Maggio 17, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Desert swing una versione alla volta

Desert swing una versione alla volta

Qualsiasi appassionato di musica che è cresciuto ascoltando rock su vinile durante l'”era dell’album” può ricordare i ricordi di essere sdraiato sul pavimento della camera da letto con un paio di cuffie legate al cranio a fissare una custodia standard da 12 pollici. Se ascolti abbastanza a lungo e guardi abbastanza bene, sei sicuro di decifrare un ulteriore livello di significato dietro il nastro. Chi può dimenticare combinazioni così indelebili di suono e immagine come sergente Peppers Lonely Heart Club Band. O i Rolling Stones dita appiccicose (Completo di una cerniera funzionale, per gentile concessione di Andy Warhol). o le immagini triplex dello studio di design britannico Hypnosis su un set di album in espansione dei Pink Floyd (Omagoma, madre del cuore del mais, vorrei che foste qui, animali) o qualsiasi altro sforzo rock prog toccato dal pennello di Roger Dean.

Dalla metà degli anni ’60 alla metà degli anni ’80, l’album discografico a 33 1/3 giri di lunga durata è stato il formato standard per la musica popolare. Ha raggiunto il suo apice negli anni ’70, quando le etichette discografiche hanno riempito gli album con note calligrafiche, fogli di testi, copertine di testi e altri straordinari extra. A metà degli anni ’80, il formato stava scomparendo, sostituito da nuove tecnologie come cassette, CD e download digitali. Ma negli ultimi anni è successa una cosa divertente: il vinile è tornato alla grande. Ciò è particolarmente vero tra gli audiofili seri che preferiscono la qualità del suono e la durata di un dispositivo di archiviazione analogico. Dal 2018, una piccola casa discografica qui ad Albuquerque ha combattuto questa buona battaglia, producendo una serie di album di alta qualità in edizione limitata di band principalmente del New Mexico.

Il proprietario e giocatore della Desert Records, Bradley Fry, ha pubblicato 30 album negli ultimi anni. “Non me ne sono reso conto fino a quando non sono appena tornato”, dice Frey, ridendo. “È un sacco di lavoro ed è davvero un lavoro d’amore. La risposta è stata davvero grande da parte dei giovani residenti che conoscono anche i dischi del deserto. Siamo nell’underground. Il rock non è più popolare quindi significa tutto per me quando le persone trovano una band o una pubblicazione, lo adorano”.

READ  Chi è stato Xabi ed è un milionario?

Il nome di Frye si concentra, giustamente, su quelle che lui chiama “rocce del deserto”. Il termine è apparso nel Palm Desert della California meridionale a metà degli anni ’80. Le squadre che, secondo Free, “vivono nel deserto del Mojave intorno alle aree di Joshua Tree, Palm Springs, Indio, Palm Desert, non avevano bar e club in cui giocare, quindi hanno giocato nel deserto”. Queste “feste generatrici” sotto le stelle hanno dato origine a una forma di heavy metal oscura, spericolata, quasi psichedelica nota come “desert rock” o “stone rock”. È un po’ simile a quello che sarebbe successo se Jim Morrison e i Black Sabbath si fossero incontrati in un’orgia a tarda notte con Anton LaVey e avessero iniziato a scherzare insieme. La prima band che ha veramente dato il via alla scena sono stati gli Across the River, guidati da Mario Lally. La band non durò a lungo, ma produssero la band “Desert Music” Yawning Man. Lalli porterà il presepe alle rappresentazioni, compariranno bambini e bande musicali, e secondo chi c’è stato (o almeno dice di esserci stato), le storie sono leggendarie. Frye crede che le squadre “più famose e influenti” di Palm Desert fossero Kaos. Dopo lo scioglimento dei Kyuss nel 1995, il chitarrista Josh Hom ha formato i Queens of the Stone Edge, e sono diventati una grande rock band in tutto il mondo. La maggior parte dei musicisti di Palm Desert vive ancora nella zona e suona ottima musica fino ad oggi. , e il fatto che l’ambiente Desert li abbia ispirati, ha avuto un enorme impatto per me avviare la Red Mesa e la Desert Records qui ad Albuquerque”.

READ  La storia del West Side è basata su una storia vera? Qual è la storia dietro?

Red Mesa è lo speciale trio rock pesante di Frye che incorpora elementi di desert rock, stone rock, death metal e il chitarrista guidato dalla chitarra che ama il rock. Venerdì 13 agosto (venerdì 13, non lo sai!) il bar del centro di Launchpad ha ospitato la festa di rilascio ufficiale del nuovo album dei Red Mesa, strada verso la morte. Sebbene strada verso la morte Non in realtà l’ultima uscita di Desert Records (pubblicata nel 2020), una piccola cosa chiamata COVID ha impedito alla band di celebrare l’uscita dell’album e di suonare di fronte al pubblico dal vivo. considerato libero strada verso la morte “Un album davvero speciale.” Ha anche attirato l’attenzione di alcune delle principali guest star. “Abbiamo avuto l’opportunità di scrivere un brano musicale con la leggenda del metal americano Scott ‘Wino’ Weinrich (The Obsessed, St. Vitus, Spirit Caravan) per la canzone ‘Disharmonious Unlife’. Abbiamo scritto e registrato la musica e Wino ha scritto il testi, voce consegnata e quattro assoli di chitarra. Non ce lo meritiamo! “

Ma Desert Records non è altro che un segno di vanità. Frye ha pubblicato album per un gruppo di artisti che si assemblano rapidamente. C’è un tono di chitarra acustica per il film italiano di Betty Benedeadly’s da mesa. C’è sabbia drogata dei fratelli GRAL Roulotte Est. Il libro di Wyrms, Dizygote, The Red Beard Wall, The Horned God: hanno tutti realizzato versioni in Desert Chronicles. Molti degli album di Desert arrivano su vinile colorato e da collezione che è stato realizzato nella Repubblica Ceca (sede del più grande impianto di stampa record del mondo).

READ  Cose da fare, film, LA, OC: "West Side Story", Bruce Lee

“Lavoro con molti artisti diversi per le copertine degli album (copertina anteriore e posteriore). Se si tratta di una pubblicazione Desert Records come leggende del deserto stringa o donne di morte, ho una mano nella direzione del pacco. Per molte uscite di band, lavoreranno con un artista e forniranno copertine di album. I team hanno un forte senso di ciò che sto cercando nelle copertine degli album, quindi le cose sono state abbastanza lisce in questo senso”.

Un grande esempio del potere delle copertine degli album è Andiamo nel deserto Dalla band di Albuquerque L’uomo Nero. L’EP (e due uscite imminenti) costituiscono una “trilogia rock misteriosa” che ruota attorno alla storia lovecraftiana di una donna che scompare dal New Mexico in circostanze misteriose soprannaturali. Insieme, i tre album mettono insieme il quadro di una “triste indagine su un misterioso crimine che è illustrata da opere d’arte private e layout che rivelano alcuni indizi mancanti”. La compressione di tutti i Desert Records è limitata a 500 copie o meno, il che li rende oggetti da collezione istantanei.

“Sono cresciuto negli anni ’80 e amo la musica da quando ero bambino”, dice Frye, pieno di nostalgia. “Amavo l’aspetto fisico del vinile, delle cassette e dei CD. Potevo tenere un album tra le mani mentre ascoltavo musica, leggevo testi e vedevo foto di gruppi. Mi avrebbe portato in un altro posto e ho adorato quella sensazione. “

Puoi rivivere quella sensazione raccogliendo le pubblicazioni di Desert Records su desertrecords.us o desertrecords.bandcamp.com.