Luglio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Cosa rende i ladri di biciclette così speciali?

Cosa rende i ladri di biciclette così speciali?

Vittorio De Sica Ladri di biciclette (1948) è costantemente classificato nelle liste dei più grandi film mai realizzati. Il cinema italiano ha influenzato generazioni di registi, attori e direttori della fotografia. È uno dei film italiani più riconoscibili, il che non è un’impresa da poco visto il numero di film classici che sono stati distribuiti in questo paese nel corso degli anni.

Perché? De Sica non ha inventato il neorealismo italiano, il movimento in cui è classificato il suo film, che descrive i drammi sulle sfide affrontate dalla classe operaia urbana e dai personaggi indigenti. De Sica non è stato il primo regista italiano a spostarsi dal set a location reali, a utilizzare attori non professionisti oa esaminare il prezzo emotivo della povertà. Finora, Ladri di biciclette Arriva al suo 75° anno di esistenza e resiste alle visualizzazioni ripetute. A testimonianza della sua instabilità, pochi film possono eguagliare la sua forza pura e la sua bellezza inaspettata.

Il film di 89 minuti è disponibile su MUBI. Ladri di biciclette Ambientato nella Roma del secondo dopoguerra. Tra palazzi bombardati, nuove abitazioni ancora in costruzione e masse di disoccupati, Antonio riesce a trovare un lavoro incollando bollette pubblicitarie.

Condizione: avrà bisogno di usare il suo ciclo. Quando la sua bicicletta viene rubata, Antonio, accompagnato dal figlio Bruno, si lancia in un disperato inseguimento.

La semplice trama è rappresentata in uno straordinario stile di natura morta. Ladri di biciclette è uno dei pochi film che sembra più un documentario con elementi di finzione piuttosto che un lungometraggio.

La fotocamera altamente mobile di Carlo Montuori cattura il dolore crescente sui volti di Antonio e Bruno, oltre a dettagliare i quartieri di Roma, le piazze pubbliche e il mercato delle biciclette riproposto che Antonio visita durante il suo viaggio. Siamo proprio nel cuore dell’azione, seguendo padre e figlio nella loro ricerca o correndo con loro quando pensano di aver trovato la moto. La vita e il cinema sono così strettamente intrecciati che è difficile distinguerli.

READ  Cosa devi sapere sui 4 Milwaukee Film Festival di aprile

L’uso di attori dilettanti crea un’immagine reale che rende la devastazione ancora più credibile. Antonio e Bruno interpretano un operaio e un ragazzo individuati da Di Sica in mezzo alla folla. (Hanno continuato a diventare attori professionisti.) I fugaci momenti di gioia e le loro lacrime sembrano non costruttivi quanto i drammi quotidiani che incontrano sulla strada. La loro performance è disincarnata ed emerge un profondo nucleo di comprensione. Roma, che pullula di tante persone come Antonio, è essa stessa un personaggio.

Questo documento umano, i cui aspetti tecnici possono ancora insegnarci una o due cose sul cinema, ha la compassione, la poesia cruda e la nota di fondo della rabbia che ancora risuona. Il film è stato un classico istantaneo ai suoi tempi e probabilmente lo rimarrà per sempre.