Febbraio 6, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

COVID, RSV e influenza: un trio di virus respiratori sta tassando gli ospedali di tutto il paese


Los Angeles
Cnn

In tutto il paese, gli operatori sanitari in overflow stanno lottando per riprendere fiato mentre gli ospedali si riempiono di pazienti in difficoltà Trifecta di malattie respiratorie – Covid-19, RSV e influenza.

“Abbiamo assistito a un reale aumento dei casi… soprattutto dal Ringraziamento”, ha dichiarato il dottor Christopher Longhurst, direttore medico presso l’UCSD Health, aggiungendo che l’ospedale sta affrontando un picco di problemi respiratori. “Covid è aumentato. L’influenza è aumentata e anche altri virus respiratori sono aumentati. ”

La situazione è molto difficile all’UC San Diego Health e l’ospedale ha dovuto fare spazio per il triage dei pazienti allestendo tende nei parcheggi e utilizzando altri spazi non convenzionali. Anche i corridoi del pronto soccorso sono pieni di posti letto temporanei per i pazienti ricoverati ma in attesa di letti d’ospedale.

“Non abbiamo dovuto riconfigurare lo spazio della sala conferenze per l’assistenza ai pazienti anche durante la pandemia di Covid”, ha affermato Longhurst, il quale ha spiegato che l’UC San Diego Health ha visto tanti pazienti Covid quanti pazienti con altri virus respiratori. “Questi sono tempi davvero senza precedenti”.

La scorsa settimana, gli ospedali di tutto il paese erano a pieno regime durante la pandemia, raggiungendo l’80% della capacità, che rappresenta un salto di 8 punti percentuali in due settimane. Questo è anche il livello più alto dall’impennata di Omicron a gennaio. Questa settimana, la capacità dell’ospedale è leggermente migliorata.

Mentre RSV sembra aver raggiunto il picco negli Stati Uniti, le infezioni da Covid e influenza sono in aumento.

Tutti gli stati tranne sette soffrono alti o molto alti attività del virus respiratorioSecondo i Centers for Disease Control and Prevention. Il CDC consiglia alle persone nelle aree con alti livelli comunitari di Covid-19 di indossare una maschera.

READ  La scoperta di un cimitero gigantesco contiene scheletri rari - RT UK News

L ‘”aumento estremo e rapido” di RSV da ottobre a novembre è stato probabilmente “il maggior numero di RSV che abbiamo visto negli ultimi dieci anni”, ha affermato il dott. Jeff Smith, vicepresidente esecutivo e direttore operativo delle operazioni ospedaliere presso Cedars-Sinai Medical Centro di Los Angeles.

“E ora abbiamo visto un rapido declino (in RSV)”, ha detto Smith. “Ciò si è sovrapposto all’aumento del Covid, che è avvenuto un po’ più lentamente e un po’ più tardi, e poi ora si è sovrapposto a questo rapidissimo aumento dell’influenza”.

Tuttavia, la corsa di questo triplo virus non è ancora così grave come il Covid durante il culmine della pandemia.

ha affermato il dottor Edward Jones-Lopez, specialista in malattie infettive presso la Keck Medicine della University of Southern California.

“Sfortunatamente, c’è ancora circa un terzo del paese… dove, nonostante tutte le prove di sicurezza ed efficacia, le persone non vengono ancora vaccinate”, ha detto.

Esistono vaccini sia per Covid che per influenza, ma non per RSV. Tutti e tre i virus presentano sintomi molto simili – febbre, tosse e sintomi delle vie respiratorie superiori – quindi sono necessari test per identificare la malattia e raccomandare il trattamento.

Solo perché un paziente ha un virus non significa che non possa contrarre anche gli altri due virus.

“Ho visto un caso di tre infortuni accadere allo stesso tempo”, ha detto Jones-Lopez. “Questi sono virus indipendenti che possono infettare lo stesso individuo, e ovviamente più virus hai, più infezioni hai… più è probabile che uno di loro abbia una malattia più grave.”

I mandati di maschera non sono ancora tornati, ma i picchi di virus a New York, Los Angeles e Seattle hanno spinto i dipartimenti sanitari a raccomandare alle persone di mascherarsi in spazi chiusi e in mezzo alla folla.

READ  Perché milioni di zanzare geneticamente modificate potrebbero essere rilasciate negli Stati Uniti

Ma Anche gli amici e la famiglia si riuniscono questo meseI funzionari sanitari sono preoccupati.

“Raccomanderei sicuramente che se sei anziano o hai una malattia che ti rende immunocompromesso o particolarmente suscettibile alle infezioni, incoraggerei a indossare una maschera ora”, ha affermato Smith del Cedars-Sinai Medical Center. “È la migliore protezione che abbiamo per tutti gli altri coinvolti nella trasmissione”.

Oppure, come dice Longhurst, “Indossa una maschera durante le festività natalizie e non baciare quei bambini malati”.