Ottobre 23, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Dietro lo scandalo immobiliare vaticano a Londra e le accuse affrontate da alti funzionari come il cardinale Angelo Piccio

Il Vaticano ha fissato il processo a 10 persone, tra cui il cardinale Angelo Besio, per le accuse relative all’investimento della Santa Sede di 350 milioni di euro in un progetto immobiliare di lusso a Londra.

L’atto d’accusa di 487 pagine culmina con un’indagine di due anni che rivela come il Vaticano abbia perso milioni di euro – per lo più donazioni da credenti – in commissioni di intermediazione, cattivi investimenti e altre spese discutibili.

Inoltre, i pubblici ministeri sostengono che gli imputati sono variamente coinvolti in estorsioni, peculato, abuso d’ufficio e corruzione per ingannare milioni di euro dalla Santa Sede in compensi, cattivi investimenti e altre perdite legate a transazioni finanziarie. Gli indagati hanno negato ogni addebito.

Lo scandalo ha portato a un forte calo delle donazioni e ha spinto papa Francesco a privare la Segreteria di Stato della sua capacità di gestire il denaro.

Ecco i dettagli del caso, le accuse e alcuni dei principali attori del processo, che si aprirà il 27 luglio.

I pubblici ministeri affermano che la Santa Sede è stata ingannata da un mediatore

La Segreteria di Stato vaticana ha deciso nel 2013 di investire 200 milioni di euro inizialmente in un fondo gestito dall’imprenditore italiano Raffaele Mencioni, con metà del denaro collocato nel London Building e metà in altri investimenti.

Entro il 2018, il fondo di Minsion, Athena Capital, aveva perso 18 milioni di euro dell’investimento originale del Vaticano, dicono i pubblici ministeri, spingendo il Vaticano a cercare una strategia di uscita pur mantenendo la sua partecipazione nell’edificio nell’elegante quartiere londinese di Chelsea.

READ  Il giudice intransigente Ebrahim Raisi ha eletto il presidente dell'Iran

Entra Gianluigi Torzi, un altro intermediario, che ha aiutato a organizzare un pagamento di 40 milioni di euro dal Vaticano al signor Mincione per azioni dell’edificio che la Santa Sede non aveva già.

Ma i pubblici ministeri dicono che il signor Tourzi ha poi ingannato la Santa Sede.

Piuttosto che costituire una società per gestire l’edificio che era controllato dal Vaticano, il signor Turzi ha inserito una clausola nel contratto che gli conferisce pieni diritti di voto nell’accordo, hanno affermato.

I pubblici ministeri affermano che il signor Tourzi ha poi estorto 15 milioni di euro al Vaticano per il controllo dell’edificio.

Il signor Tourzi ha detto che le accuse sono state un malinteso.

Alti funzionari vaticani, compreso il Papa, hanno incontrato Torze

I pubblici ministeri hanno riconosciuto che papa Francesco era a conoscenza dell’accordo e ha partecipato a un incontro nel dicembre 2018 con Turzi.

Un testimone ha detto che il Papa aveva accettato di pagare un “equo” risarcimento al signor Tourzi per la consegna dell’edificio.

Altri funzionari di alto rango, tra cui il segretario di Stato cardinale Pietro Parolin e il suo vice, l’arcivescovo Edgar Peña Parra, erano a conoscenza dell’accordo con Turzi e lo approvarono.

Dai documenti risulta che l’arcivescovo Pina Barra ha autorizzato un suo vice a firmare il contratto con il sig. Torzi, conferendogli pieno diritto di voto.

Nessuno di loro è stato accusato.

Gli inquirenti affermano di non aver compreso il cambio di contratto di Torzi, né di essere stati informati sui rapporti tra Torzi e Mincione, e il loro precedente rapporto d’affari, nonché presunte commissioni che altri coinvolti nell’affare stavano guadagnando dalla parte.

READ  Un errore tra una coppia britannica e mia madre e mia figlia | Immagini

Il potenziale futuro papa prende il comando dopo la modifica della legge

Un uomo di mezza età in giacca e cravatta si mette le dita sinistre sulla fronte mentre guarda in basso, seduto di fronte a Gesù crocifisso.
Un tempo influente, il cardinale Angelo Piccio, funzionario della Santa Sede, contribuì a progettare l’investimento iniziale a Londra quando era capo di gabinetto della Segreteria di Stato.(

Afp: Gregorio Borgia

)

Il cardinale Angelo Piccio è l’unico cardinale accusato e sarà il primo cardinale ad essere processato dalla corte a seguito della modifica della legge vaticana da parte di papa Francesco per consentire alla gente comune di giudicare i cardinali.

Il cardinale Pesio ha negato ogni addebito.

Un tempo uno dei vescovi più potenti del Vaticano, il cardinale Picchio sarebbe stato un contendente per essere un futuro papa prima che il papa lo licenziasse l’anno scorso dal suo lavoro a capo dell’ufficio di santificazione della Santa Sede.

Il Papa gli ha chiesto di dimettersi a settembre e lo ha spogliato dei suoi diritti e privilegi di cardinale, citando una donazione di 100.000 euro fatta dal cardinale Pesio utilizzando fondi vaticani a un ente di beneficenza diocesano gestito da suo fratello.

Al momento della donazione, il cardinale Picchio era la terza persona più potente del Dipartimento di Stato e aveva potere decisionale sull’enorme portafoglio di attività dell’ufficio.

Il cardinale Pesio è legato a un’altra imputata nel caso, Cecilia Marugna.

È accusata di appropriazione indebita di fondi della Santa Sede che il cardinale Pesio ha concesso per il suo lavoro di intelligence, presumibilmente per liberare preti e suore cattolici tenuti in ostaggio in regioni ostili del mondo.

I pubblici ministeri affermano che ha invece speso i soldi in beni di lusso.

Marugna ha negato qualsiasi illecito e afferma di poter fornire un rapporto completo su come sono stati spesi i soldi.

Gli imputati possono affrontare la reclusione e multe

Il diritto penale dello Stato Vaticano si basa sulla legge statutaria italiana del 1889 nonché su elementi di diritto canonico della Chiesa cattolica universale.

Negli ultimi anni, il Papa ha aggiornato la legge con una serie di reati finanziari specificamente per affrontare i tipi di cattiva condotta addotti in questo atto d’accusa.

La Corte vaticana ha subito pressioni per perseguire i crimini finanziari nell’ambito della partecipazione della Santa Sede all’operazione Moneyval del Consiglio d’Europa, che mira ad aiutare i paesi a combattere il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo.

Il Vaticano è entrato nel programma di valutazione Moneyval più di dieci anni fa nel tentativo di abbandonare la sua immagine di paradiso fiscale offshore.

Il Vaticano ha preparato una nuova aula per il prossimo processo in parte ai Musei Vaticani, visto che il solito tribunale penale sarebbe troppo piccolo per gli imputati ei loro avvocati.

Se condannati, gli imputati possono affrontare la reclusione, multe o entrambi.

AP / ABC