Ottobre 6, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Cosa sarebbe diverso dalle elezioni anticipate in Italia?

Salvo sorprese, l’Italia è sulla buona strada per ottenere il suo primo primo ministro di estrema destra, dopo il crollo del governo del presidente del Consiglio Mario Draghi. Le elezioni sono previste per domenica, le prime dopo l’adozione degli emendamenti costituzionali che hanno ridotto le dimensioni delle due camere del parlamento. Inoltre, è la terza economia dell’eurozona – e una delle più indebitate – alle prese con le ricadute degli alti prezzi dell’energia, degli alti tassi di interesse e dell’invasione russa dell’Ucraina.

Una coalizione di destra guidata dai Fratelli Giorgia Meloni di estrema destra, che comprende anche la Lega di Matteo Salvini e Forza Italia di Silvio Berlusconi, ha fatto cadere il governo Draghi. Se il blocco vincesse, Meloni potrebbe diventare la prima donna premier italiana. Il Pd dell’ex presidente del Consiglio Enrico Letta è in competizione con alleati minori del centro e della sinistra, mentre il Movimento 5 Stelle anti-establishment lavora da solo. C’è anche una coalizione centrista di ex democratici.

2. Quando sapremo i risultati?

Le urne si chiudono alle 23:00 ora locale e le urne verranno pubblicate immediatamente, con previsioni più accurate per i seggi che emergeranno durante la notte. Il Parlamento si riunirà il 13 ottobre per eleggere i suoi presidenti. Dopodiché, inizia ufficialmente il processo di formazione del nuovo governo. Draghi rimarrà presidente del Consiglio ad interim fino alla formazione del nuovo governo, possibilmente nella seconda metà di ottobre.

3. Cosa c’è di diverso in queste elezioni?

Le riforme costituzionali approvate con un referendum nel 2020 hanno ridotto il numero dei senatori da 315 a 200 e i rappresentanti da 630 a 400. Di conseguenza, i collegi elettorali sono stati riprogrammati e ampliati. Circa il 37% dei seggi sarà assegnato ai candidati di partito con il maggior sostegno nei collegi elettorali, mentre il resto sarà assegnato in proporzione al numero di voti che riceveranno a livello nazionale. Il sistema incoraggia i partiti a formare coalizioni perché ciò aumenta le loro possibilità di vincere i primi posti. I partiti devono raggiungere il 3% dei voti per qualificarsi per seggi di rappresentanza proporzionale e le coalizioni il 10%. La campagna ha coinciso con la stagione delle vacanze estive, una programmazione che è stata evitata nel secolo scorso, principalmente a causa della necessità di approvare il budget annuale entro la metà dell’autunno. I funzionari sono stati impegnati a preparare nuove proiezioni di crescita, debito e disavanzo come parte di un breve bilancio che deve essere pubblicato entro pochi giorni dal voto del governo uscente Draghi.

READ  I clienti aspettano ore per l'ultimo pasto italiano presso Lo Sole Mio a Omaha prima di chiudere

4. Qual è la differenza tra Camera dei Deputati e Senato?

Secondo la costituzione italiana, le due Camere hanno uguali poteri e nominano il primo ministro ed entrambe devono approvare tutta la legislazione. I leader del partito di solito si candidano per un seggio al Senato, il cui presidente è il secondo più alto funzionario del paese. Una recente modifica costituzionale ha abbassato l’età minima per votare per i senatori da 25 a 18 anni, per portarla in linea con la camera bassa, chiamata camera bassa. I candidati devono avere almeno 40 anni per essere eletti Senatori e almeno 25 anni per essere eletti Rappresentanti.

5. Come viene selezionato il Primo Ministro?

Il primo ministro è nominato dal presidente, il cui ruolo di capo di stato è prevalentemente cerimoniale, previa consultazione con i partiti politici. In pratica, la coalizione che vince le elezioni determina chi dovrebbe essere la persona. Quindi sceglie i ministri (anch’essi formalmente nominati o revocati dal presidente) per formare un governo, che richiede un voto di fiducia da parte del Parlamento entro 10 giorni dalla sua prima sessione. Se non c’è un vincitore assoluto delle elezioni, il presidente può dare un mandato condizionale a qualcuno che crede possa raccogliere un sostegno sufficiente per formare un governo di unità o un’ampia coalizione. Se nessuno riesce a ottenere la maggioranza, il presidente può sciogliere il parlamento e indire nuove elezioni, anche se ciò sarebbe senza precedenti.

6. Perché la politica italiana era così instabile?

Il Paese era profondamente frammentato, con lealtà divise tra molti partiti – più di 20 dei quali sono rappresentati nella legislatura uscente. Molti di loro avevano ideologie simili ma differivano su chi avrebbe ottenuto posizioni di leadership chiave. Le coalizioni sono spesso composte da tre o più partiti e sono notoriamente instabili. Anche il cambio di partito è comune, con oltre 400 deputati e senatori che hanno cambiato alleanza dal 2018. Five Star, un tempo la più grande forza politica del paese, ha visto il suo numero di deputati alla Camera diminuire di oltre la metà dal voto precedente.

READ  Fia Steak serve una bistecca secca di ispirazione italiana a Santa Monica

Altre storie come questa sono disponibili su bloomberg.com