Dicembre 3, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

dolce vita in euro

Bruxelles dietro le quinte
Analisi settimanali e storie non raccontate
con Sam Morgan

altro Bruxelles dietro a Il Visualizza storie:

dolce vita in euro

L’Italia ha fatto un ottimo lavoro nel 2021, con una vittoria dopo l’altra. Dalla vittoria dell’Eurovision al successo calcistico, quest’anno è stata una situazione di stallo. La prossima settimana, il governo italiano si prepara a fermare tutto in grande stile consolidando il posto del Paese al tavolo della politica europea.

Ripensate a questo particolare giorno del 2017: i ministri dell’UE hanno dovuto decidere quale città avrebbe ospitato l’Agenzia per i medicinali dell’UE dopo la Brexit. Londra non era più ammissibile, quindi Amsterdam, Copenaghen e Milano facevano a gara per subentrare.

Dopo un voto complesso che fa sembrare semplice l’Eurovision Song Contest, Amsterdam e Milano hanno finito per pareggiare i punti. La capitale olandese ha poi trionfato al lancio della moneta, condannando la capitale economica d’Italia ad una imbarazzante sconfitta.

Avanti veloce di un anno: la squadra nazionale di calcio non è riuscita a qualificarsi per la Coppa del Mondo per la prima volta in più di mezzo secolo e il governo era un mosaico di forze populiste e nazionaliste, guidate da un professore di diritto di cui nessuno aveva mai sentito parlare. .

I disaccordi con Bruxelles erano all’ordine del giorno, le lotte intestine erano così dilaganti che la Francia a un certo punto ha richiamato il suo ambasciatore.

Ma guarda come sono cambiate le cose nel 2021.


Brussels Behind the Scenes è una newsletter settimanale che presenta le storie non raccontate delle figure che guidano le politiche che influenzano le nostre vite. Analisi che non si trovano da nessun’altra parte, Sam Morgan di The Brussels Times ti aiuta a capire cosa sta succedendo a Bruxelles. Se desideri ricevere il backstage di Bruxelles direttamente nella tua casella di posta ogni settimana, Iscriviti alla nostra newsletter qui.


L’elenco è troppo lungo per essere scritto per intero, ma puoi contare i Campionati europei di calcio, l’Eurovision Song Contest, le medaglie d’oro del ciclismo, la vittoria nella pallavolo, l’uomo più veloce del mondo e La zucca più pesante In Europa tra le palme italiane.

Anche i buongustai francesi mangiano Più mozzarella che camembert Per la prima volta, in quello che potrebbe essere il successo più credibile di quest’anno.

La prossima settimana il primo ministro italiano, l’ex capo della Banca centrale europea Mario Draghi, firmerà un trattato bilaterale con la Francia, rafforzando i rapporti tra i due Paesi. I dettagli sono ancora tenuti segreti, ma anche da un punto di vista simbolico, questa è una svolta importante degli eventi.

Non solo la Francia si occupa volentieri dei trattati bilaterali, infatti valgono più della carta su cui sono scritti, e un accordo modellato sul famigerato Trattato dell’Eliseo con la Germania non è niente da annusare.

Questo accordo è stato salutato come una pietra miliare nelle relazioni del dopoguerra, mentre i più recenti trattati di Lancaster House tra Francia e Regno Unito hanno rafforzato la cooperazione in materia di difesa, in particolare quando si tratta di armi nucleari.

L’Italia è in trattative da diversi anni per la firma di un proprio accordo con la Francia. Quando l’attuale commissario Ue Paolo Gentiloni si è dimesso da primo ministro nel 2018, lo sforzo è andato storto.

Molti responsabili politici nel corso degli anni hanno insistito sul fatto che l’UE è uno spettacolo di due persone, che il motore franco-tedesco guida tutto, dalla politica alla crescita e che tutti gli altri Stati membri sono inferiori a Parigi e Berlino nelle classifiche. .

Questo non è del tutto vero, ovviamente, anche se qualsiasi decisione importante ha bisogno del supporto di uno (e preferibilmente di entrambi) dei “Big Two” per avere buone possibilità di essere adottata dal resto della banda dell’UE.

Dopo che il Regno Unito ha ceduto la sua pretesa a un posto nella tripartita con Francia e Germania grazie al voto sulla Brexit, gli attenti osservatori di Bruxelles si sono chiesti quale Italia e Spagna sarebbero state le prime a tentare di catturare il mantello britannico.

L’Italia sembra aver vinto questa gara, grazie in gran parte agli sforzi di Mario Draghi, la cui semplice occupazione di Palazzo Chigi a Roma ha aumentato il prestigio del suo paese incommensurabilmente dai livelli più bassi della supervisione di Giuseppe Conte.

Ciò non significa che ora tutto sia roseo. Alcune importanti riforme sono ancora in sospeso e un brutto attacco di estrema destra alle istituzioni statali il mese scorso durante le proteste contro le misure Covid mostra che l’Italia ha molti problemi da affrontare.

READ  Il gruppo italiano del giocattolo presenta sisal per l'offerta pubblica alla Borsa di Milano

amici francesi

Forse Emmanuel Macron non è particolarmente interessato a questi “piccoli dettagli” anche se pensa più al più ampio quadro geopolitico.

“Macron vuole una relazione più forte con l’Italia, e l’Italia vuole inserirsi nella tradizionale partnership tra Francia e Germania”, ha detto questa settimana a Reuters una fonte del governo italiano.

La Germania, dopotutto, sta ancora lottando per formare una coalizione e non è chiaro come funzionerà in pratica tale coalizione o quale sarà la sua posizione su varie questioni importanti che avranno accesso agli strumenti del potere.

Quando Draghi firmerà quello che è già stato chiamato il “Trattato del Quirinale” – dal nome del palazzo presidenziale italiano, arroccato in cima a un colle omonimo a Roma – legherà l’Italia con uno dei più grandi battitori d’Europa.

Con Emmanuel Macron che potrebbe ricoprire un altro mandato come presidente e la Francia che assumerà la presidenza di turno dell’UE nei primi sei mesi del 2022, ora è il momento di fare amicizia in questo modo pubblico.

Il futuro immediato di Draghi è incerto, poiché dovrebbe lasciare il suo attuale lavoro per candidarsi alla presidenza, succedendo a Sergio Mattarella all’inizio del prossimo anno.

Questo è uno dei motivi per cui l’ex cantante di navi da crociera (e primo ministro) Silvio Berlusconi sta elogiando il primato di Draghi come primo ministro, con “il Cavaliere” che fantastica sulla possibilità di ottenere lui stesso il lavoro di Mattarella.

Se Draghi avesse preso una decisione sul suo desiderio di essere il prossimo capo di stato italiano, la firma del trattato avrebbe potuto essere il suo modo di fissare l’aratro della nave in una certa direzione prima di consegnare il capitano a un altro capitano finora sconosciuto .

Non che ci sia alcuna garanzia che Super Mario vincerà le elezioni presidenziali, questa è la natura volatile della politica italiana in particolare. Si può solo immaginare il caos se si dimettesse dalla Presidenza del Consiglio e perdesse contro Silvio Berlusconi…

Non esiste un’opzione nucleare

READ  Notizie dal mercato azionario in diretta: i futures fluttuano dopo il record del Nasdaq

I contenuti del trattato sono ancora sconosciuti, così come la sua portata. Si vocifera che approfondirà temi come economia, commercio, cultura e turismo. Può includere anche riferimenti ad argomenti più controversi.

Macron è attualmente in un tour un po’ atomico, sostenendo i vantaggi dell’energia nucleare e spingendo a fondo per includere la tecnologia nel regolamento sugli investimenti sostenibili dell’UE. I suoi sforzi sembrano dare i suoi frutti.

L’Italia ha un tono neutro sulla possibilità che il nucleare ottenga un green mark, in quanto favorisce lo stesso trattamento per il gas e non vuole polarizzare troppo il dibattito. La Germania, che si oppone con veemenza alle armi nucleari ma sostiene il gas, non ha tali preoccupazioni.

Un ritorno a frantumare l’atomo è improbabile a breve termine per l’Italia – il referendum del 2011 sulla costruzione di nuovi reattori ha chiarito che gli italiani non lo sostengono – ma il governo non farà del suo meglio per impedire ad altri di investire in esso.

Resta da vedere se il trattato include un linguaggio sulla politica energetica. È più probabile che sosterrà la cooperazione su questioni digitali e di difesa, data l’importanza di questi due settori per entrambi i paesi.

La cooperazione franco-italiana ha già prodotto l’ultimo grande successo politico dell’UE, il fondo di recupero Covid da 800 miliardi di euro, che gli accordi di Parigi e Roma hanno lanciato nella sua struttura iniziale, anche se la Germania lo spinge al traguardo.

Chissà quali altre politiche forti Francia e Italia potrebbero riuscire a mediare nei prossimi anni se le relazioni continueranno su un percorso positivo?

L’ultima domanda che dobbiamo porci è: se il tandem di Merkel e Macron fosse chiamato “Merkron”, come chiameremmo questa nuova unione? Dracron? McGee?


Brussels Behind the Scenes è una newsletter settimanale che presenta le storie non raccontate delle figure che guidano le politiche che influenzano le nostre vite. Analisi che non si trovano da nessun’altra parte, Sam Morgan di The Brussels Times ti aiuta a capire cosa sta succedendo a Bruxelles. Se desideri ricevere il backstage di Bruxelles direttamente nella tua casella di posta ogni settimana, Iscriviti alla nostra newsletter qui.

READ  Intel e le aziende straniere in Vietnam temono le dure misure del virus Corona