Luglio 28, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Dietro le guerre per la produzione di petrolio

La domanda di petrolio è destinata a crescere, almeno per qualche anno, e Abu Dhabi vuole essere lì per rifornire i propri clienti.

Dovranno padroneggiare un pancake che si restringe

Invece di tagliare gli investimenti, l’Abu Dhabi National Oil Company, nota come ADNOC, prevede di spendere 120 miliardi di dollari nei prossimi cinque anni per aumentare la sua produzione di greggio. Abu Dhabi ha coinvolto società come Occidental Petroleum e l’italiana Eni per esplorare e sviluppare più petrolio.

Helima Croft, capo delle materie prime di RBC Capital Markets, ha affermato che il pensiero su ADNOC, e in effetti su Saudi Aramco, la compagnia petrolifera nazionale saudita, è che “anche se la torta si restringe, domineranno la torta che si restringe”.

Sultan Ahmed Al Jaber, CEO di ADNOC, ha assunto espatriati per costruire un’operazione di commercio di petrolio all’avanguardia che è uno strumento commerciale chiave per aziende come Royal Dutch Shell e BP. Ha venduto quote di oleodotti e altre infrastrutture a investitori come BlackRock e KKR, raccogliendo miliardi di dollari, una pratica seguita dai sauditi.

Young ha affermato che la presenza di questi investitori più orientati al denaro significa che Abu Dhabi deve agire rapidamente. Ciò significa che gli Emirati Arabi Uniti sono desiderosi di pompare – e vendere – più petrolio a prezzi più alti oggi.

Queste grandi ambizioni hanno inevitabilmente sollevato le sopracciglia in Arabia Saudita, leader de facto dell’OPEC per molto tempo.

“Tutto questo fa presagire un luogo più indipendente, indipendente dai sauditi”, ha affermato Gerald Kipps, consulente indipendente dell’industria petrolifera.

Ultimamente, l’OPEC è sembrata un freno ad Abu Dhabi. “Gli Emirati sentono che le quote che hanno non riflettono ciò che è cambiato negli ultimi tre anni”, ha detto Young.

READ  Sono stati rivelati i piani per convertire l'ex ristorante italiano Ask di Northampton in un bar

Gli Emirati Arabi Uniti hanno innalzato la propria capacità produttiva a circa 3,8 milioni di barili al giorno e vogliono raggiungere i 5 milioni di barili entro il 2030.

Questi numeri non funzionano con l’attuale limite di produzione del paese di 2,7 milioni di barili al giorno. Con i tagli alla produzione concordati all’inizio del 2020, quando la domanda di petrolio è evaporata, gli Emirati Arabi Uniti hanno subito il colpo relativamente maggiore – circa un terzo della loro capacità – tra i grandi attori dell’OPEC+.

“Per noi negli Emirati Arabi Uniti, questo non è stato un accordo equo”, ha detto domenica alla CNBC Suhail Al Mazrouei, ministro dell’Energia degli Emirati Arabi Uniti.

Sultan Ahmed Al Jaber, CEO dell’Abu Dhabi National Oil Company (ADNOC). Bloomberg

I primi segnali di difficoltà sono apparsi la scorsa estate nell’emisfero settentrionale, quando gli Emirati Arabi Uniti hanno superato significativamente la quantità consentita di pompare, ma le cose sono emerse giovedì quando Al Mazrouei ha chiesto un significativo ricalcolo della quota del suo paese se fosse d’accordo. L’Arabia Saudita prevede di estendere l’accordo di produzione complessivo alla scadenza dopo aprile.

La posizione degli Emirati Arabi Uniti ha sbalordito i sauditi, che si dipingono come agenti imparziali per l’OPEC Plus. “Rappresento un Paese equilibrato che tiene conto degli interessi di tutti”, ha detto domenica al canale di notizie saudita Al Arabiya il ministro del Petrolio saudita, il principe Abdulaziz bin Salman.

Il petrolio è un settore in cui i due Golfi differiscono. I sauditi, ad esempio, si sono rifiutati di seguire gli Emirati Arabi Uniti nel fare la pace con Israele. Di recente, i sauditi hanno annunciato misure che sembrano mirare a limitare gli affari con gli Emirati Arabi Uniti, inclusa l’imposizione di restrizioni su alcune delle sue importazioni. E in un colpo al ruolo di Dubai nella regione, Riyadh ha minacciato di non assegnare contratti governativi a società multinazionali con sede in Medio Oriente al di fuori dell’Arabia Saudita.

Gli analisti dicono che non sarà facile riportare gli Emirati Arabi Uniti nell’orbita dell’OPEC e dell’Arabia Saudita.

“È probabile che le domande sull’impegno degli Emirati Arabi Uniti a rimanere nell’OPEC aumentino”, ha scritto Croft in una nota ai clienti lunedì. Mentre gli Emirati Arabi Uniti vogliono provare a mantenere i loro legami con l’OPEC, è chiaro che stanno seguendo un percorso diverso rispetto a molti altri membri.