Luglio 13, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Cosa ci rende umani? Uno studio del genoma dei primati offre alcuni indizi

Cosa ci rende umani?  Uno studio del genoma dei primati offre alcuni indizi

WASHINGTON, 1 giugno (Reuters) – Lo studio genetico più completo mai condotto sui primati – un gruppo di cui fanno parte lemuri, primati, scimmie e umani – ha rivelato tratti genetici fondamentali per gli esseri umani, migliorando al tempo stesso la linea temporale della divisione evolutiva del nostro lignaggio dal nostro. Cugini più stretti, scimpanzé e bonobo.

I ricercatori hanno affermato giovedì di aver sequenziato e analizzato i genomi di 233 specie di primati, che comprendono quasi la metà delle specie viventi oggi, e hanno sorprendentemente scoperto che la maggior parte vanta una maggiore diversità genetica – la diversità all’interno delle specie che è vitale per adattarsi ai cambiamenti ambientali e ad altre sfide – rispetto a umani. .

Mentre alcune differenze genetiche precedentemente ritenute esclusive dell’uomo sono state trovate in altre specie di primati, i ricercatori ne hanno identificate altre che erano unicamente correlate alla funzione e allo sviluppo del cervello. Hanno anche usato i genomi dei primati per addestrare un algoritmo di intelligenza artificiale per prevedere le mutazioni genetiche che causano malattie negli esseri umani.

“Lo studio della diversità genetica dei primati non è solo importante per affrontare l’attuale crisi della biodiversità, ma ha anche un enorme potenziale per migliorare la nostra comprensione delle malattie umane”, ha affermato Lucas Cuderna, scienziato genomico dell’Istituto di ricerca biomedica di Barcellona in Biologia evolutiva in Spagna e Illumina. Inc (ILMN.O), autore principale del documento principale sulla ricerca pubblicato sulla rivista Scienze.

READ  Abbiamo appena assistito alla nascita delle prime galassie nell'universo: ScienceAlert

Esistono più di 500 specie di primati, tra cui lemuri, lori, ippopotami, scimmie del Vecchio e del Nuovo Mondo, “piccole scimmie” – gibboni e siamang – e “grandi scimmie” – oranghi, gorilla, scimpanzé e bonobo. Lemuri e lori sono i meno strettamente imparentati con l’uomo tra i primati.

“I primati sono il gruppo eterogeneo di mammiferi a cui apparteniamo noi umani, con tratti come cervelli grandi, elevata destrezza – la maggior parte delle specie ha pollici opponibili – e buona visione. Abitano le Americhe, l’Africa, incluso il Madagascar, e l’Asia”, ha detto Kuderna.

Scimpanzé e bonobo sono geneticamente più vicini agli umani, condividendo circa il 98,8% del nostro DNA.

Lo studio ha aggiustato la linea temporale per la differenza nel lignaggio evolutivo che ha portato agli umani e quello che ha portato agli scimpanzé e ai bonobo, e ha scoperto che questa pietra miliare si è verificata tra 6,9 milioni e 9 milioni di anni fa, leggermente più a lungo di quanto previsto in precedenza.

La razza umana, attraverso la successione delle specie, ha acquisito caratteristiche fondamentali come il bipedismo, arti più lunghi e un cervello più grande. La nostra specie, Homo sapiens, ha avuto origine circa 300.000 anni fa in Africa prima di diffondersi in tutto il mondo.

Lo studio ha esplorato le origini dei primati come gruppo. L’ultimo antenato comune di tutti i primati esistenti visse tra 63,3 milioni e 58,3 milioni di anni fa durante un periodo di notevole innovazione evolutiva all’indomani dell’impatto dell’asteroide 66 milioni di anni fa che spazzò via i dinosauri e permise ai mammiferi di raggiungere il dominio.

Le minacce legate all’uomo come la distruzione dell’habitat, i cambiamenti climatici e la caccia hanno lasciato circa il 60% delle specie di primati minacciate di estinzione e circa il 75% sono diminuite.

READ  La scoperta da parte della Cina di minerali lunari potrebbe aggiungere a una visione più completa della luna

“La stragrande maggioranza delle specie di primati ha molte più variazioni genetiche per individuo rispetto agli umani”, ha detto lo scienziato di genomica e coautore dello studio Jeffrey Rogers del Baylor College of Medicine in Texas. “Questo dimostra che probabilmente c’erano diversi colli di bottiglia di grandi dimensioni che hanno cambiato la quantità e la natura della variazione genetica nelle antiche popolazioni umane”.

I dati sul genoma possono aiutare a identificare le specie chiave che necessitano maggiormente di sforzi di conservazione.

Lo studio ha riguardato alcuni dei primati più a rischio di estinzione. Ciò includeva il gibbone dalla cresta nera occidentale, con una stima di 1.500 rimasti allo stato selvatico, diffuso in Cina, Laos e Vietnam, e il lemure sportivo settentrionale, con circa 40 rimasti allo stato selvatico in una piccola area del nord del Madagascar.

“È interessante notare che scopriamo che la diversità genetica è un cattivo predittore del rischio di estinzione in generale”, ha detto Cudierna. “Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che il numero di primati di diverse specie è diminuito così rapidamente che la loro genetica non ha avuto abbastanza tempo per compensare questa perdita di dimensioni della popolazione”.

(Segnalazione di Will Dunham; Montaggio di Rosalba O’Brien)

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.