Maggio 24, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

“Delta Scarp” di Jezero Crater: l’immagine di Marte preferita dal perseverante rover della NASA

Marte ‘Delta Scarp’ da oltre un miglio di distanza: La scienziata della perseveranza Vivian Sun era entusiasta di vedere alcune delle caratteristiche geologiche nelle immagini “Delta Scarpe” del cratere Jezzero perché forniscono prove di un passato acquatico. Crediti: NASA / JPL-Caltech / LANL / CNES / CNRS / ASU / MSSS

La ripresa preferita di uno scienziato rover da una giovane missione su Marte fornisce una nuova prospettiva su una vecchia e intrigante caratteristica della superficie.

Chiedi a qualsiasi esploratore spaziale e otterrai una o due foto preferite della sua missione. Per Bill Anders dell’Apollo 8, era un file L’immagine guarda indietro alla Terra da vicino alla luna. Premio Astronauta Randy Bresnik A foto dell’aurora boreale L’ha preso mentre era a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. E per Vivian Sun, una scienziata del Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California, è un’immagine scattata dal rover Mars Perseverance della NASA di uno dei crateri Jezero (lunghi e ripidi pendii sul bordo di un altopiano) – molto remoto ma comunque impressionante. Nelle vicinanze.

Sun sa che i primi piani di ciò che il team scientifico del rover ha soprannominato “Delta Scarp” e dei suoi conglomerati (i ciottoli a grana grossa mescolati con sabbia trasformati in massi) e cross-bed (strati obliqui di roccia sedimentaria) potrebbero, in un primo momento sguardo, sembrano qualcosa che non potrebbero amare tranne che per un geologo. Ma il co-leader della Perseverance First Science Expedition vuole assicurarti che non importa quanto cinematografico possa mancare, questo mosaico di Marte compensa il significato geologico.

“Ho studiato il cratere Jezero per anni e devo guardare le immagini orbitali della scarpata delta più di mille volte”, ha detto Sun. “Ma puoi imparare così tanto dall’orbita, e quando questa immagine del rover è scesa sulla Terra dal rover dopo l’atterraggio, mi ha letteralmente mozzato il fiato. Questo è il mio preferito perché per la prima volta sono stato in grado di vedere prove dei ciuffi e dei letti incrociati che avevamo ipotizzato.”

Marte Jezero Crater Delta Scarp

Due vedute della Scarpata del Delta: Questa immagine composita della “Delta Scarp” è stata creata dal cratere Jezero utilizzando i dati della microscopia remota e la fotocamera Mastcam-Z. Crediti: RMI: NASA / JPL-Caltech / LANL / CNES / CNRS / ASU / MSSS

I conglomerati sono incollati insieme in un ambiente acquatico e il letto incrociato può essere la prova del movimento dell’acqua registrato da onde o increspature di sedimenti sciolti che l’acqua ha attraversato molto tempo fa. Entrambe le caratteristiche sono specificamente di tipo Sole e il team scientifico spera di trovarle a Jezero. Circa 3,8 miliardi di anni fa, il cratere ospitava probabilmente uno specchio d’acqua delle dimensioni del lago Tahoe, insieme a un fiume a forma di ventaglio e un delta formato da depositi sedimentari di quel fiume.

READ  Uso della maschera da cheerleader di Cambridge tra l'ondata di COVID-19 e le paure del Delta

“Sappiamo da un po’ che miliardi di anni fa, il delta di Jezero ospitava un fiume che scorre”, ha detto Sun. “Ora sappiamo che saremo in grado di vedere da vicino le prove di questo sistema fluviale e avere un’idea migliore delle sue dimensioni e della forza dell’acqua che lo attraversa. E poiché il fiume ha depositato sedimenti e altri materiali al pendenza non solo dall’interno del Jezero ma anche dall’esterno, deve essere un ottimo sito per cercare segni di vita antica.”

La missione prevede di esplorare il Delta Scarp durante la seconda spedizione scientifica di Perseverance, l’anno prossimo. Attualmente, il rover è nei giorni di apertura della sua prima spedizione scientifica, esplorando un’area di 1,5 miglia quadrate (4 chilometri quadrati) del fondo del cratere che potrebbe contenere gli strati rocciosi esposti più profondi (e più antichi) di Jezero, insieme a caratteristiche geologiche Altro interessante. Durante questa spedizione iniziale raccoglieranno i primi campioni da un altro pianeta per tornare sulla Terra in una futura missione.

Perseveranza per Delta Scarp

Persevera su Delta Scarp: questa immagine annotata del Jezero Crater of Mars raffigura la posizione del rover Perseverance della NASA (punto giallo) e il campo visivo della telecamera Remote Microscopy Imaging (RMI) quando ha scattato una serie di immagini di “Delta Scarp” il 17 marzo 2021. Fonte: NASA / JPL-Caltech / University of Arizona

Per quanto riguarda la foto preferita di Sun, mostra una porzione del mantello larga 377 piedi (larga 115 metri). Sono stati messi insieme da cinque immagini scattate dalla fotocamera Remote Imaging Microscopy (RMI) del rover il 17 marzo 2021 (il 26° giorno marziano della missione, o giorno solare), da una distanza di 1,4 miglia (2,25 chilometri).

READ  I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) consigliano di disinfettare le superfici per evitare che Covid si manifesti spesso

Parte dello strumento SuperCam, l’RMI è in grado di rilevare un oggetto delle dimensioni di una palla da softball da quasi un miglio di distanza, consentendo agli scienziati di catturare immagini dettagliate da lunghe distanze. Può anche rilevare granelli di polvere fino a quattro millesimi di pollice (100 micron). La punta del sensore SuperCam da 12 libbre (5,6 kg), situata in cima all’albero del rover, può eseguire cinque tipi di analisi per studiare la geologia di Marte e aiutare gli scienziati a scegliere quali rocce il rover dovrebbe campionare nella sua ricerca di segni di antica vita microbica.

Maggiori informazioni sulla missione

L’astrobiologia è uno degli obiettivi principali della missione di persistenza su Marte, compresa la ricerca di segni di antica vita microbica. Il rover caratterizzerà la geologia del pianeta e il clima passato, aprirà la strada all’esplorazione umana del Pianeta Rosso e sarà la prima missione a raccogliere rocce marziane e regolite (roccia fratturata e polvere) e conservarle in un nascondiglio.

Le successive missioni della NASA, in collaborazione con l’Agenzia spaziale europea (ESA), invieranno veicoli spaziali su Marte per raccogliere questi campioni sigillati dalla superficie e riportarli sulla Terra per un’analisi approfondita.

La missione Mars 2020 Perseverance fa parte dell’approccio di esplorazione Lunar-Mars della NASA, che include le missioni Artemis sulla Luna che aiuteranno a prepararsi per l’esplorazione umana del Pianeta Rosso.

Il Jet Propulsion Laboratory, gestito dal California Institute of Technology amministrato dalla NASA a Pasadena, in California, ha costruito e gestito le operazioni del rover.