Dicembre 7, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Cos’è Striketober? Gli americani sono stufi e lasciano il lavoro – e sono più propensi a seguirli

Negli Stati Uniti, decine di migliaia di lavoratori sono in sciopero organizzati durante una delle rivolte industriali più visibili degli ultimi decenni.

Nel mese di ottobre, gli scioperi erano così diffusi che alcuni critici lo chiamavano “Striketober Month”, un acronimo colorato per Dozens of Strikes che ha il proprio hashtag.

Dall’inizio del mese:

Scarica

Mercoledì, questi lavoratori – insieme a molti altri del reparto produzione – si sono uniti alle aule in prima linea nella pandemia, Dipendenti McDonald’s in almeno 10 città degli Stati Uniti che sono indignati per la continua cattiva gestione delle accuse di violenza sessuale da parte del gigante del fast food.

Scarica

Le richieste dei lavoratori variano a seconda dei settori e dei luoghi di lavoro.

Tuttavia, posti di lavoro sempre più precari e salari stagnanti, uniti allo stress di una pandemia che ha ucciso quasi 750.000 americani, stanno alimentando un’urgente spinta al cambiamento.

Ha detto la dottoressa Kate Bronfenbrenner, ricercatrice del lavoro presso la Cornell University.

“Si chiedono, per cosa?” Cosa ci hanno guadagnato e “ne è valsa la pena?”

L’epidemia ha lasciato i lavoratori esausti e stufi

Il movimento radicale, che dovrebbe continuare dopo lo scorso ottobre, è già stato paragonato alle proteste di Occupy Wall Street dopo la crisi finanziaria globale del 2008.

Mappa degli scioperi online È gestito da una coalizione nazionale di sindacati che è attualmente in fermento con attività – questo copre solo le procedure industriali formali.

L’elenco non tiene conto di altre forme di invocazione spontanea che avvengono tramite WhatsApp, TikTok, Instagram e altro ancora.

READ  Le vittime della sparatoria a Plymouth sono la madre del killer, una bambina di tre anni

“[People] “Stanno ancora lottando per sbarcare il lunario”, ha detto il dottor Bronfenbrenner.

“Non c’è nessuno da incolpare per questo, ma le aziende stesse”.

Un uomo che tiene un pezzo di cartone per un amuleto di leone con esso "sono avido" scritto sopra
I lavoratori di Kellogg hanno lasciato il lavoro a causa della proposta introduzione di un sistema salariale a due livelli. (Reuters: Alyssa Keown)

La prima azione su vasta scala dello Striketober fu al mulino di grano di Kellogg.

Il 5 ottobre, i lavoratori delle fabbriche in diversi stati hanno scelto di combattere un controverso sistema salariale a due livelli scioperando.

Secondo gli scioperanti, il sistema priverà i dipendenti attuali e futuri di benefici.

“Penso che i lavoratori sentano una nuova influenza in questo momento, soprattutto uscendo dalla pandemia in cui sono stati descritti come essenziali, piuttosto che visti come consumatori”, ha affermato Corina Christensen, portavoce del sindacato che rappresenta i lavoratori.

“Stanno prendendo la decisione che non si accontenteranno di niente di meno”.

Diversi politici democratici hanno espresso sostegno allo sciopero, incluso il senatore progressista Bernie Sanders.

Scarica

In una dichiarazione, un portavoce di Kellogg ha affermato che la società era desiderosa di negoziare con i lavoratori e li ha incoraggiati a tornare al lavoro.

“Apprezziamo tutti i nostri dipendenti e apprezziamo i loro sforzi, specialmente durante questa pandemia globale”, ha affermato il portavoce.

Mettere in chiaro le priorità degli americani

Il senatore Sanders ei suoi colleghi progressisti non erano gli unici dietro i sindacati.

Il presidente Joe Biden finora promette di essere uno dei presidenti più sindacali della storia.

Ha ripetutamente affermato che i sindacati hanno “costruito la classe media” e hanno persino lanciato una task force dedicata a rafforzare la loro appartenenza.

Joe Biden indossa una maschera con le braccia incrociate accanto a un uomo con una giacca alta
Joe Biden ha espresso il suo sostegno al movimento sindacale. (Reuters: Evelyn Hochstein)

In effetti, il 68% degli americani ora dice d’accordo con i sindacati, Secondo un sondaggio di settembre, il numero più alto dal 1965.

Nonostante il rinnovato interesse per il movimento sindacale, l’America ha passato mesi nel dolore A causa dell’evidente carenza di lavoratori e del rallentamento della crescita economica.

“Penso che stiamo dimenticando che è in corso una pandemia”, ha detto Christopher R. Martin, autore e professore di giornalismo alla Northern Iowa University.

Tra questi, ha osservato Martin, ci sono luoghi di lavoro pericolosi, traumi con 18 mesi di ritardo, una persistente mancanza di opzioni per l’assistenza all’infanzia e la spiegazione più semplice di tutte: alcuni di coloro che possono, preferiscono lavorare da casa.

Nel solo agosto, 4,3 milioni di circa 160 milioni di lavoratori americani hanno lasciato il lavoro, Secondo le statistiche dell’Ufficio del lavoro degli Stati Uniti.

La cosiddetta “Grande Rassegna” può indicare un cambiamento più profondo nella psiche nazionale, al di là delle opportunità di un mercato del lavoro ristretto.

“I colpi sono sempre stati la cosa più facile da coprire perché è così, così ovvio cosa sta succedendo”, ha detto Martin.

“laggiù [are] Ci sono due parti e c’è conflitto, quindi è davvero una bella storia. Ma, penso, ci sono davvero delle belle storie da raccontare al di là dei colpi”.