Giugno 15, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

David Duchmann, ‘eroe di Auschwitz’, ultimo liberatore del campo di sterminio, muore a 98 anni | Germania

David Duchmann, l’ultimo soldato sopravvissuto che prese parte alla liberazione del campo di sterminio nazista di Auschwitz nel 1945, morì all’età di 98 anni.

Morto venerdì sera nella clinica di Monaco, la comunità culturale ebraica IKG della città Egli ha detto Domenica lo ha definito “l’eroe della liberazione di Auschwitz”.

Duchmann, un soldato dell’Armata Rossa che in seguito divenne uno spadaccino internazionale, usò il suo carro armato sovietico T-34 per abbattere il recinto elettrico di Auschwitz nella Polonia occupata dai nazisti il ​​27 gennaio 1945, aiutando a liberare i prigionieri nel campo di sterminio.

“Non sappiamo quasi nulla di Auschwitz”, ha detto, ricordando quel giorno in un’intervista del 2015 al quotidiano Sueddeutsche. Ma ha visto “scheletri ovunque”.

“Sono usciti barcollando dalle baracche, si sono seduti e si sono sdraiati tra i morti. Terribile. Abbiamo buttato loro tutto il nostro cibo in scatola e siamo andati subito a dare la caccia ai fascisti.”

Solo dopo la fine della guerra ha appreso la portata delle atrocità nel campo.

Dei sei milioni di ebrei uccisi nell’Olocausto, più di un milione furono uccisi ad Auschwitz-Birkenau, principalmente nelle famigerate camere a gas, insieme a decine di migliaia di altre persone tra cui omosessuali, zingari e prigionieri di guerra sovietici.

Duchman era uno dei 69 soldati della sua divisione sopravvissuti alla guerra, ma fu gravemente ferito.

Nonostante ciò, è diventato uno dei migliori schermitori dell’Unione Sovietica e in seguito uno dei più grandi allenatori di scherma del mondo, ha dichiarato il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) in una breve dichiarazione.

Il presidente del Comitato olimpico internazionale, Thomas Bach, ha espresso il suo dolore per la morte di Duchmann. “Quando ci siamo incontrati nel 1970, mi ha subito offerto amicizia e consigli, nonostante l’esperienza personale del signor Duchmann con la seconda guerra mondiale e Auschwitz, ed essendo un uomo di origini ebraiche”, ha detto Bach, un tedesco.

“Questo è stato un gesto umanitario così profondo che non lo dimenticherò mai”, ha aggiunto il presidente del Cio.

Il CIO ha affermato che quattro anni fa si recava ancora quasi ogni giorno nel suo club di scherma per dare lezioni.

READ  La Cina ha lanciato la parte principale della sua prima stazione spaziale permanente