Giugno 19, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

COVID, influenza, raffreddore comune e RSV: possono colpirti più di uno contemporaneamente? : scatti

COVID, influenza, raffreddore comune e RSV: possono colpirti più di uno contemporaneamente?  : scatti

Con i virus COVID, influenza e raffreddore che si sono diffusi così ampiamente questo inverno, i ricercatori hanno esaminato la possibilità di contrarre più di un virus contemporaneamente.

Nathan Howard / AP


Nascondi didascalia

Cambia didascalia

Nathan Howard / AP

Con i virus COVID, influenza e raffreddore che si sono diffusi così ampiamente questo inverno, i ricercatori hanno esaminato la possibilità di contrarre più di un virus contemporaneamente.

Nathan Howard / AP

Se sei come la maggior parte degli americani, qualcuno nella tua famiglia o cerchia sociale ora è malato di COVID, influenza, raffreddore o RSV. Con ondate di malattie che colpiscono molte famiglie, alcuni si chiedono: potrei aver contratto più di uno di questi germi contemporaneamente?

Risposta: Sì, può succedere. Ci sono molte prove che le persone risultano positive, ad esempio, a COVID e influenza o influenza e RSV contemporaneamente.

dice d. Tina TanÈ specializzato in malattie infettive pediatriche presso la Northwestern University.

“Abbiamo avuto bambini che in realtà avevano tre virus diversi. Alcuni di loro sono entrati con RSV. Hanno anche avuto influenza ed enterovirus. Altri bambini hanno avuto COVID e influenza.”

Il rischio di infezioni multiple è particolarmente alto quest’anno perché così tanti virus stanno crescendo insieme.

“È una specie di tempesta perfetta per le co-infezioni”, afferma Tan.

Non è chiaro quanto spesso ciò accada perché la maggior parte dei test per questo genere di cose viene eseguita su pazienti in ospedale, che probabilmente non sono rappresentativi del pubblico in generale. Ma alcuni studi hanno riscontrato una coinfezione fino al 20% di questi pazienti.

READ  Il 25% dei ricoverati in ospedale con COVID-19 in Iowa è vaccinato

Tuttavia, il rischio non sembra essere lo stesso per tutti. I bambini sembrano avere maggiori probabilità di essere morsi da un insetto sopra l’altro, dicono i ricercatori, specialmente i bambini molto piccoli.

“Circa il 20% dei bambini di età inferiore ai sei mesi ricoverati in ospedale con l’influenza ha sviluppato una coinfezione con il virus respiratorio sinciziale”, afferma il dott. Shikha Garg, epidemiologo medico presso i Centers for Disease Control and Prevention. Questo numero scende a circa il 13% per i bambini tra i sei mesi ei due anni e meno del 5% per i bambini dai 5 anni in su.

Il motivo per cui i bambini sono più suscettibili alla co-infezione non è chiaro, ma ci sono teorie.

“Potrebbe essere solo perché sono costantemente esposti a infezioni respiratorie”, dice Amanda Jaimesonche studia i virus alla Brown University. “Ma è anche possibile che i sistemi immunitari non abbiano sviluppato l’immunità che hanno le persone anziane”.

Tuttavia, la coinfezione può verificarsi a qualsiasi età, specialmente tra gli anziani e altri con un sistema immunitario indebolito.

Allo stesso tempo, ci sono prove crescenti che le co-infezioni possono essere più pericolose del semplice contrarre un virus alla volta. In effetti, un nuovo studio dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) pubblicato mercoledì rileva che è così.

studio che era Pubblicato sulla rivista PediatriaE Più di 4.000 bambini ricoverati hanno scoperto che coloro che hanno contratto il COVID in aggiunta a un altro virus, come un virus del raffreddore, avevano molte più probabilità di ricevere ossigeno per aiutarli a respirare e alla fine avevano bisogno di cure intensive.

“Abbiamo scoperto che i bambini di età inferiore ai cinque anni hanno il doppio delle probabilità di sviluppare una malattia grave quando ne sono affetti [<co-infection] rispetto a quando c’erano solo infezioni da SARS-CoV2 “, afferma il dott. Nicholas Agathis, MD, pediatra e ufficiale medico presso il CDC. che ha condotto lo studio. “I bambini di età inferiore ai due anni che avevano l’RSV avevano maggiori probabilità di ammalarsi gravemente rispetto ai bambini che avevano appena avuto il COVID e non avevano anche l’RSV”.

READ  Come stare al sicuro dal COVID durante le festività natalizie

I risultati sottolineano l’importanza di testare i pazienti ospedalizzati con infezioni respiratorie per garantire che ricevano cure adeguate, afferma Agathis.

Non è chiaro perché la co-infezione sia più grave, ma potrebbe essere perché più infezioni causano più infiammazione e perché diversi virus respiratori danneggiano i polmoni in modi diversi.

dice d. William Schaffnerspecialista in malattie infettive presso la Vanderbilt University.

La cosa migliore che le persone possono fare per ridurre il rischio sono tutte le cose che le persone hanno fatto negli ultimi anni per proteggersi dalle infezioni durante una pandemia: farsi vaccinare sia contro il COVID che contro l’influenza; Lavarsi spesso le mani e indossare la mascherina nei luoghi affollati e poco ventilati e in prossimità di persone malate.

“Ottenere vaccini contro l’influenza e SARS-CoV2 e rimanere aggiornati è fondamentale per proteggere i bambini, la comunità e i membri della famiglia”, afferma la dott.ssa Fiona Havers, epidemiologa medica presso il CDC. “Stare a casa quando si è malati è molto importante”.