Febbraio 5, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Due mondi vicini simili alla Terra sono stati trovati nel punto ideale per la sopravvivenza: ScienceAlert

Nella ricerca della vita su altri pianeti, si sono appena aperte due piste promettenti: gli astronomi hanno identificato due mondi con masse simili alla Terra che si trovano nella zona abitabile attorno a una stella nana rossa chiamata GJ 1002.

La zona abitabile attorno a una stella è il punto debole tra un pianeta troppo caldo o troppo freddo per sostenere la vita. Per trovarsi in questa regione, i pianeti dovrebbero orbitare attorno alla loro stella a una distanza dove teoricamente potrebbe esserci acqua liquida sulla loro superficie.

“GJ 1002 è una stella nana rossa, appena un ottavo della massa del Sole”, afferma l’astrofisica Vera Maria Basinger Dall’Istituto di Astronomia delle Isole Canarie (IAC) in Spagna. “È una stella abbastanza fredda e debole. Ciò significa che la sua zona di abitazione è molto vicina alla stella.”

La concezione di un artista di due pianeti di massa terrestre in orbita attorno alla stella GJ 1002. (Alejandro Suarez Mascareno / Ines Bonet / IAC)

Mentre siamo ancora molto lontani dal confermare l’esistenza di vita aliena o addirittura di acqua corrente, GJ 1002b e GJ 1002c soddisfano tutte le aspettative finora e, a soli 16 anni luce dal nostro sistema solare, sono vicini a dove siamo nell’universo, in termini astrologici.

Due strumenti per fissare lo spazio – caffè espresso (Spettrografo Echelle per esopianeti rocciosi e osservazione spettrale stabile) f Carmen (Ricerca ad alta risoluzione di Calar Alto per le nane M con Exoearts with Near Infrared e Echelle Spectrographs) – dovevano essere usati in tandem per identificare la stella e i suoi pianeti.

Questo perché la debole luce emessa da GJ 1002 ha richiesto strumenti di grande sensibilità e precisione per identificarne le firme. Il team di ricerca ha utilizzato 139 osservazioni spettrali (misurazioni della radiazione nello spazio profondo) effettuate tra il 2017 e il 2021 per scoprire i pianeti.

READ  Biden disprezza Trump e Bush nella Giornata mondiale contro l'AIDS nonostante gli sforzi dei leader del partito repubblicano

Fino ad ora, non sappiamo molto di questi corpi celesti, tranne dove si trovano. GJ 1002b è il più vicino alla sua stella e impiega poco più di 10 giorni per completare un’orbita; GJ 1002c è più lontano, con un’orbita di poco più di 20 giorni.

La buona notizia è che la relativa vicinanza di GJ 1002b e GJ 1002c significa che è più facile fare osservazioni più dettagliate. Il prossimo passo sarà valutare l’atmosfera in base alla luce che riflette o al calore che emette.

“Il futuro spettrometro ANDES del telescopio ELT dell’ESO, in cui è coinvolto IAC, potrebbe studiare la presenza di ossigeno nell’atmosfera di GJ 1002c,” afferma l’astrofisico Junay Gonzalez Hernandez dall’IAC.

Ora abbiamo un totale di 5.000 esopianeti – pianeti al di fuori della Terra – che sono stati osservati. Man mano che i telescopi e gli algoritmi di analisi dei dati migliorano, possiamo localizzare oggetti più piccoli e più lontani dalla Terra.

Grazie a questi miglioramenti tecnologici, siamo quasi in grado di farlo Misura le firme chimiche della vita Su questi pianeti lontani, anche se distanti anni luce nello spazio.

La natura sembra intenzionata a dimostrare che i pianeti simili alla Terra sono molto comuni. afferma l’astrofisico Alejandro Suarez Mascareño dall’IAC. “Con quei due, ora ne conosciamo sette in sistemi planetari molto vicini al Sole”.

Ricerca pubblicata in Astronomia e astrofisica.