Maggio 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

COVID aggrava l’asma nei bambini; Il booster post-infortunio non è utile contro Ommicron

Scritto da Nancy Lapid

(Reuters) – Ecco una sintesi di alcuni recenti studi sul COVID-19. Includono ricerche che richiedono ulteriori studi per confermare i risultati e che non sono state ancora approvate dalla revisione tra pari.

Il COVID-19 aggrava l’asma nei bambini

I medici hanno avvertito che l’asma nei bambini può peggiorare dopo l’infezione con il virus Corona.

Hanno studiato quasi 62.000 bambini americani con asma sottoposti a test PCR per il virus nel primo anno dell’epidemia, inclusi più di 7.700 risultati positivi. In pratica, i ricercatori hanno riportato nel Journal of Allergy and Clinical Immunology: In pratica, i bambini affetti hanno avuto un numero significativamente maggiore di visite per asma, ricoveri, uso di inalatori di emergenza e trattamenti con steroidi durante i sei mesi successivi alla malattia, rispetto ai bambini con un risultato negativo del test e storia precedente. https://www.jaci-inpractice.org/article/S2213-2198(22)00360-9/fulltext. I bambini risultati positivi al virus “hanno migliorato il controllo dell’asma per i prossimi sei mesi, il che significa meno visite al pronto soccorso e ricoveri per l’asma e meno cure per l’asma”, ha affermato la dott.ssa Kristen Chu di Children’s Health di Orange County, in California.

Ha detto che i risultati di studi precedenti che mostravano un migliore controllo dell’asma nella prima parte dell’epidemia erano probabilmente il risultato di misure di salute pubblica come stare a casa e andare sotto copertura, che limitavano l’esposizione ai fattori scatenanti dell’asma. Chu ha aggiunto che, nonostante l’impressione generale che i bambini con asma si siano comportati bene durante il primo anno dell’epidemia, il nuovo studio mostra “i danni a lungo termine del COVID al controllo dell’asma nei bambini”.

Il booster post-infortunio aggiunge pochi benefici extra rispetto a Omicron

READ  Gli scienziati suggeriscono che il tirannosauro avesse tre specie, non solo "Rex"

Tra le persone precedentemente infettate dal coronavirus, una terza dose del vaccino mRNA di Pfizer/BioNTech o Moderna potrebbe non migliorare la loro protezione contro la variante Omicron del virus, secondo nuovi dati.

I ricercatori hanno studiato quasi 130.000 persone testate per COVID in Connecticut da novembre 2021 a gennaio 2022, di cui 10.676 con infezioni da Omicron. Circa il 6%-8% è stato infettato da versioni precedenti del coronavirus, secondo un rapporto pubblicato su medRxiv https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2022.04.19.22274056v3 prima della revisione tra pari. Margaret Lind della Yale University ha affermato che due dosi del vaccino mRNA hanno aiutato a proteggere dall’omicron tra le persone con precedenti infezioni, ma “non abbiamo riscontrato un ulteriore vantaggio nel ricevere una terza dose di richiamo in questa popolazione”.

Uno studio separato dal Canada, pubblicato anche su medRxiv https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2022.04.29.22274455v1 prima della revisione tra pari, ha rilevato che più di due dosi del vaccino “possono avere un valore aggiuntivo marginale” per proteggere le persone colpite In precedenza contro Omicron. Il messaggio, ha detto Lind, “dovrebbe essere (1) che le persone dovrebbero ricevere due dosi del vaccino mRNA indipendentemente dal fatto che abbiano avuto o meno un’infezione precedente, che (2) le persone che non hanno avuto un’infezione precedente dovrebbero ricevere un richiamo dose e che ( 3)) Le persone con una precedente infezione dovrebbero prendere in considerazione una dose di richiamo, soprattutto se si trovano in un gruppo ad alto rischio di complicazioni potenzialmente letali, ma essere consapevoli del fatto che potrebbe non fornire una protezione aggiuntiva significativa contro l’infezione al di sopra di due dosi. “

READ  Una spaventosa estinzione di massa è avvenuta 30 milioni di anni fa e l'abbiamo appena notato

Fare clic per un grafico Reuters https://tmsnrt.rs/3c7R3Bl sui vaccini in fase di sviluppo.

(Segnalazione di Nancy Lapid; Montaggio di Bill Bercrot)