Maggio 17, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Cos’è MegaFlash Lightning? Lo vedremo in Australia?

Il radar meteorologico era pieno di arancione, rosso e viola macchie Negli ultimi mesi, forti tempeste si sono verificate in tutta l’Australia.

Oltre alle inondazioni e ai venti forti, le nuvole temporalesche nere e arrabbiate possono anche produrre spettacoli di luci sbalorditivi e pericolosi.

Le tempeste possono essere così intense che un singolo lampo può estendersi per centinaia di chilometri di cielo e durare diversi secondi, se le condizioni sono favorevoli.

Questo fenomeno è noto come megaflash.

Secondo l’Organizzazione meteorologica mondiale (OMM), il record per la distanza più lunga percorsa da un fulmine va agli Stati Uniti.

Caricamento in corso

Nell’aprile 2020, un solo lampo ha illuminato il cielo per 768 chilometri in tre stati del sud, hanno riferito in Bollettino della Società meteorologica americana questa settimana.

Si tratta di 60 chilometri in più rispetto al precedente record stabilito in Brasile nel 2018.

Il Sud America è un punto caldo per i fulmini, battendo il record per il flash più lungo diretto a una tempesta che si è sviluppata sull’Uruguay e sull’Argentina settentrionale nel giugno 2020.

Il colpo è durato circa 17 secondi, ovvero circa 0,37 secondi in più rispetto al precedente lampo in Argentina un anno fa.

“Si tratta di record eccezionali da un singolo fulmine”, ha affermato il professor Randall Cervini dell’Organizzazione meteorologica mondiale.

Quindi quali condizioni sono necessarie per creare il mega flash? Li vedremo in Australia?

Diamo un’occhiata più da vicino (ma non troppo presto, ci arriveremo alla fine).

Cos’è il fulmine?

Il fulmine si verifica quando l’energia si muove tra un’area di carica elettrica positiva e una carica elettrica negativa.

READ  Papà non riesce a nascondere la sua delusione alla festa di rivelazione del genere dopo aver scoperto che aspetta una terza figlia

Quando i cristalli di ghiaccio vibrano nelle nuvole temporalesche, la parte superiore della nuvola si carica positivamente e la parte inferiore si carica negativamente.

Illustrazione di fulmini e nuvole
Come vengono create le cariche di fulmine?(In dotazione: Ufficio di meteorologia)

I due tipi più comuni di fulmini sono nuvola-terra e nuvola-nuvola, spiega Joshua Soderholm, uno scienziato dei temporali al Met Office.

Cloud to Earth – quello che di solito chiamiamo fulmine biforcuto, è il tipo più pericoloso di fulmine.

Succede quando un fulmine di energia entra in contatto con il suolo per produrre il lampo luminoso che vediamo.

Fulmine su Newman nell'Australia occidentale
Il fulmine da nuvola a terra, visto qui sopra Newman nell’Australia occidentale, è il più pericoloso.(James Curry collaboratore di ABC Open)

“Puoi avere colori diversi a seconda dell’atmosfera … e puoi avere più tratti nella stessa scarica”, ha detto il dottor Soderholm.

I fulmini da nuvola a nuvola si verificano allo stesso modo, tranne per il fatto che la carica si sposta tra diverse regioni cariche nelle nuvole o nell’atmosfera.

“Questo è più comune dei fulmini da nuvola a terra, ma non ci colpisce molto sulla Terra”.

carta fulminea
Foglia – o dentro la nuvola – l’illuminazione accende una nuvola, ma non si vedono viti.(Wikimedia Commons: Jesse Eastland)

Da nuvola a nuvola può apparire come un fulmine (le nuvole si illuminano con un lampo ma il fulmine è nascosto all’interno della nuvola o troppo lontano dalla vista) o come un’illuminazione rampicante.

Fulmini rampicanti si inarcano attraverso la cima della nuvola come rami di un albero.

“I fulmini striscianti sono responsabili dell’enorme lampo”, ha detto il dottor Soderholm.

Quindi, come viene creato il megaflash?

L'immagine satellitare mostra un'ombreggiatura blu e viola sugli Stati Uniti, che rappresenta un fulmine
Il fulmine più lungo del mondo ha illuminato il cielo di 768 km attraverso Mississippi, Louisiana e Texas.(NOAA tramite AP)

Il dottor Soderholm ha affermato che il lampo massiccio da record è stato creato in un gigantesco modello meteorologico noto come sistema convettivo di media scala.