Giugno 29, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

“Crazy, crazy day”: i momenti che hanno reso un’imboscata la tappa 14 di Bora Hansgrohe

"Crazy, crazy day": i momenti che hanno reso un'imboscata la tappa 14 di Bora Hansgrohe

Non c’era dubbio che la tappa 14 sarebbe stata una giornata calda per le corse. Nel secondo sabato di gara, gli organizzatori del Giro hanno conquistato l’oro con una tappa breve ed emozionante sfruttando un circuito locale impegnativo. Simon Yates (BikeExchange-Jayco) è stato il rinnovato vincitore della tappa, mentre alle sue spalle la gara di classifica generale si è illuminata con una fonte sorprendente.

Le colline a est di Torino fornivano un grande teatro per il dramma, ma Bora Hansgrohe ha preso in mano le corse molto prima ancora che iniziassero gli ippodromi.

La squadra tedesca aveva un piano audace per tendere un’imboscata al loro avversario in classifica generale e, sebbene non abbia portato a una vittoria di tappa, il loro leader e vincitore della nona tappa Jay Hindley è balzato al secondo posto, a soli sette secondi dal nuovo leader Richard Carabaz.

“Abbiamo escogitato un piano molto audace per far luce presto e cercare di isolare altri giovani GC”, ha detto Hindley sul post. “Come avete visto, oggi la squadra è stata eccezionale, davvero ridicolmente grande. Sono deluso di non aver ottenuto la vittoria, ma i giocatori hanno dimostrato che non siamo qui per giocare. Lo hanno messo alla prova per me”.

Ecco come hanno fatto.

Yates e Hindley, i più grandi vincitori di oggi.

Round 1: All in

La lotta per la secessione è stata feroce dalla caduta della bandiera. Ancora una volta, un’altra crociata in solitaria per Mathieu van der Poel si è chiusa – o meglio una volta seduto – tutti, compresi due corridori di Bora Hansgrohe, hanno voluto prendere parte allo spostamento e Peloton sembrava inesorabilmente insoddisfatto delle varie formazioni.

La formazione di fuga ha impiegato circa 50 km, ma hanno goduto di meno di un’ora di libertà prima che Bora-Hansgrohe mettesse in atto il loro piano. A prima vista sembrava strano visto che Ben Zuehoff era nel gruppo di testa, ma presto il loro obiettivo è diventato chiaro.

READ  Fendi ha aperto gli spettacoli di Milano con la gioia della discoteca e delle farfalle al Ferretti

Il contatore ha mostrato che mancavano ancora 85 km di gara quando Giovanni Allotti è stato presentato come vittima del doppio colpo di testa in classifica generale di Hindley ed Emmanuel Buchmann. Il 22enne italiano è stato il primo uomo della formazione Bora-Hansgrohe a prendere il gruppo (da Ineos Grenadiers) e quasi da solo ha ridotto il vantaggio di break da tre minuti a 30 secondi in un breve oltre 10 km.

Elliot ha troppa pasta nella fase 14.

Con Leonard Kamna il prossimo in linea e Zhuehoff che torna ad aiutare, Bora-Hansgrohe ha soffiato via i chicchi. Mikel Landa (Bahrain-Victorius), Joao Almeida (UAE Team Emirates) e Juan Pedro Lopez (Trek Segafredo) si sono allontanati brevemente, mentre Guillaume Martin (Cofidis), Thimen Arínsmen (DSM) e Alejandro Valverde (Movistar) sono stati tra i più grandi. Vittime dell’agguato.

Secondo round: le stelle prendono il sopravvento sul palco

Quelli di noi che negli ultimi anni erano soliti guardare i Grand Tour sono abituati a vedere Movistar e le varie iterazioni degli Ineos Grenadiers gareggiare in classifica generale, ma erano le due squadre sottorappresentate quando la Fase 14 è entrata nel loro turno finale.

All’ultimo giro, Wilko Kieldermann era ancora in testa al gruppo di 12 uomini, con Landa e Bozovovo gli unici altri leader su cui un compagno di squadra faceva affidamento.

Bora Hansgrohe ha preso il sopravvento.

“Wilco continua a dire che non sta andando abbastanza bene, ma il suo editoriale sì”, ha detto Enrico Gasparotto, ex corridore professionista e attuale direttore sportivo del Bora Hansgrohe. “Il piano non era dividere il gruppo in discesa, stavamo pensando alla prima salita a Subuga, quindi in realtà è arrivata un po’ prima del previsto”.

READ  Il ristorante italiano di Vic con un locale jazz dal vivo si dirige al Symphony Park all'inizio del 2022.

Quando la giornata di Kielderman finì, toccava ai candidati e Carapaz non aspettava. Tuttavia, l’accelerazione del campione olimpico è stata facilmente eguagliata da Hindley che sembrava ancora incredibilmente riposato.

È abbastanza chiaro che Hindley è tornato in una forma piuttosto avvincente in questa stagione.

Il giovane australiano ha dimostrato ancora una volta il suo fenomenale ritorno al livello con un’abile cavalcata sulla Saperga, la salita più lunga della giornata, scambiando l’accelerazione con il compagno di squadra Buchmann. Il marito di Bora sembrava incrollabile, e fu solo quando Karapaz lo avvertì del vento con un enorme attacco vicino alla cima, che rimasero indietro.

“Non sapevo se lo fosse [Carapaz] “Stava facendo facce in Superga o meno, ma non sembrava molto forte, quindi sono rimasto piuttosto sorpreso quando ha lanciato quell’attacco”, ha detto Hindley. “Pensavo che fosse ancora una lunga strada da percorrere con quest’ultima ripida salita, quindi ho aspettato e sii paziente. Posso guidare un bel po’ con il gruppo e posso risparmiare molte energie rispetto ad uscire da solo”.

Era una giornata calda e affamata.

Terzo round: il lotto finale

Carapaz ha condotto la gara al ripido Colle della Maddalena, ma i suoi rivali erano a meno di 30 secondi.

A 15 km dalla fine, Nibali ha attaccato i suoi compagni inseguitori ai piedi della salita, il pendio più alto, e Hindley dopo il vincitore multiplo del Grand Tour sembrava facile mentre afferrava la ruota di Nibali.

“Sapevo che la mia freccetta stava andando abbastanza bene e sapevo che avrebbe provato qualcosa nell’ultima salita, quindi stavo solo aspettando e quando se n’era andato, ho continuato”, ha detto Hindley. “Abbiamo ridotto il divario molto velocemente e poi è arrivato quel folle atterraggio alla fine. È stato davvero folle, era come una gara di un giorno o qualcosa del genere”.

READ  Miley Cyrus, Jared Leto, Billie Eilish e altri si candidano al LACMA Art + Film Gala

I due sembravano aver dimezzato la loro debolezza con la loro accelerazione iniziale, e quando erano a circa 10 secondi dal davanti, Hindley lasciò Nibali dietro.

Adoriamo questa atmosfera di Jay Jiro.

Alla fine, Yates e Nabali si sarebbero uniti ai due leader e avrebbero guidato il quad insieme fino all’ultima scalata non classificata, mentre il britannico ha lanciato il suo passo per vincere la gara.

15 secondi dopo che Yates ha tagliato il traguardo, Hindley ha superato Carapaz per finire secondo, riducendo il suo ritardo al nuovo leader della gara.

Hindley si precipita al secondo, davanti a Carapaz che passa alla Maglia Rosa.

Dopo 14 tappe, Bora-Hansgrohe è in rosa. Non solo è una delle due squadre con più di un corridore nella top 10, sia Hindley che Bushman a due minuti dalla maglia rosa, ma hanno anche vinto due tappe a loro nome, da Kamna e Hindley.

Il lavoro della squadra nella tappa di sabato da Santina a Torino ha avuto un grande impatto sulla gara, sia in termini reali che in termini di intrattenimento. Ma lanciare l’offensiva troppo presto domenica con una tappa in montagna di 178 chilometri era un po’ rischioso.

Poi ancora, è probabile che Bora-Hansgrohe possa contare sugli Ineos Grenadiers per il ritorno alle impostazioni di fabbrica per il nuovo leader della corsa Carapaz.

“Avevamo un piano all’inizio della giornata, ma Bora ci ha sorpreso”, ha ammesso Carapaz dopo la tappa. “Domani sarà molto diverso. Le salite saranno più lunghe e dovremo difendere la Maglia Rosa”.