Ottobre 23, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Donohoe difende l’aliquota fiscale del 12,5% mentre i colloqui globali si surriscaldano

Il cancelliere ha difeso l’aliquota fiscale del 12,5% irlandese e una strategia di “concorrenza fiscale legittima” mentre i colloqui infuriano sull’aliquota globale dell’imposta sulle società.

Dopo una riunione dei ministri delle finanze della zona euro giovedì, Paschal Donohue ha detto che spera di raggiungere un accordo globale questa estate nei colloqui guidati dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE).

“Quello che faccio, come fanno molti altri paesi, è difendere il loro interesse nazionale, che nel nostro caso è un accordo che può ospitare il nostro prezzo, riconoscendo che le economie di piccole e medie dimensioni, non hanno i vantaggi di scala o posizione che altri fanno”, ha detto ai giornalisti Pascal Donohue in Lussemburgo giovedì che le tasse potrebbero far parte di un’offerta competitiva.

“Spero davvero e credo che otterremo un accordo mentre andiamo avanti quest’anno”.

È stato costretto a smentire le notizie secondo cui giovedì aveva incontrato i ministri delle finanze italiano e francese per le tasse, dopo che il francese Bruno Le Maire ha dichiarato di aver programmato una conversazione con Donohue.

“Oggi non ho incontrato i ministri italiano e francese, né mi è stato chiesto di incontrarli, e sono molto felice di incontrarli in qualsiasi momento”, ha affermato Donohue. “Credo in una comunicazione rispettosa e chiara, come loro”.

Nel loro primo incontro di persona quest’anno, i 19 ministri hanno discusso un accordo iniziale tra le sette principali economie mondiali (G7) all’inizio di questo mese sulla base di un briefing di Donohoe, che era alla riunione del G7.

L’accordo del G7 deve ancora essere approvato dai paesi del G20 a luglio prima di poter essere esteso ai 139 paesi che stanno attualmente discutendo le regole dell’imposta sulle società globali presso l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.

READ  Costa Crociere celebra la ripresa delle crociere nel Mediterraneo

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico sta lavorando a un nuovo modo per calcolare e condividere gli utili imponibili per le società multinazionali per paese, nonché un’imposta minima globale del 15%.

Ci sono ancora domande su quali società dovrebbero essere incluse nelle regole, ma il ministro delle finanze francese Bruno Le Maire ha affermato che l’importante era coprire i giganti della tecnologia come Amazon.

Tutte le principali economie dell’Unione Europea, tra cui Francia, Germania, Italia e Spagna, sono favorevoli all’accordo.

Anche il Lussemburgo, che di solito è reticente sulle questioni fiscali, lo sostiene, con il ministro delle finanze Pierre Gramigna che giovedì ha affermato che tasse minime “porterebbero pace alle relazioni finanziarie tra i paesi”.

I Paesi Bassi hanno anche indicato che sosterrebbero un accordo se fossero sostenuti dalle nazioni dell’UE più grandi del mondo, ma le più piccole – tra cui Irlanda, Ungheria, Malta e Cipro – sono meno favorevoli.

“La Francia si sta concentrando su questo tema della tassazione internazionale nonostante i dubbi al riguardo”, ha affermato il ministro delle finanze francese Bruno Le Maire.

In una riunione di giovedì, i ministri della zona euro non sono riusciti a trovare un accordo su come integrare la riforma bancaria del blocco a causa di disaccordi con la Germania su un sistema di assicurazione dei depositi a livello dell’UE per proteggere i risparmiatori e il portafoglio pubblico dal futuro tracollo finanziario.

Donohoe ha affermato che le discussioni che hanno avuto luogo sono state “intense”, ma spera di ottenere qualcosa sulla carta nei prossimi mesi.