Maggio 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Cosa sappiamo finora dell’attacco di Vladimir Putin?

La Russia ha dichiarato guerra all’Ucraina e ha lanciato una grande offensiva da tre parti in quello che secondo i leader mondiali potrebbe diventare il più grande conflitto europeo dalla seconda guerra mondiale. Giovedì EDT, pochi minuti dopo che il presidente russo Vladimir Putin è apparso alla televisione di stato per annunciare una “operazione militare speciale”, le esplosioni hanno infranto la calma prima dell’alba nella capitale ucraina, Kiev, così come nella sua seconda città più grande, Kharkiv, nelle vicinanze. al confine con la Russia a nord-est.

Al momento in cui scrivo, le forze russe hanno sparato missili contro diverse città e centri militari ucraini, sbarcato truppe sulla costa meridionale del Mar Nero e catturato la centrale nucleare di Chernobyl chiusa, con più truppe sparse attraverso i confini settentrionali con la Russia e Bielorussia. Diversi civili e soldati ucraini sono già stati uccisi e l’Ucraina ha promesso di combattere per fermare la “caduta della nuova cortina di ferro” in Europa, mentre una nuova ondata di attacchi informatici colpisce il paese.

I leader occidentali si stanno muovendo per inviare aiuti all’Ucraina e imporre sanzioni più severe alla Russia, mentre i paesi della NATO potenziano le loro forze aeree, terrestri e navali nell’Europa orientale e i russi scendono in piazza a casa per protestare contro la guerra con i loro vicini.

credito:.

Dove sono i principali campi di battaglia?

Finora, l’attacco è stato condotto come una mossa “a tenaglia” di cui i funzionari occidentali avevano messo in guardia, colpendo da nord, est e sud con molte persone in fuga a ovest. Razzi e granate sono piovuti in tutta l’Ucraina, comprese le città di Odessa a sud e Mariupol a est (Maripol è a soli 20 chilometri dalla lunga linea del fronte tra soldati ucraini e separatisti sostenuti dalla Russia). Martial Law ha mobilitato le sue forze armate, comprese le milizie civili, poiché resiste a uno dei più grandi eserciti del mondo.

Le forze d’invasione stanno marciando attraverso il confine a nord con la Russia e il suo alleato Bielorussia (dove la Russia ha ammassato truppe), ma mercoledì mattina le forze ucraine hanno ripreso il controllo di un aeroporto vicino a Kiev: la capitale è un premio importante per Putin in quanto luogo di nascita della cultura ucraina e russa. Altre truppe sono chiamate a difendere la città e la Marina ucraina sta difendendo basi e porti nel Mar Nero.

READ  L'OMS sollecita la cooperazione nelle indagini sull'origine del COVID-19 dopo che la Cina ha respinto il piano di indagine

Gli osservatori dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica hanno espresso preoccupazione per gli intensi combattimenti nella centrale nucleare di Chernobyl vicino al confine bielorusso durante la notte, luogo del catastrofico disastro nucleare del 1986. Le forze russe hanno ora il controllo dell’area.

Caricamento in corso

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato mercoledì che 137 civili e militari sono stati uccisi il primo giorno dell’invasione. Li ha chiamati eroi e ha criticato l’affermazione della Russia secondo cui prende di mira solo le risorse militari. “Stanno uccidendo persone e trasformando città pacifiche in obiettivi militari”, ha detto.

Ha detto che i gruppi di sabotaggio russi sono entrati a Kiev in cerca di leader politici e lo stesso Zelensky è stato il primo obiettivo. Tutte le guardie di frontiera sono state uccise giovedì sull’isola di Zminyi nella regione di Odessa, mentre i russi occupavano l’isola.

Quali terre ha effettivamente rivendicato la Russia?

Putin ha annunciato la sua posizione giovedì mentre i leader delle Nazioni Unite si stavano incontrando per esortarlo a tornare dall’orlo della guerra, e Putin non ha detto quanto in profondità alla fine sarebbe stato spinto in Ucraina. Ma in precedenza ha indicato che intende impadronirsi dell’est, dove i separatisti stanno combattendo una guerra di otto anni per il territorio del Donbass con il sostegno russo. Controllano meno della metà delle regioni di Donetsk e Luhansk, ma rivendicano la sovranità sull’intera regione.

Putin ha formalmente appoggiato le loro richieste martedì e ha inviato le sue forze speciali, che ora si stanno unendo ai separatisti, per premere in prima linea con l’Ucraina. All’inizio dello sciopero, Putin ha invitato i soldati ucraini a deporre le armi.

Ha anche chiesto all’Ucraina di cedere la Crimea nel sud, che la Russia ha annesso con la forza nel 2014 quando le proteste ucraine hanno estromesso il presidente filo-Cremlino del paese.

READ  La polizia indiana arresta le donne musulmane all'asta

In che modo la Russia giustifica l’attacco?

Putin afferma che lo sciopero mira a “disarmare e screditare l’Ucraina”, non la sua occupazione, ma si estende ben oltre le regioni orientali dove si è trasferito negli ultimi giorni e arriva dopo le ripetute smentite della Russia di pianificare un attacco.

Caricamento in corso

Alle Nazioni Unite, Russia Ha giustificato lo sciopero ai sensi dell’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite, che consente l'”autodifesa”. I leader mondiali ei media hanno respinto le accuse russe di aggressione ucraina e persino di “genocidio” in Oriente contro i russofoni come pretesto inventato per la guerra.

L’Ucraina ha rinunciato alle sue armi nucleari quando è diventata un paese indipendente dopo il crollo dell’Unione Sovietica (come parte di un accordo secondo cui la Russia non avrebbe interferito con la sovranità ucraina). Finora, i soldati ucraini sono stati riluttanti a rispondere alla “linea di contatto” con i separatisti, poiché i bombardamenti dei ribelli sono aumentati drammaticamente prima dello sciopero totale. Nel 2014, Putin ha anche affermato che il suo sequestro della Crimea serviva a proteggere i russofoni da quello che ha definito un “colpo di stato fascista” e quando ha inviato truppe in Georgia nel 2008 li ha chiamati anche “peacekeeper”.

Giovedì Putin ha nuovamente criticato l’espansione dell’alleanza militare occidentale, che ha chiesto il ritiro delle sue forze nell’Europa orientale e ha abbandonato i discorsi sull’adesione dell’Ucraina all’alleanza. Ha avvertito l’Occidente che qualsiasi intervento straniero nell’attacco porterebbe a “conseguenze che non hai mai visto prima nella tua storia. Siamo pronti per qualsiasi svolta degli eventi”.

Per Putin, l’Ucraina è un importante campo di battaglia nella sua guerra per l’influenza con l’Occidente, non vede l’ora Reclamare parte della gloria dell’ex Russia sovietica.

Qual è stata la risposta finora?

I leader mondiali condannano l’attacco della Russia Si sono tenute riunioni per coordinare le risposte. Grandi proteste contro la guerra sono scoppiate in tutto il mondo (compresa la stessa Mosca, dove molti manifestanti russi sono già stati arrestati). Quando i missili hanno iniziato a cadere, l’Ucraina ha invitato il mondo ad agire, esortando la Turchia a chiudere il Mar Nero alla Russia.

READ  La variante Omicron Covid ha più casi, il Regno Unito impone restrizioni di viaggio

Caricamento in corso

Sebbene i paesi abbiano affermato che non invieranno truppe per difendere l’Ucraina, poiché non è un membro della NATO, stanno inviando altro supporto e stanno intensificando la nuova ondata di sanzioni economiche contro la Russia iniziata questa settimana con l’invio di truppe da parte di Mosca a est. . Le nuove sanzioni statunitensi, ad esempio, sono progettate per isolare la Russia dalla maggior parte delle istituzioni bancarie e dai mercati di tutto il mondo, sebbene non la vietino esplicitamente da Swift, la principale rete di pagamenti internazionali del mondo.

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha definito l’invasione russa un “atto di guerra a sangue freddo” e “brutale” poiché l’alleanza rafforza le sue difese negli stati membri vicini e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affermato che “la Russia è la sola responsabile della morte e della distruzione che questo attacco porterà”, aggiungendo che Putin stava cercando di ricreare l’Unione Sovietica.

Il cancelliere tedesco Olaf Schulz ha detto giovedì che è stata una “giornata oscura per l’Europa” e il primo ministro britannico Boris Johnson si è detto sconvolto dal fatto che “il presidente Putin ha scelto la via dello spargimento di sangue e della distruzione lanciando questo attacco non provocato all’Ucraina”.

Caricamento in corso

Il primo ministro Scott Morrison ha affermato che la Russia ha scelto la guerra e deve pagarla, poiché l’Australia si muove per imporre più sanzioni agli individui e alle organizzazioni russe.

Ma la Cina, che negli ultimi anni si è avvicinata alla Russia, ha rifiutato in particolare di criticare l’attacco russo all’Ucraina. Invece, una portavoce del Dipartimento di Stato ha ribadito la sua richiesta di colloqui di pace e ha affermato: “La questione dell’Ucraina è complessa nel suo contesto storico”. E con una mossa che potrebbe mitigare l’impatto delle sanzioni economiche occidentali, Pechino ha anche approvato le importazioni di grano russo.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato il 24 febbraio ed è stato aggiornato per riflettere gli sviluppi.

credito: