Maggio 26, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Da Pergamo a Pechino, l’Italia punta a più successi olimpici

Il suono infinito delle sirene delle ambulanze. Convogli di camion militari che trasportano bare traboccanti. Funerali – o mancanza di essi.

Chiunque abbia vissuto la prima ondata di infezione da corona virus a Bergamo, il primo centro di COVID-19 in Europa, non lo dimenticherà mai.

Le due campionesse olimpiche della città, Sofia Gogia e Michela Moily – si ispirano a quei giorni bui di marzo e aprile 2020 – nella discesa libera di Gogia e Snowboard Cross Moily. Le loro medaglie d’oro ai Giochi di Pechino del mese prossimo.

Elmo Sofia Gogia (ITA). Il retro dello skyline di Bergamo è stato disegnato. Foto: immagine GEPA

Dalla scorsa stagione Kokia gareggia con l’esterno dello skyline di Bergamo disegnato sul retro del suo casco.

“E’ stato difficile. Sono stato a casa per due mesi. Un’ambulanza passava ogni 10 minuti”, ha detto Kokia. “C’era paura negli occhi delle persone. C’era terrore ovunque. Eravamo tutti spaventati.

Michael Moily (ITA). Foto: immagini GEPA

Quando la nonna di Mooli è morta di COVID-19 nel marzo 2020, la famiglia non ha potuto tenere un funerale tradizionale a causa di gravi serrature. Anche suo nonno è stato ricoverato in ospedale per tre mesi, per poi riprendersi dal virus.

“Abbiamo passato un brutto periodo nel 2020, durante quel periodo abbiamo imparato qualcosa e abbiamo cercato di essere migliori come persona e come atleta”, ha detto Moily.

Lo stesso si può dire per l’intera squadra italiana che vuole copiare l’inedita vittoria del Paese alle Olimpiadi estive dello scorso anno a Tokyo.

L’Italia ha vinto il record di 40 medaglie a Tokyo e ha vinto l’oro in alcuni dei massimi eventi: Marcel Jacobs nei 100m, Gianmarco Tampere nella staffetta 4x100m maschile.

“Le Olimpiadi di Tokyo ci hanno ispirato ad affrontare due mesi di allenamenti senza fine in palestra”, ha detto Kokia dei suoi prodotti stagionali.

READ  L'Italia irremovibile ha vinto il Campionato Europeo di Polo Femminile

Un anno eccezionale per l’Italia, la squadra di calcio del paese ha vinto l’Europeo e la band romana Maneskin ha vinto l’Eurovision Song Contest.

“Ora tocca a noi”, ha detto Marta Pacino, l’attuale campionessa di Coppa del Mondo di slalom gigante.

Goggia, Bassino e Federica Brignone, campioni della Coppa del Mondo 2019-20, presenteranno tre medaglie regolari nello sci per l’Italia, mentre Dominic sarà il miglior discesista di Parigi a bordo campo e Luca de Alebrandini sarà lo slalom gigante in pista sbattere. Fare slalom.

Kokia e Moyoli sono stati selezionati per portare la bandiera italiana rispettivamente alle cerimonie di apertura e chiusura a Pechino.

Quando il presidente italiano Sergio Materella ha consegnato la bandiera verde-bianco-rossa a Kogia durante una cerimonia il mese scorso, lo sciatore ha descritto in un discorso commosso una telefonata che ha ricevuto dal capo dello Stato dopo essere stato sospeso la scorsa stagione. Cardina D’Ambesso ha riportato la frattura del ginocchio destro durante i Mondiali di Home Snow.

“Mi hai incoraggiato a guardare avanti verso i lontani obiettivi di Pechino 2022”, ha detto Kokia a Materella. “Mi hai incoraggiato a scavare nel profondo del mio cuore nonostante gli ostacoli sul mio cammino. Spero di averlo fatto.”

In effetti, da quando Lindsay Vaughn era al suo apice, Kokia è tornato come lo sciatore di discesa più dominante, compresi i sette rettilinei in discesa in cui è entrato.

“Lei è ok. Sa quello che vuole”, ha detto Flavio Roda, presidente della Federazione Italiana Sport Invernali ed ex allenatore di Alberto Tomba. “Vincere tutte queste gare in modo coerente non è facile in termini di concentrazione”.

READ  L'italiana Zegna inizierà le negoziazioni sul NYSE dal 20 dicembre dopo la fusione SPAC

A causa della mancanza di concentrazione o della troppa velocità nella parte buia del percorso, la serie di vittorie di Kokia si è interrotta bruscamente quando si è schiantato contro la rete di sicurezza durante la sua ultima discesa di sabato in Austria. È uscita senza gravi infortuni e il giorno successivo è tornata di corsa in Super-G.

Moily, intanto, è arrivato terzo nel test di Coppa del Mondo del programma olimpico al Giardino Segreto a novembre, per poi registrare una vittoria a Cervinia il mese scorso.

Moily incontra Kokia alla finale olimpica del 2014. All’età di 18 anni, Moyoli ha gareggiato per la medaglia di bronzo ed è avanzato al terzo posto quando è caduto ai margini con un rivale.

“Quel momento ha aiutato la mia carriera”, ha detto Moily. “A poco a poco, siamo diventati molto più vicini”.

La stretta relazione è diventata chiara nel 2019 quando Kokia e Moyoli hanno pronunciato un discorso congiunto davanti a quasi 100 membri del Comitato Olimpico Internazionale durante la sessione di votazione per i Giochi invernali del 2026. La loro presentazione è stata poi considerata cruciale per il tentativo riuscito di Milan-Cardina di conquistare gli elettori con la loro energia positiva.

Quindi, naturalmente, sia la sciatrice che la sciatrice vogliono continuare a gareggiare anche ai Giochi del 2026, quando lo sci femminile si svolgerà presso il percorso preferito di Kokia a Cordina e gli allenamenti sullo snowboard cross mooli si svolgeranno a Livigno in pista.

L’impegno di Moily per la cerimonia di chiusura significa che sarà coinvolto nel passaggio di consegne ufficiale da Pechino a Milano-Cordina. È la prima volta che l’Italia nomina uno sbandieratore per la cerimonia di chiusura prima dell’inizio delle Olimpiadi.

READ  La neo incoronata Miss Little Italy Rosalie Caspar è un panorama competitivo

“È un grande onore”, ha detto Moily. “Sarà il collegamento tra Pechino e le nostre partite di Milan-Cardina”.

Sarà rappresentata anche Bergamo.