onde gravitazionali dell’interferometro laser, che in seguito scoprì increspature nello spazio e tempo chiamato gravitazionale. onde.

Il dottor Stone, con la sua competenza scientifica e capacità gestionale, “ha rivoluzionato il mondo della scienza aziendale”, ha affermato Norman Haynes, che per anni è stato direttore generale del progetto Voyager.

READ  Lo studio afferma che le varianti genetiche rare proteggono dall'obesità

Nel 1990, il dottor Stone riconobbe l’ironia del suo progetto distintivo, ovvero che, nonostante tutte le sue scoperte, non avrebbe visto la fine prima della sua morte.

“Mi è piaciuto così tanto Voyager che, anche se non avessi mai visto i confini del sistema solare, lo rifarei”, ha detto al New York Times Magazine.

Alla fine il dottor Stone riuscì a osservare la navicella spaziale gemella lasciare il sistema solare per due volte.

“Continuo a chiedermi perché c’è così tanto interesse pubblico per lo spazio”, ha detto. “In fondo è solo scienza di base. La risposta è che ci fornisce un senso del futuro. Quando smettiamo di scoprire cose nuove, il concetto di futuro ci ricorda che qualcosa ha bisogno da fare e che la vita continuerà ad evolversi. Ci dà la direzione, una freccia al momento giusto.