Luglio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Da dove cominciamo con il neorealismo italiano?

Da dove cominciamo con il neorealismo italiano?

Uno degli argomenti più discussi negli ambienti accademici e critici cinematografici è: cos’è il neorealismo italiano? È uno dei movimenti più famosi della storia del cinema, ma la sua definizione è ancora alquanto sfuggente.

In contrasto con il nostro approccio basato sul genere alla classificazione dei film – che consiste nel classificare i film in base agli elementi testuali che condividono con altri film – i film sono spesso più flessibili e raggruppano insieme i film in base a elementi contestuali. Il neorealismo italiano deriva da un contesto storico e politico molto specifico. È stato visto come una reazione politica agli anni italiani sotto il dittatore Benito Mussolini, e quindi al controllo e alla censura che il partito di Mussolini ha imposto alle arti. I film neorealisti spesso commentano la prevalenza della povertà e dell’ingiustizia nell’Italia del dopoguerra, stabilendo una specificità tematica, ma ciascuno introduce anche una specificità testuale nel proprio linguaggio visivo.

Critico cinematografico francese André Bazin Ha detto che Il neorealismo italiano era un “estetismo della realtà”. In sostanza, questo è forse il modo migliore per descrivere l’approccio testuale di qualsiasi movimento cinematografico che pone una forte enfasi sulla rappresentazione della vita reale e delle persone reali, ma qui viene applicato proprio per la dedizione del neorealismo italiano nel rappresentare la vita quotidiana delle persone. La classe operaia nell’Italia del dopoguerra. Il neorealismo è ora noto per il suo stile visivo unico: l’uso di attori non professionisti, le riprese sul posto e la presentazione di una presentazione visiva simile a un documentario composta in gran parte da inquadrature discrete e una telecamera che tende a indugiare sui soggetti piuttosto che concentrarsi su di essi. . Taglia via subito dopo che la scena è finita.

Ad oggi, il Neorealismo italiano rimane un movimento culturale unico per il modo in cui è sorto e per il contesto storico in cui è sorto. Gli studiosi discuterebbero ancora e ancora su cosa renda un film neorealista: avrebbe dovuto essere girato nell’Italia del dopoguerra? Dovremmo usare attori non professionisti? -Ma alla fine, l’unica cosa che conta è la forza del movimento stesso. In definitiva, il modo migliore per capire cosa rappresenta il Neorealismo italiano è guardare uno dei tanti amati pezzi di cinema che ora sono stati associati al termine.

Avvicinarsi a questo elenco molto ampio di film può sembrare scoraggiante all’inizio, ma non deve esserlo. In questo Guidasiamo dentro Rivista cinematografica Suggerire Da dove cominciamo con il neorealismo italiano?.

1. Roma, città aperta (1945)

Pur non essendo il primo film neorealista di per sé, è di Roberto Rossellini Roma città aperta È forse uno dei titoli più famosi associati al movimento. Questo è stato riconosciuto anche prima Ministero dei Beni Culturali Italianoche ha inserito il film nella lista dei 100 film italiani da preservare per la sua influenza culturale nel modo in cui ha plasmato la memoria collettiva del Paese nel dopoguerra.

READ  Cannes 2023: l'italiano Marco Bellocchio gira 'Abducted' sul rapimento in chiesa di un ragazzo ebreo

L’ormai famosa opera di Rossellini descrive com’era la vita a Roma durante l’occupazione nazista e descrive l’epoca attraverso i diversi punti di vista di molteplici personaggi, la maggior parte dei quali combattenti coinvolti nella resistenza: Giorgio Manfredi (Marcello Pagliero) e Marcello (Vito Anicchiarico ), così come il prete cattolico antifascista Don Pietro Pellegrini (Aldo Fabrizi), che fa di tutto per aiutarli mentre cercano di fuggire dalle SS.

Il film illustra anche la vita quotidiana dei bambini rom, descritti come fortemente coinvolti nella lotta contro il nazismo e che rappresentano la rinascita dell’Italia dopo il periodo fascista. Sebbene il film possa sembrare deprimente, i bambini sono un faro di speranza per un futuro migliore.

Oltre a catturare questo specifico momento storico con straziante autenticità, Roma città aperta Tocca anche temi di religione, resistenza e tolleranza. In un Paese la cui storia è sempre stata strettamente legata alla Chiesa e alla presenza del Vaticano a Roma, il rapporto tra Stato e religione è sempre stato una parte fondamentale della politica del Paese, ma soprattutto durante il governo di Mussolini e la Seconda Guerra Mondiale. . Essendo un film che riflette lo scenario politico della Roma occupata nel 1944, l’inclusione della religione nel personaggio di Don Pietro Pellegrini è molto importante per mostrare una rappresentazione completa di un momento così importante nella storia italiana. Tematicamente, il film di Rossellini rappresenta anche l’insegnamento cristiano sulla tolleranza come via preferita da seguire nell’Italia del dopoguerra.

2. Ladri di biciclette (1946)

Uno dei film realisti italiani più famosi e conosciuti è quello di Vittorio De Sica Ladri di bicicletteun racconto profondo della lotta di classe e dei vincoli nell’Italia del dopoguerra.

Gli eventi del film si svolgono a Roma, dove il povero padre Antonio Ricci (Lamberto Maggiorani) è alla disperata ricerca di un lavoro per mantenere la sua famiglia, composta dalla moglie Maria (Lianella Carelli), dal figlio Bruno (Enzo Staiola) e dalla sua famiglia. . E il suo bambino. Alla fine gli viene offerto un lavoro, ma il lavoro richiede una bicicletta. Per poterselo permettere Maria impegna la sua dote, ma qualcuno ruba la bicicletta ad Antonio il primo giorno di lavoro. Per la maggior parte del film, parte con suo figlio per un giro attraverso la città per ritrovare la sua bicicletta, senza la quale perderà il lavoro.

READ  Mentre i populisti si ritirano, il centrosinistra intravede indizi di un ritorno

Sebbene questa non sia la prima manifestazione del neorealismo di de Sica, Ladri di biciclette È una delle opere, se non la più famosa, del neorealismo italiano IL più popolare. Dal punto di vista artistico il film soddisfa tutti i requisiti del neorealismo italiano. Ad esempio, il cast è composto esclusivamente da attori inesperti: Lamberto Majorani, che interpreta il personaggio principale, era un operaio quando venne scelto per il film. Ladri di biciclette Inoltre è stato girato interamente sul posto e non sui set in studio.

Il film è una testimonianza del modo in cui il neorealismo rappresenta la realtà del suo tempo con un’estetica documentaristica e un’autenticità sovversiva. Molto simile a quanto detto in precedenza Roma città aperta, Ladri di biciclette Presenta una forte attenzione ai bambini attraverso il personaggio Bruno. Per quanto riguarda i bambini nel neorealismo, sono un simbolo di speranza e ottimismo per una generazione futura che potrebbe trovare un mondo migliore di quello in cui vivono i loro genitori.

3. Riso amaro (1949)

Diretto e co-scritto da Giuseppe De Santis, Riso amaro È un film neorealista meno tipico. I suoi momenti melodrammatici, l’uso di attori professionisti e alcune scene di tipo hollywoodiano lo fanno deviare dalla formula classica dei film neorealisti. Ciò è particolarmente evidente anche visivamente Riso amaro Presenta un lavoro di ripresa molto più invadente rispetto alla maggior parte dei film neorealisti, con frequenti primi piani e movimenti di macchina che sembrano più debitori all’età d’oro di Hollywood piuttosto che allo stile documentaristico del tipico realismo italiano. Gli elaborati campi lunghi spesso mostrano grandi gruppi di donne che cantano e si muovono insieme in modo naturale, e queste scene ricordano i musical di Hollywood come quello di Mervyn Leroy. Cercatori d’oro nel 1933.

Tuttavia, la sua attenzione alle risaie piemontesi e alla vita dei lavoratori del riso ha fatto guadagnare al film un posto nel canone del neorealismo italiano. Dal punto di vista tematico, questo si adatta bene alla tradizione neorealista di concentrarsi sulla classe operaia e sull’oppressione sistemica sotto la quale vive. I lavoratori del riso sono un esempio toccante delle ingiustizie della classe operaia quanto il protagonista del romanzo Ladri di biciclette. L’attenzione del film su una serie di ladruncoli fa luce sul sistema di oppressione all’indomani della seconda guerra mondiale.

Riso amaro Il film è ambientato nel 1948, quando due ladri, Francesca (Doris Dowling) e Walter (Vittorio Gassman), si nascondono in mezzo a una folla di lavoratrici mentre si dirigono verso le risaie in provincia di Vercelli, nel nord Italia, per sfuggire alla polizia. . I due si separano presto e Francesca incontra Silvana (Silvana Mangano) che la aiuta a integrarsi con i lavoratori del riso e a trovare lavoro nelle risaie, nonostante qualche resistenza iniziale dovuta alla mancanza di documentazione adeguata. Mentre la stagione lavorativa volge al termine e Francesca sembra adattarsi a uno stile di vita più semplice, Walter riemerge con un piano per rubare grandi quantità di riso e tornare a una vita criminale.

READ  lavazza: Culinary Brands annuncia la partnership con Lavazza in India

In Riso amaroGiuseppe De Santis condivide attraverso il personaggio principale la sua visione negativa nei confronti del capitalismo americano. Ciò risale alle radici politiche del neorealismo, dove molti film commentavano il fascismo e la Seconda Guerra Mondiale, ma questa volta invece completamente immersi nel contesto del dopoguerra. Se è vero che molti film neorealisti commentano lo scenario politico dell’Italia del dopoguerra, spesso condannano il governo fascista e le sue conseguenze nel dopoguerra. in questo significato, Riso amaro È unico nella sua critica al capitalismo americano, che sembra avere una visione più ampia della politica mondiale piuttosto che concentrarsi solo sull’Italia.

Raccomandato per te: Altre guide “Da dove cominciare…”.

Il Neorealismo italiano è il movimento che ha generato alcuni dei film italiani migliori e più influenti, nonché una serie di grandi film provenienti da oltre i confini nazionali. Bong Joon Horegista vincitore dell’Oscar e della Palma d’Oro parassita“Una volta superata la barriera di un pollice dei sottotitoli”, disse una volta, “ti verranno presentati molti grandi film”. Il Neorealismo italiano è solo uno dei tanti eccellenti esempi di movimenti cinematografici europei che sono riusciti a influenzare notevolmente il cinema in tutto il mondo, rappresentando nel frattempo la loro nazione nel mondo. È anche un movimento che vale la pena esplorare per la sua estetica unica, la sua nobile attenzione alla classe operaia e la sua riflessione onesta su un momento storico che rimane di grande attualità anche oggi.

Clotilde Chenici
Ultimi post di Clotilde Chinnici (mostra tutto)