Luglio 3, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Dopo una mastectomia, alcune donne non vogliono che il loro seno venga sostituito

Molti di coloro che hanno richiesto la procedura affermano di aver incontrato resistenza – e un netto rifiuto – da parte dei loro medici quando l’hanno offerta

(Jimina Estepalez per The Washington Post)

Durante la formazione come chirurgo mammario, Diana Attay, assistente professore presso la David Geffen School of Medicine dell’UCLA, ha letto studi e sentito mentori dire che le donne che hanno scelto di non sottoporsi a una ricostruzione del seno dopo una mastectomia avevano generalmente una qualità di vita inferiore.

Ma Attay l’ha trovato incoerente con ciò che aveva visto online negli ultimi anni: gruppi di Facebook con nomi come “Don’t Wear Shirt” e “Flat and Fabulous” che contenevano molte delle storie felici – e foto – delle donne sulle loro scelta.Chiusura estetica piatta,” è il termine che il National Cancer Institute utilizza a partire dal 2020 per rinunciare alla ricostruzione mammaria.

Quindi Attai ha condotto il proprio sondaggio su quasi 1.000 Donne che hanno subito una mastectomia singola o doppia senza ricostruzione. È stato pubblicato l’anno scorso su Annals of Surgical Oncology e ha scoperto che quasi tre quarti delle donne si sono dichiarate soddisfatte del risultato.

Nessun governo o organizzazione tiene traccia del numero di chiusura finale ogni anno. Secondo la National Breast Cancer Foundation, nel 2020 negli Stati Uniti si sono verificati circa 277.000 casi di cancro al seno invasivo. L’American Society of Plastic Surgeons riferisce che quell’anno sono state eseguite circa 140.000 operazioni di mastectomia, circa la metà delle quali ha comportato un ulteriore intervento di chirurgia ricostruttiva.

Le chiusure piatte sono sempre state un’opzione, ma Anne-Marie Champagne, una studentessa di dottorato a Yale la cui ricerca si concentra sulla questione, afferma che c’è stato un cambiamento nell’atteggiamento nei confronti delle chiusure piatte nelle conversazioni online a partire dal 2012. Champagne, 53 anni, che ha scelto it Chiusura piatta dopo mastectomia nel 2009, afferma che prima del 2012 c’erano solo due post sulla chiusura piatta su Breastcancer.org Messaggio del Consiglio. “Quell’anno ho visto un post del fondatore del gruppo di advocacy Appartamento Chiudi ora! Che dice: Voglio vederti. Voglio formare un sindacato. Vorrei poter essere piatta… Se questa è la tua scelta, spero che le donne che mi vedono vedano, il più piatta possibile, che la ricostruzione non è all’altezza del percorso”.

Ciò che ha scioccato Champaign non è stato solo il contenuto del post, ma il numero di persone che lo hanno letto. “I messaggi di Breastancer.org hanno avuto più di 2.000 visualizzazioni”, afferma Champagne. “[That] Il messaggio ha ottenuto 79.000 visualizzazioni e 3.500 commenti entro sei mesi dalla pubblicazione”.

La mia doppia mastectomia mi ha fatto rivalutare: cosa significa per me il mio seno?

Mentre molte donne ancora scegli la ricostruzione del seno, Come mostrano i dati dell’American Society of Plastic Surgeons, Champagne e altri coinvolti nella causa della chiusura piatta stanno spuntando l’elenco dei motivi, inclusa una maggiore consapevolezza dell’opzione, per ciò che i medici e i chirurghi del cancro affermano è un crescente interesse a diventare piatto.

READ  I dati di Hubble mostrano che sta accadendo "qualcosa di strano".

“Ho sicuramente visto più pazienti richiedere di spostarsi in una posizione piatta dopo una mastectomia, probabilmente perché si sentono più autorizzati a prendere questa decisione”, afferma Roshni Rao, MD, capo della chirurgia mammaria presso il Columbia University Medical Center di New York.

“La diagnosi del cancro al seno può essere particolarmente difficile perché ci sono così tante decisioni che devono essere prese in un breve periodo di tempo, comprese le scelte dei medici, il piano di trattamento e il torace di una donna dopo una mastectomia”, afferma Atay in una e-mail. C’è una maggiore consapevolezza ora che il processo di ricostruzione comporta dei rischi. “Le donne che scelgono di sottoporsi a una ricostruzione, che si tratti di protesi mammarie o del proprio tessuto (chiamata ricostruzione autologa) possono affrontare più interventi chirurgici, recupero postoperatorio, un rischio del 10% di infezione che può interrompere la loro chemioterapia o programma di radiazioni e, a volte, l’impianto tiri e traslochi”.

Per le donne che vogliono la ricostruzione, dice Atay, spesso sentono che lo sforzo e il rischio valgono la pena. “Ma per gli altri, non è così.”

Non è stato per Pepper Segal, della Carolina del Nord, a cui è stato diagnosticato un cancro al seno tre anni fa, incinta, a 31 anni. È stata indotta a partorire a 36 settimane e ha iniziato la chemioterapia due settimane dopo. Ma subito dopo, ha sentito dolore all’ascella che si è rivelato essere la diffusione del cancro. Segal ha subito una mastectomia d’urgenza e ha deciso di rimuovere entrambi i seni e di chiuderli completamente.

“Mi è stato detto che se volevo ricostruire, avrei dovuto aspettare due anni, perché il tipo di cancro che ho ha un alto tasso di recidiva e può essere più difficile da rilevare con i trapianti o la ricostruzione autologa”, dice. “Ma ho deciso di chiudere l’appartamento. Non volevo mettere il mio corpo in nient’altro”.

Seagal dice che “ringrazia Dio per Billie Eilish” e per il suo caratteristico vestito ampio. “Posso indossare abiti larghi e ora sta benissimo.”

Le aspettative sono cambiate

Sagit Meshulam-Derazon, chirurgo plastico del Rabin Medical Center di Tel Aviv, specializzato in ricostruzione del seno, afferma che lei e il suo partner medico, che è anche chirurgo plastico, hanno recentemente parlato della scelta che farebbero se gli venisse diagnosticato un cancro al seno . Entrambi hanno convenuto che avrebbero optato per la chiusura piatta, notando che le aspettative su come dovrebbe essere una donna sono cambiate molto.

“Guarda l’attrice Andy McDowell, che ora interpreta ruoli senza colorarsi i capelli grigi”, dice Mishulam Derazon. “L’aspetto delle donne in questi giorni è più spesso ciò che scelgono di apparire, non un’immagine perfetta”.

READ  Il governatore dell'Oregon chiuderà i pasti al coperto venerdì prossimo in alcune contee se i ricoveri dovuti al virus Corona aumenteranno.

Una donna transgender sfida la definizione di Chicago del seno femminile

Champagne afferma anche di credere che le immagini online dei petti piatti di uomini transgender vengono spostati dopo che la mastectomia ha avuto un ruolo.

“Avevo diversi amici che si erano trasferiti negli anni prima della mia diagnosi e dell’intervento chirurgico, e vedere che aspetto avevano i loro petti piatti, mi ha fatto sentire come se avessi più opzioni”, dice. “Socialmente parlando, stiamo diventando più aperti a una gamma più ampia di espressioni del corpo”.

Tuttavia, le donne nel sondaggio Attai, così come i post sulle pagine dei social media dei gruppi di difesa del flat-lock, hanno scoperto che alcune donne sperimentano resistenza e un netto rifiuto da parte dei loro medici quando sollevano l’idea di un blocco o dicono che è ciò che vogliono.

Circa il 22% delle donne che hanno risposto alla mia somministrazione ha affermato che l’opzione di chiusura piatta non era stata inizialmente offerta dal chirurgo, non era stata supportata dal chirurgo o il chirurgo ha lasciato intenzionalmente pelle extra nel caso in cui la paziente avesse cambiato idea. Questa pelle extra richiederà un ulteriore intervento chirurgico di rimozione se la donna non cambia idea sulla chiusura piatta.

“Ti ho fatto un favore”, le dice il medico di Champagne mentre entra nella sua stanza d’ospedale dopo una mastectomia per spiegare che gli è rimasta pelle extra per la ricostruzione.

“Anche se ho subito un intervento chirurgico pensando che fossimo d’accordo sulla chiusura”, dice Champagne. “Ho espresso chiaramente i miei desideri. Ha risposto che con la sua esperienza, tutte le sopravvissute al cancro al seno ricostruiscono il corpo in sei mesi. Quando ho sentito le sue parole ho provato una profonda tristezza, un misto di angoscia e rabbia. Non potevo credere che il mio chirurgo l’avrebbe fatto prendere una decisione per me quando ero sotto sedazione che va contro tutto ciò di cui abbiamo discusso, ciò che ho accettato”.

Attualmente non sta considerando un intervento chirurgico di revisione per rimuovere la pelle in eccesso.

Kim Bowles, 41 anni, di Pittsburgh, afferma che la decisione del suo chirurgo di ignorare la sua decisione dichiarata di chiudere un appartamento è ciò che l’ha spinta ad avviare il gruppo di difesa “No Shirt”. “Quando l’anestesia ha avuto effetto, ho sentito il chirurgo dire che avrebbe lasciato un po’ di pelle, nel caso avessi cambiato idea, ed era troppo tardi per protestare. Mi sono svegliata con uno sguardo che non volevo”, ha detto.

Ora, il sito Web dell’organizzazione include un elenco di chirurghi plastici che eseguono chiusure piatte cosmetiche e fornisce spunti di discussione ai pazienti per aiutarli a discutere la procedura con i loro medici. Bowles ha subito un processo di revisione tre anni dopo la sua operazione originale.

READ  Il lancio di un razzo SpaceX Falcon 9 è il dodicesimo record di missione, atterrando a bordo di una nave in mare

Non un’opzione per tutti

Non tutti possono avere o volere una chiusura piatta. Kelsey Larson, MD, capo della chirurgia del seno presso l’Università del Kansas Health System, afferma che è importante che i pazienti pensino prima di tutto a come qualsiasi opzione chirurgica potrebbe influenzare il trattamento del cancro e gli esiti del cancro.

“È molto importante che i pazienti ricordino che stanno subendo una mastectomia per scopi medici, come parte della prevenzione o del trattamento del cancro”, afferma. Larson dice che “incoraggerebbe qualsiasi paziente che riceve cure oncologiche a porre domande” in modo specifico su questi problemi.

Anni fa, quando il mio gemello si è ammalato di cancro al seno, ho preso misure drastiche e sono grato di averlo fatto

Elizabeth Mittendorf, MD, capo di oncologia chirurgica presso il Brigham and Women’s Hospital di Harvard a Boston, e ricercatrice della Susan G. Komen Foundation, afferma che i pazienti di peso elevato hanno bisogno soprattutto di parlare con un chirurgo plastico, piuttosto che un chirurgo generale, prima di optare per un appartamento procedura di chiusura. E preparati che l’aspetto potrebbe non essere l’aspetto liscio e piatto che desideri.

L’eccesso di tessuto nelle donne che portano più peso spesso significa che non è possibile ottenere un aspetto liscio e piatto, dice Mittendorf. Potrebbe essere necessaria più di una procedura chirurgica per consentire a parti del corpo della donna di guarire prima che la procedura possa essere completata.

Larson afferma che mentre accoglie con favore il crescente interesse per le chiusure piatte in modo che le donne possano scegliere quale opzione desiderano, è preoccupata che le donne che desiderano sottoporsi a una ricostruzione del seno dopo la mastectomia possano ora sentirsi esitanti.

“Ho avuto pazienti che, negli ultimi anni, mi sussurrano del mio desiderio di essere ricostruita”, dice, “si preoccupano di essere giudicate male per aver scelto il seno”.

A riprova del crescente interesse per le chiusure piatte, sessioni su come comunicare con i pazienti sono apparse in occasione di riunioni mediche per il cancro al seno. Sia Atay che difensori come Bowles sono stati invitati a fare presentazioni.

Questo è importante, afferma Scott Kurtzman, MD, capo della chirurgia al Waterbury Hospital nel Connecticut e presidente del National Accreditation Program for Breast Centers (NAPBC), un programma dell’American College of Surgeons.

“Sono sicuro che ci sono molti chirurghi là fuori che hanno la propria idea di cosa dovrebbe essere un’estetica femminile, e hanno difficoltà ad articolarla e ad accogliere persone che non condividono la stessa opinione”, dice Kurtzman.

La NAPBC ora richiede ai centri del seno di riferire al consiglio di amministrazione su come condividono il processo decisionale sulle opzioni post-mastectomia e mostrano prove che stanno accettando le richieste dei pazienti per qualsiasi estetica scelga una paziente.