Ottobre 24, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

David Duchman: Gli ultimi soldati sovietici che liberarono Auschwitz morirono all’età di 98 anni

È morto all’età di 98 anni David Duchman, l’ultimo soldato sovietico sopravvissuto che ha preso parte alla liberazione del campo di sterminio nazista di Auschwitz

La comunità ebraica di Monaco e dell’Alta Baviera ha dichiarato domenica che Duchmann è morto sabato in un ospedale di Monaco.

“Ogni testimone della storia che passa è una perdita, ma vedere David Duchmann è particolarmente doloroso”, ha detto Charlotte Knobloch, ex presidente del Consiglio centrale degli ebrei in Germania.

“Duschmann era proprio in prima linea quando il meccanismo di uccisione utilizzato dai nazionalsocialisti è stato distrutto”.

Da giovane soldato dell’Armata Rossa, il 27 gennaio 1945 Duchmann abbatté con il suo carro armato T-34 il proibitivo recinto elettrico attorno al famigerato campo di sterminio nazista.

All’epoca disse che lui e i suoi compagni non si resero immediatamente conto della portata completa di ciò che accadde ad Auschwitz.

“Gli scheletri sono ovunque”, ricorda in un’intervista del 2015 con la Sueddeutsche Zeitung di Monaco.

Oltre un milione di persone, per lo più ebrei deportati lì da tutta Europa, furono assassinate dai nazisti ad Auschwitz-Birkenau tra il 1940 e il 1945.

Spazio per riprodurre o mettere in pausa, M per disattivare l’audio, frecce sinistra e destra per la ricerca, frecce su e giù per il volume.
I sopravvissuti all’Olocausto tornano ad Auschwitz per il 75° anniversario

Duchman è stato precedentemente coinvolto in alcuni dei più sanguinosi scontri militari della seconda guerra mondiale, comprese le battaglie di Stalingrado e Kursk.

È stato gravemente ferito tre volte ma è sopravvissuto alla guerra ed è uno dei soli 69 soldati nella sua divisione di 12.000 uomini.

Nel frattempo, suo padre – un ex medico militare – fu imprigionato e in seguito morì in un campo di punizione sovietico dopo essere caduto vittima di una delle purghe di Joseph Stalin.

Dopo la guerra, Duchmann aiutò ad addestrare la squadra nazionale di scherma femminile dell’Unione Sovietica per quattro decenni e fu testimone dell’attacco di otto terroristi palestinesi alla squadra israeliana alle Olimpiadi di Monaco del 1972, uccidendo 11 israeliani, cinque palestinesi e un poliziotto tedesco.

Più tardi nella sua vita, Duchmann ha visitato le scuole per raccontare agli studenti la guerra e gli orrori dell’Olocausto.

Inoltre, spolvera regolarmente le sue medaglie militari per la partecipazione ai raduni dei veterani.

“Duschmann era un leggendario allenatore di scherma e l’ultimo liberatore sopravvissuto del campo di concentramento di Auschwitz”, ha affermato il Cio in una nota.

Il presidente del CIO Thomas Bach ha elogiato Duchmann, raccontando come il veterano allenatore gli abbia offerto “amicizia e consigli” nel 1970 come giovane schermidore in quella che allora era la Germania Ovest “nonostante l’esperienza personale del signor Duchmann con la seconda guerra mondiale e Auschwitz, essendo un uomo di religione ebraica origine.

Il Comitato Olimpico Internazionale ha affermato che Duchman ha allenato alcuni degli schermitori di maggior successo in Unione Sovietica, tra cui Valentina Sidorova, e ha continuato a dare lezioni fino ai suoi 90 anni.

I dettagli delle disposizioni funebri non sono stati immediatamente noti. La moglie, il marito di Duchman, è morto diversi anni fa.

AP

READ  Gli organizzatori delle Olimpiadi di Tokyo approvano gli spettatori domestici in mezzo alle restrizioni COVID-19 ma non è consentito cantare