Luglio 13, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Divertente e bella: la Fiat 850 è il divertimento italiano a buon mercato

Divertente e bella: la Fiat 850 è il divertimento italiano a buon mercato

Rispetto alle Cadillac e persino alle Corvette degli anni ’60, la Fiat 850 Spider e Coupé (più tardi conosciute come Sport Spider e Sport Coupé) erano slitte tra gli autotreni. Queste dolci torte con motore posteriore erano alimentate da un piccolo quattro cilindri in linea OHV raffreddato a liquido con una testata in alluminio e un carburatore Weber a doppia canna, che azionava le ruote posteriori attraverso una trasmissione. Erano in completo contrasto con l’era del V-12 della Ferrari, il che è ironico perché lo stabilimento di produzione della Fiat a Torino era ad appena 200 miglia da quello della Ferrari a Maranello.

Per prima venne la berlina a due porte 850, basata sulla Fiat 600. Ma per gli appassionati, di maggiore interesse furono la Spider e la sua coupé, che debuttarono insieme a Ginevra all’inizio del 1965 e arrivarono su queste sponde nel 1967. Giorgetto Giugiaro progettò la Spider per Bertone, e il gruppo Centro Stile Fiat ha prodotto il design della coupé. Delle 850 Spyder, il Santo Graal comprende i modelli precedenti al 1968 con fari coperti da vetro e l’auto sportiva con tetto fisso.

Per gentile concessione di RM Sotheby’s

Sia la cilindrata che le prestazioni subirono un modesto aumento nel 1970, passando da 843 cc e 52 CV a 903 cc e 58 CV, rispettivamente, nonostante una velocità massima pubblicizzata di “oltre 90 mph” e un’accelerazione da 0 a 60 a 20 mph nella seconda set, la Fiat non è mai stata un artista del tutto simpatico.

Ma la Fiat 850 ti porta in ogni modo all’essenza della guida, senza aiuti alla guida, servoassistiti o filmati. La sua manovrabilità agile è arrivata attraverso i bracci ad A su una molla a balestra trasversale nella parte anteriore e bracci semi-trascinanti e coilovers nella parte posteriore, dando alla Fiat da 1.600 libbre una guida piacevole. “La manovrabilità e la presa laterale sono eccellenti”, è stato riferito. Disegnare auto sportive Nell’ottobre 1966 test della 850 Coupé. Tuttavia, l’autore e pilota Jerry Titus ha aggiunto che “lanciarla in una curva stretta sul terreno accidentato si tradurrà in alcuni saltelli della ruota posteriore… non diversi da quelli riscontrati sulle Corvair precedenti”.

READ  Emily Blunt è il seguito di "Il diavolo veste Prada"
Interni della Fiat 850 Sport Coupé del 1970
Per gentile concessione di RM Sotheby’s

Questo è utile se sei su due corsie poco trafficate senza bisogno di velocità, perché a 25-50 mph, l’850 è divertente. Premi l’acceleratore, sposta la leva del cambio a corsa lunga (e un po’ arcana) per selezionare il rapporto successivo e l’auto balza in avanti, con il motore e lo scarico che si muovono dietro di te. Sii paziente, perché, come ha concluso Titus, “da 60 mph e oltre ci vuole molto tempo per aumentare la velocità, e la velocità massima indicata di 87… può essere raggiunta solo con aria ferma su una lunga distanza.”

Quando l’ultima Spyder uscì dalla linea di produzione nel 1973, furono costruite quasi 2,3 milioni di Fiat 850 di tutte le linee (incluse circa 120.000 Spyder e 340.000 Coupé), quindi c’è molto tra cui scegliere, ma attenzione… Ruggine.

Fiat 850 Sport Coupé del 1970 posteriore di tre quarti
Per gentile concessione di RM Sotheby’s

Alla fine degli anni ’70 si poteva trovare una passabile Fiat 850 per poche centinaia di dollari; Ora sono un po’ più popolari, ma sono comunque divertenti a buon mercato. Per un’auto sportiva italiana entry-level con carta di credito, questa Fiat subcompatta attirerà sorrisi ovunque vada. Questo vale molto.

Fiat 850 Sport Coupé del 1970

motore: 903-I-4cc
energia: 58 CV a 6400 giri/min
Coppia: 48 libbre-piedi a 4000 giri al minuto
0-60 miglia orarie: 20,0 secondi
Prezzo da nuovo: 2000 dollari
Valore condizione Hagerty n. 3: $ 8.800 – $ 11.000